video on demand

Time Warner: l’on demand sempre più centrale per i ricavi delle media company

Lo SVOD (subscription video on demand) sta diventando una fonte di entrate sempre più rilevante non solo per il settore audiovisivo nel suo complesso ma anche per i colossi mediatici. A sostenerlo il CEO di Time WarnerJeff Bewkes, che presentando i dati trimestrali della compagnia ha sottolineato anche le rilevanti aspettative di crescita riguardanti il ramo dello streaming ad abbonamento. Se nel 2013 la cessione di diritti a operatori quali Netflix, Amazon e Hulu ha generato ben 400 milioni di dollari, per l’anno in corso ci si aspetta una crescita percentuale a doppia cifra “e per questo non intendo 10 o 20% ma molto di più”, ha sottolineato il top manager. A renderlo così fiducioso nel comparto, non solo la diffusione di questo modello di consumo ma anche la crescente concorrenza tra gli operatori, che sta spingendo verso l’alto anche i margini delle major dell’intrattenimento. 

vod mix USA

Leggi tutto

Wide: dalla Francia al Regno Unito grazie al VOD

Se il leader americano dello streaming ad abbonamento, Netflix, sta per lanciare la sua offensiva al Vecchio Continente, i servizi già presenti nel mercato europeo si stanno organizzando per contrattaccare in anticipo. La casa di produzione e distribuzione Wide sta ad esempio oltrepassato i confini francofoni, lanciandosi nella distribuzione on demand dei suoi titoli in Inghilterra e Irlanda. Lo farà attraverso una partnership con la piattaforma VOD FilmDoo, specializzata appunto nel prodotto indipendente locale e internazionale. Il primo film della casa cinematografica francese a uscire “su richiesta” oltremanica sarà un titolo già passato alla Berlinale, Supernova, che sarà portato ind ay-and-date anche nelle sale dal distributore locale Matchbox. L’intesa con FilmDoo al momento sarà limitata alle due aree inglesi e irlandesi, ma l’intenzione è di espanderla ad altri territori anglofoni.

Supernova

Leggi tutto

Netflix: come lo si può vedere dall’Italia e con quali conseguenze

Su Cineguru.biz abbiamo già parlato abbondantemente di Netflix, di come la sua formula ad abbonamento mensile abbia sostenuto la crescita del video on demand negli Stati Uniti e di come la sua progressiva espansione in Europa potrebbe scardinare e al contempo dare nuovo impulso a questo settore anche nel Vecchio Continente. A partire da settembre il servizio aprirà le attività in alcuni dei mercati più forti e strutturate dal punto di vista dell’audiovisivo, in particolare quello francese e tedesco, senza toccare però il nostro Paese, si dice a causa del nostro ritardo nella banda larga. In realtà c’è da chiedersi quanto l’esclusione dell’Italia non abbia a che fare con la difficoltà a reperire i diritti su film e contenuti di successo, in particolare di produzione nazionale, con la forza e l’influenza dei broadcaster su tutta la filiera e con la centralità di calcio e sport nell’intrattenimento domestico. Tutte questioni che potrebbero tuttavia diventare secondarie rispetto a un dato di fatto fondamentale: vedere Netflix dall’Italia non è solo tecnicamente possibile, ma potrebbe diventare presto un’alternativa cui rivolgersi per consumatori sottoposti a quello che appare come un palese “gap” di mercato.

netflix e l'italia

Leggi tutto

VOD: un mercato da 750 milioni, in Germania

Con una crescita annua di abbonati a servizio SVOD (subscription video on demand) pari al 50%, il mercato tedesco dei contenuti audiovisivi fruiti su richiesta è destinato a crescere fino a 750 milioni di euro. A sostenerlo è la società di consulenza Goldmedia, secondo cui tale cifra sarà raggiunta intorno al 2019, alla luce della buona predisposizione degli utenti del web rilevata in un sondaggio condotto su un campione di oltre mille naviganti.

vod online

Leggi tutto

Amazon Studios: una nuova stagione di serie, rigorosamente on demand

Coppola, Soderbergh, Schwartzman: sono alcuni dei nomi che fanno da fiore all’occhiello alla nuova stagione di serial e pilot realizzati dagli Amazon Studios, il ramo produttivo del colosso dell’e-commerce ormai dedito principalmente a rimpolpare di contenuti originali l’offerta on demand del portale. Sottoscrivendo l’abbonamento Amazon Prime, dal costo annuale di 99 dollari, i clienti della compagnia non ottengono infatti solo l’annullamento delle spese di spedizione, ma anche accesso illimitato a una folta library di film e serie tv on demand, inclusi quei contenuti esclusivi autoprodotti dalla stessa compagnia per il suo pubblico online. Un’offerta che sembra volersi fare sempre più aggressiva, e che vedrà arrivare a settembre il serial di Jill Soloway Transparent, a ottobre una nuova stagione di quell’Alpha House che vede tra i protagonisti anche  John Goodman, a dicembre la serie di Roman Coppola, Alex Timbers e Jason Schwartzman Mozart in the Jungle, nel 2015 il poliziesco Bosch e il fantascientifico The After di Chris Carter. Previsto per il prossimo anno anche l’arrivo dei pilot della serie Red Oaks, firmato da Steven Soderbergh, The Cosmopolitans di Whit Stillman, Really, Hysteria e Hand of God. 

mozart in the jungle amazon

Leggi tutto

IN BREVE 26/06/14 – Il VoD sconfiggerà la pirateria in Europa; carcere in Italia per violazione del copyright

Le ultime news su cinema, business, innovazione e tecnologia. In evidenza oggi: secondo IDATE, il VOD eroderà il consumo pirata di film e sere tv in Rete d3l 6,5% nei prossimi 4 anni, segnando un punto dis volta nel mercato dell’home entertainment.

estimates-losses-generated-illegal-video-consumption2

Leggi tutto

UCI Cinemas e Chili presentano il loro accordo in esclusiva

La parola d’ordine è complementarietà. Basta pensare a sala e salotto come due luoghi in concorrenza che si sottraggono spettatori a vicenda; piuttosto, è ormai arrivata la necessità, anzi l’urgenza, di unire la proprie forze. L’obiettivo comune è quello di rafforzarsi a vicenda, d’incrementare il target di clienti appassionati di cinema e, non ultimo, combattere la pirateria.

