Home > Cinema > Un nuovo accordo tra Universal e Cinemark riduce la finestra cinematografica

Un nuovo accordo tra Universal e Cinemark riduce la finestra cinematografica

Rispetto all'accordo con AMC Theatres, però, c'è una nuova clausola a favore delle sale...

Lo scorso luglio era giunta notizia di uno storico accordo tra Universal Pictures e AMC Theatres, che riduceva la finestra esclusiva dei film Universal nelle sale del gruppo ad appena 17 giorni. Uno scossone notevole ai 75/90 giorni canonici e una prima occhiata a un possibile futuro post-pandemia.

Ora sappiamo che non si è trattato di un caso isolato (nato dalla faida dovuta all’uscita in PVOD di Trolls World Tour): Universal ha appena stretto lo stesso accordo anche con le sale Cinemark, ma con una clausola extra. Vediamola.

La soglia dei 50 milioni

Sia AMC che Cinemark avranno tre weekend di programmazione esclusiva nelle loro sale. In cambio, quando poi i film Universal arriveranno sulle piattaforme PVOD, le due catene otterranno una percentuale dei profitti on demand. Quello che ha ottenuto in più Cinemark è che i film che raggiungeranno i 50 milioni di dollari di incassi nel primo weekend di programmazione potranno restare in sala più a lungo. Parliamo di almeno cinque weekend, 31 giorni anziché 17. Pare che anche AMC ora riceverà questa garanzia. Si tratta di una concessione importante, perché le prime cinque settimane di programmazione, per un blockbuster, sono il periodo in cui viene raccolta la percentuale maggiore degli incassi totali.

Qualche esempio

Per fare un esempio, prendendo proprio alcuni franchise Universal, basti dire che dei 353 milioni incassati da Fast & Furious 7 in America, il 93,7% veniva dai primi cinque weekend. Lo stesso nel caso di Jurassic World: il 92% dei 417 milioni totali incassati in patria veniva sempre da quei primi cinque weekend.

Naturalmente ci sono film che crescono più lentamente. Ad esempio Scappa – Get Out, un horror di grande successo che, in tutto, negli Stati Uniti ha incassato 176 milioni di dollari. In quel caso, il film raccolse 33,3 milioni nel primo weekend, ben al di sotto dei 50 che la nuova clausola chiede. Ma Universal ha specificato che non farà valere l’opzione PVOD su tutti i suoi titoli, permettendo ai successi “sleeper” di restare al cinema abbastanza da massimizzare la sua redditività.

Fonte: TheWrap

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 369.709 spammer.

Top