Home > Cinema > Non solo Italia: ecco dove i cinema hanno chiuso di nuovo

Non solo Italia: ecco dove i cinema hanno chiuso di nuovo

Dalla Germania al Canada, le sale torna a chiudere nella seconda ondata della pandemia

Mentre la seconda ondata della pandemia di Covid-19 attraversa l’Europa, i vari stati stanno reagendo con nuove misure e nuovi lockdown per appiattire la curva dei contagi. L’Italia ha preceduto i vicini europei con il Dpcm del 24 ottobre, che ha previsto, come sappiamo bene, una seconda chiusura dei cinema a partire dal 26 ottobre. La scadenza del Dpcm era stata fissata al 24 novembre, ma il nuovo Dpcm firmato da Giuseppe Conte a tarda notte ha approvato un “lockdown light” sul modello tedesco, e sarà in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre.

Germania, Francia, Belgio, Svizzera, Spagna

La Germania, subito dopo l’Italia, ha optato per richiudere i cinema a partire dal 2 novembre e fino al primo dicembre. La Francia ha preso una misura simile, dal 30 ottobre al 28 novembre. Il Belgio ha chiuso i cinema a livello nazionale il 29 ottobre (il 26 a Bruxelles), e dovrebbe riaprirli il 19 novembre. Il 21 ottobre hanno chiuso i cinema dei cantoni Vallese e Berna in Svizzera, il 30 ottobre quelli della Catalogna, in Spagna.

Regno Unito, Irlanda

Nel Regno Unito, il primo ministro Boris Johnson ha già annunciato un secondo lockdown. Tutte le attività non essenziali, cinema compresi, chiuderanno dal 5 novembre. Dal 2 dicembre ci dovrebbero essere le prime riaperture a livello locale, a seconda della gravità delle situazioni. In Irlanda i cinema hanno invece chiuso il 7 ottobre e dovrebbero riaprire sempre il 2 dicembre.

Europa dell’Est

Per quanto riguarda l’Europa dell’est, in Repubblica Ceca le sale sono state nuovamente chiuse il 12 ottobre, in Slovacchia il 15 ottobre, in Slovenia il 16. In Romania i cinema sono stati chiusi in alcune città (a partire da Bucarest) il 7 ottobre, ma il CNSU (comitato nazionale per le situazioni di emergenza) ha deciso per la riapertura (con le ammissioni al 50%) dal 15 ottobre. In Polonia i cinema resteranno chiusi dal 6 al 29 novembre.

Canada

Infine, in Canada le porte dei cinema sono state nuovamente chiuse il 9 ottobre.

L’appello UNIC

UNIC – International Union of Cinemas ha fatto appello alla Commissione Europea e al Parlamento Europeo affinché si impegnino a provvedere ulteriori fondi a supporto del settore cinema. UNIC ha citato i posti di lavoro forniti dal settore e il box office di 8,8 miliardi di euro del 2019, chiedendo che i cinema vengano inclusi nei piani di ripresa nazionali. L’Unione scrive:

Se un supporto adeguato e rapido non sarà fornito, le potenziali conseguenze sia in senso culturale che sociale sarebbero non meno che catastrofiche.

La Cina supera gli Stati Uniti

Nel frattempo, il box office cinese del 2020 ha superato quello americano, raggiungendo 1,98 miliardi di dollari contro gli 1,9 americani. Lo rivela Artisan Gateway, azienda di consulenza dell’industria cinematografica leader in Asia. Stando a The Hollywood Reporter, gli analisti prevedono che il divario aumenterà considerevolmente entro la fine dell’anno. In Cina i cinema sono aperti e il mercato si è ripreso in maniera sorprendente, mentre negli Stati Uniti aree chiave come New York e Los Angeles restano ferme.

Top