Home > Cinema > Netflix al tempio del cinema europeo: Sarandos ospite del Marché di Cannes 68

Netflix al tempio del cinema europeo: Sarandos ospite del Marché di Cannes 68

Il responsabile dei contenuti del servizio americano di streaming sarà ospite del Marché du Film della prestigiosa kermesse cinematografica. Tema dell'intervento, le opportunità aperte ai produttori locali dall'arrivo dei nuovi operatori della distribuzione online.

L’ingresso di Netflix nel mercato francese non è stato proprio semplicissimo: ha richiesto un lungo periodo di consultazioni con le autorità statali per ammorbidire alcuni aspetti della regolamentazione nazionale in materia di audiovisivo (una su tutte, la questione delle finestre per la distribuzione del prodotto cinematografico) e la ricerca di partner forti come la telco Orange per  affrontare la forte competizione degli operatori locali, in particolare Canal Plus. A più di un semestre dalla seconda espansione europea, però, la compagnia di streaming ad abbonamento è pronta per partecipare in veste più che autorevole alla manifestazioni francese di maggior rilievo nell’ambito della settima arte, cioè il 68° i.

ted sarandos

A parlare per conto della piattaforma di SVOD (subscription video on demand), sarà Ted Sarandos, il suo responsabile dei contenuti, ospite del programma NEXT del Marché du Film che si terrà come di consueto all’interno della prestigiosa kermesse. Tema del keynote sarà l’impatto dei nuovi modelli distributivi sul sistema di finanziamento e produzione dei film e, dato il contesto, è plausibile che il discorso del CCO di Netflix si concentri sulle opportunità che lo sbarco dell’operatore americano offre agli autori locali, considerando gli ingenti investimenti in prodotto originale su cui il servizio punta per fare breccia nel mercato e distinguersi dalla concorrenza. In Francia si attende attualmente l’uscita di Marseilles, una serie appartenente al genere crime e realizzata con maestranza locali che promette di essere una sorta di versione francese del popolarissimo show originale House of Cards, sempre targato Netflix.

C’è da chiedersi anche se Sarandos non tenterà una mossa più audace affrontando un altro tema molto caro alla piattaforma, quello appunto delle window, materia costante di scontro con gli esercenti americani e che di sicuro potrebbe suscitare malumori anche tra quelli europei. Altro argomento caldo sono i piani globali del servizio, che ha annunciato di voler completare l’espansione internazionale entro l’anno. Inclusa ovviamente anche l’Italia, dove rumor ormai quasi certi prevedono un lancio in partnership con Telecom per il mese di ottobre.

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top