You are here
Home > Cinema > Cannes 2015: il bilancio per le distribuzioni italiane

Cannes 2015: il bilancio per le distribuzioni italiane

A BIM la Palma d’Oro, Dheepan, mentre Videa porterà in Italia il film premiato con la miglior interpretazione femminile Mon Roi. L’altra reginetta della Croisette, Rooney Mara (ex-aequo con la Bercot) arriverà invece con Carol di Todd Haynes, da tempo acquisito da Lucky Red.

La 68a edizione del Festival di Cannes si è conclusa senza riconoscimenti ufficiali per la cinematografia italiana ma, dal lato business, la kermesse si è confermata un mercato fervente da cui attingere anche per le nostre distribuzioni più attente al prodotto d’autore e di qualità. All’inizio della manifestazione avevamo già parlato delle acquisizioni di Lucky Red e Teodora. Vediamo ora quali titoli si sono aggiunti ai listini che verranno proposti all’esercizio nelle prossime stagioni, a partire dal vincitore della Palma d’Oro, Dheepan di  Jacques Audiard, in arrivo sugli schermi italiani per quella BIM che con il grande regista ha un legame ormai di lunga data.

audiard cannes

La stessa società ha poi acquistato il vincitore della sezione Un Certain RégardRams dell’islandese Grímur Hákonarson, il nuovo film di Ritesh Batra, già regista del piccolo caso Lunchboxche tornerà nelle nostre sale con Sense of an Ending, e Three Seconds di Otto Bathurst. Tre inoltre i film trattati al Marché da Wild Bunch, distributore cui fa capo anche BIM e da cui arriveranno dunque  The Red Turtle di Michael Dudok De Wit, Our Little Sister di Kore-Eda Hirokazu e il nuovo lungometraggio ancora senza titolo del rumeno Cristian Mungiu, affermatosi qualche anno fa proprio a Cannes grazie al suo Oltre le Colline.

Anche Videa porta a casa da Cannes un titolo del palmares con Mon roi, della regista Maiwenn, premiato per l’interpretazione femminile di Emmanuelle Bercot e con un cast di stelle s’Oltralpe in cui compaiono anche Vincent Cassel e Louis Garrel. Da notare come il premio sia stato consegnato ex-aequo con Rooney Mara, protagonista di Carol, già da tempo fermato da Lucky Red. Tornando a Videa, in listino si troverà poi Hhhh, ricostruzione storica dell’attentato ceco al gerarca nazista Heydrich, interpretata tra gli altri da Rosamund Pike e Mia Wasikowska, e la vera storia del primo clown di colore nella Francia della belle époqueChocolat. Da ricordare anche le recenti acquisizioni avvenute tra Cannes e Berlino di titoli internazionali di un certo richiamo come The Founder, biopic sul creatore di MacDonald’s firmato dal regista di Saving Mr Banks, John Lee Hancock, e con protagonista Michael Keaton; The Wife con Glenn Close e Frances Mcdormand; il film d’animazione Ballerina, incentrato sul sogno di una piccola un’orfana che in cerca di una carriera da étoile nei teatri di Parigi.

Da sottolineare come uno dei due film presentati a Cannes e già in listino Teodora all’inizio della manifestazione, cioè Il figlio di Saul di Laszlo Nemes, sia stato insignito del Premio Speciale della Giuria. Già stabilita anche la data d’uscita, il 27 gennaio 2016, in occasione del Giorno della Memoria.

A sbancare sul mercato internazionale, secondo The Hollywood Reporter, sono stati invece titoli come Nocturnal Animals, diretto dallo stilista Tom Ford, fermato per 20 milioni di dollari da Focus. Tratto da un romanzo di  Austin Wright, il film vanta come attori Amy Adams, Jake Gyllenhaal, Joaquin Phoenix e Aaron Taylor-Johnson. Il secondo accordo di maggior peso economico è stato quello da 4 milioni di dollari stretto da Lionsgate per aggiudicarsi Genius, con Colin Firth, e il film in concorso The Sea of Treas di Gus Van Sant, accolto alla kermesse da aspre critiche ma interpretato dal premio Oscar Matthew McConaughey. Come confermato già a inizio kermesse, Paolo Sorrentino ha visto il suo Youth entrare sotto l’ala di una major come Fox Searchlight, mentre Mia Madre di Nanni Moretti sarà distribuito da Alchemy.

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top