You are here
Home > Box Office > Box Office Italia > The Avengers: record assoluto negli USA con 200 milioni il primo weekend.

The Avengers: record assoluto negli USA con 200 milioni il primo weekend.

Il cinecomic supera i 640 milioni a livello mondiale. Buona performance del 3D. Ma un 8% degli incassi sarà accordato da Disney a Paramount, in virtù del precedente accordo con i Marvel Studios.

The Avengers aveva già ottenuto un risultato clamoroso al botteghino italiano, dove in soli cinque giorni di programmazione era già riuscito a balzare in testa alla classifica di aprile, come rivelato dai dati Cinetel, contribuendo a risollevare anche il trend del primo, fiacco, quadrimestre 2012. A livello internazionale il risultato era stato anche notevole, ma alla fine le cifre del debutto negli Stati Uniti sono state oltre ogni aspettativa. Oggi la Disney ha infatti comunicato che The Avengers ha superato i 200 milioni di dollari in un solo weekend, diventando il maggior incasso d’esordio di tutti i tempi negli USA.

 

 

Per l’esattezza, come riporta Screenweek, le stime definitive parlano di 207 milioni di dollari in tre giorni, che superano di oltre 30 milioni il record precedentemente stabilito dall’ultimo capitolo di Harry Potter, e tutto a dieci anni da quando, nel 2002, un altro cinecomic di importanza ormai storica come Spider-Man riuscì per primo ad abbattere la soglia d’apertura dei 100 milioni. C’è inoltre da sottolineare come il pubblico americano abbia assegnato al film, firmato da Joss Whedon, un rating A+ CinemaScore, il che dovrebbe preannunciare anche una buona tenuta in sala.

 

The Avengers, lo ricordiamo, è il primo esperimento di crossover tra supereroi, ovviamente tutti di casa Marvel. Finora ha raccolto a livello mondiale 641,8 milioni di dollari in 52 territori, pari circa al 95% del mercato internazionale. L’opera di Whedon sembra aver avuto un’ottima performance anche nei mercati emergenti: nella sola giornata di venerdì, in Russia, ha incassato 17,9 milioni di dollari, e altri 17,4 alla fine di sabato.

Buono il successo della versione in 3D, scelta dal 52% degli spettatori (da cui anche il notevole risultato economico).  Il 40% del pubblico ha optato per la versione “tradizionale”, l’8% per l’IMAX e il 4% per il “premium large format” (secondo Screenweek, qualcosa di simile al nostro iSense). Per quanto riguarda gli schermi IMAX americani in cui è stato proiettato (275) , l’incasso ha già superato i 15 milioni di dollari, insidiando così il primato stabilito anche su questo fronte da Harry Potter. Nel mondo, dalle sale IMAX sono già arrivati 31,2 milioni complessivi.

Come conferma anche il voto CinemaScore, The Avengers trae parte della sua forza dall’essere un four-quadrant movie, capace cioè di attirare a sé in egual modo tutti i principali target del mercato cinematografico: sia i giovani che gli over 25 (in percentuali 50-50), sia i maschi (60%) che le femmine (il restante 40%), sia le coppie (55%) che le famiglie (24%). Stando alle prime stime, il box office USA del weekend dovrebbe aver superato i 250 milioni totali, il che lo porrebbe già vicino o addirittura oltre la soglia del finesettimana di Harry Potter (251 milioni) e del Cavaliere Oscuro (253 milioni), ma non quello segnata nel Natale 2009 dall’effetto combinato di Avatar, Sherlock Holmes e Alvin, con quasi 260 milioni di dollari incassati.

A gioire del successo di The Avengers non sarà solo la Disney e di sicuro non sarà l’ex presidente Rich Ross, sotto cui è stata condotta gran parte dell’operazione ma che è stato costretto alle dimissioni dal flop di John Carter. In generale, The Avengers è il primo cinecomic interamente posseduto e distribuito da Disney dopo l’acquisto della Marvel, ma questo ha portato a una lunga contrattazione con lo studio che si era aggiudicato i diritti dei film precedenti, propedeutici all’arrivo dei Vendicatori, cioè Paramount. Fino a oggi, era già noto come Disney fosse stata costretta a lasciare il logo della concorrente sul materiale promozionale del film. Oggi Deadline ha rivelato anche qualcosa di più dell’accordo economico, secondo cui Paramount dovrà ricevere da Disney un totale di 115 milioni di dollari per essersi sganciata da The Avengers e da Iron Man 3, più un bonus rispettivamente dell’8 e del 9% sugli incassi dei due titoli. Infine, dettaglio non secondario, Paramount manterrà i diritti pay negli USA, tanto che The Avengers avrà il suo primo passaggio televisivo su Epix, joint venture di Viacom (controllante dello studio rappresentato dall’inconfondibile montagna), MGM e Lionsgate.

 

 

Fonte:  Screenweek, Deadline

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top