You are here
Home > Cinema > Digitale > Amazon, nel 2015 un nuovo servizio VOD gratuito?

Amazon, nel 2015 un nuovo servizio VOD gratuito?

La notizia, dopo alcune indiscrezioni nei mesi scorsi, giunge dal New York Post: Amazon starebbe per lanciare nelgi Stati Uniti, nel 2015, un nuovo servizio VOD, separato dal servizio Prime Instant Video (che attualmente costa 99 dollari all’anno). La nuova offerta dovrebbe essere gratuita o comunque proposta a un prezzo molto ridotto e, soprattutto, dovebbe…

La notizia, dopo alcune indiscrezioni nei mesi scorsi, giunge dal New York Post: Amazon starebbe per lanciare nelgi Stati Uniti, nel 2015, un nuovo servizio VOD, separato dal servizio Prime Instant Video (che attualmente costa 99 dollari all’anno). La nuova offerta dovrebbe essere gratuita o comunque proposta a un prezzo molto ridotto e, soprattutto, dovebbe basarsi sull’inclusione di annunci pubblicitari. Una mossa che permetterebbe a Amazon, secondo alcuni analisti di sferrare una seria sfida a Netflix e Hulu.

Amazon Prime Instant video on demandIn particolare Amazon, sebbene il nuovo servizio sia separato da Prime, avrebbe l’intenzione di utilizzarlo per “ingolosire” nuovi utenti, rendendoli familiari al Video on Demand e magari invogliandoli in un secondo momento a sottoscrivere l’abbonamento a pagamento di Prime. Inoltre il fatto di associare i film ai contenuti pubblicitari rappresenta per gli investitori un plus in quanto permette di indirizzare annunci mirati ai gusti degli utenti; Amazon potrebbe anche suggerire direttamente allo spettatore articoli in vendita sul suo store online tramite link diretto all’acquisto. E in Italia? Amazon Istant Video non è ancora presente, così come non è presente Netflix (nonostante si susseguano senza sosta voci su un suo imminente sbarco grazie a un accordo con Telecom): i maggiori operatori di streaming video internazionali sembrano ancora poco convinti dell’approdo nel nostro paese a causa del maggiore tasso di analfabetismo digitale della popolazione, della minore diffusione della banda larga e forse anche per il timore di sconvolgere i delicati equilibri del nostro mercato cinematografico.

 

Top