La sinergia tra sala e salotto a cui si fa riferimento è quella tra UCI Cinemas e Chili: la società leader dell’esercizio cinematografico in Italia e la piattaforma di distribuzione digitale di film (primo operatore indipendente nel mercato nostrano) hanno stretto un accordo in esclusiva che è stato presentato ieri mattina a Milano. A parlarne erano presenti, alla conferenza stampa presso il Multisala Gloria (recente acquisizione del gruppo Odeon & UCI), i rappresentati dei due soggetti protagonisti Andrea Stratta (Amministratore Delegato di UCI ITALIA S.p.A) e Stefano Parisi (Fondatore e Presidente di CHILI S.p.A), oltre al Segretario Generale della FAPAV (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali) Federico Bagnoli Rossi.

chili Uci Leggi tutto

Antipirateria: le armi sono informazione e coinvolgimento

“La pirateria è un reato”, “rubare è vietato dalla legge”, teschi e ossa e addirittura, in altri Paesi, l’accusa di aiutare terrorismo e traffici illeciti di varia natura. L’antipirateria, come l’abbiamo conosciuta finora, ha puntato spesso e senza troppi risultati sulla colpevolizzazione degli utenti e sulla denuncia dell’illegalità di pratiche come il download. Da quando l’home entertainment ha cominciato a sperimentare una vera e propria migrazione di consumatori e proventi verso l’online, è diventato tuttavia più chiaro come la pirateria non sia da liquidare solo come comportamento criminoso. L’offerta illecita in passato ha supplito anche alla carenza di quella legale, sviluppata con ritardo da un’industria refrattaria agli inevitabili cambiamenti indotti dalla tecnologia. Ecco perché anche l’antipirateria necessita di un radicale cambio di strategia, come dimostra l’esempio inglese dell’Industry Trust for IP Awareness: sorta di corrispettivo della nostra Fapav, passata dalle campagne contro il “furto” a quelle per il supporto attivo all’industria creativa e per la diffusione della conoscenza delle alternative legali alla violazione del copyright.

 anchorman movie moments worth paying 4 Leggi tutto

Video on demand: quali regole per i nuovi player dell’audiovisivo europeo?

Quando si parla di web e audiovisivo, la fluidità dei servizi e la difficoltà dei legislatori nell’individuare e imporre la propria giurisdizione emergono quali temi portanti non solo in relazione all’offerta pirata, ma anche a quella legale. La tendenza dei colossi di Internet ad aggirare i sistemi fiscali e normativi più severi stabilendosi in Paesi diversi da quelli in cui operano è infatti il fenomeno che si sta affermando attualmente nel campo europeo del video on demand, dove ad esempio le principali piattaforme di origine americana come iTunes, Xbox e Netflix hanno posto la loro sede in Lussemburgo, pur essendo accessibili e fruibili da molti altri Stati. Come ricondurre questi nuovi e fondamentali player della filiera cinematografica e televisiva nell’alveo della legislazione UE è stata materia di discussione ieri, a Roma, nell’ambito del workshop Funding for Film and Audiovisual Production: What Role for New Players? (Finanziamenti alla produzione di film e audiovisivo: quale ruolo per i nuovi operatori?) organizzato da MibacT  e Osservatorio Europeo dell’Audiovisivo. Quello che ne è emerso, è un quadro normativo ancora frastagliato, non solo per quanto riguarda i nuovi ma anche i vecchi media, che stenta perciò a stare al passo con un mercato invece sempre più vivace. In autunno Netflix, il leader USA dell’on demand ad abbonamento, estenderà le sue attività europee a due aree fondamentali come Francia e Germania, più Austria, Svizzera, Belgio e Lussemburgo, imprimendo perciò in modo sempre più marcato la propria impronta nel vecchio continente. Sono pochissimi, tuttavia, gli Stati che ad oggi hanno messo a punto strumenti per imporre a grandi competitor stranieri come questo di contribuire al sistema audiovisivo nel suo complesso. 

 operatori VOD eu Leggi tutto

Notorious Pictures sbarca on demand su Google, iTunes e Sony

Se in Italia il mercato di EST e VOD, cioè dell’acquisto e del noleggio di film e serie tv tramite web, rappresenta l’unica area in crescita nel settore home video (+38,5% per un valore complessivo di 18 milioni di euro), si stima che in Europa i ricavi dell’on demand arriveranno a toccare incrementi fino al 190% entro il 2017. Ecco perché anche la distribuzione Notorious Pictures ha deciso di lanciarsi in questo mercato, cedendo non in esclusiva i diritti di sfruttamento dei suoi titoli a tre delle principali piattaforme di streaming e download operanti nel nostro Paese: Google Play, lo store di Apple iTunesSony Entertainment Network. Una library che vanta film con Cameron Diaz, Morgan Freeman, John Malkovich, Gian Maria Volontè, Sophie  Marceau, Bruce Willis, Brad Pitt e tanti altri, così come autori del calibro di Reiner Fassbinder e David Cronemberg.

notorious pictures

Leggi tutto