Condividi su

16 febbraio 2012 • 14:49 • Scritto da
Laura Croce

Una serie web targata Fox su MySpace, mentre Netflix e Hulu tentano di fare concorrenza ai serial in tv.

È il web che sta conquistando le tv o la tv che conquista il web? Fox Digital Entertainment lancia sul social network lo show Wolfpack of Reseda, pensato appositamente per l'online.

Post Image
0


Si tratta del primo prodotto di questo tipo realizzato da Fox Digital Entertainment, un ramo della nota emittente televisiva che finora si è occupato soprattutto di sviluppare app e mobile games come il Glee Karaoke, il gioco per iPhone basato su Avatar o una versione di Angry Birds ispirata al film di animazione della 20th Century Fox Rio. La partnership con MySpace è una novità relativa, visto che il social network è stato ceduto solo da poco dalla controllante di Fox, la News Corp. di Murdoch, a una cordata composta da Specific Media e Justin Timberlake. L’accordo su Wolfpack of Reseda è stato siglato inoltre dal neo-presidente di MySpace Entertainment, Roger Mincheff, che proviene sempre da Fox. La notizia assume però un certo rilievo se si considera l’annuncio fatto dallo stesso Timberlake all’ultimo CES, in cui l’attore e cantante ha promesso la creazione di una social tv che unirà l’intrattenimento di qualità proprio del piccolo schermo a tutti gli strumenti interattivi offerti dal social network. Wolfpack of Reseda non sembra nulla di così innovativo, ma potrebbe essere un passo in questa direzione.
Nessuna rivoluzione nemmeno sul fronte delle serie tv di Netflix e Hulu: oltre al rifiuto da parte della compagnia di Los Gatos di rendere pubblici i dati sugli ascolti perché non rientrano nella logica del VOD via streaming, a livello pratico, secondo The Wrap, né LilyhammerBattleground apportano sostanziali innovazioni di tipo formale o contenutistico. Per ora l’unica differenza sta nella piattaforma, ed è possibile che nel farsi guerra sui diritti, le media company stiano perdendo di vista il valore aggiunto dello strumento web. La partita, comunque, è ancora tutta da giocare.

 

Fonte: Hollywood Reporter, The Wrap

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 1.223.785 spammer.