Home > Cinema > The Space Cinema si allea con Universal per la distribuzione di film e contenuti alternativi

The Space Cinema si allea con Universal per la distribuzione di film e contenuti alternativi

Il leader italiano dell’esercizio affida alla major guidata da Richard Borg la distribuzione dei titoli del nuovo marchio The Space Movies. Possibili anche iniziative legate all’home video e alla vasta library Universal.

Partirà a settembre, con il terzo capitolo della saga de I Mercenari, e coprirà un ampio arco di attività: dall’acquisizione del prodotto fino al rapporto con gli esercenti e all’home video. Si tratta della nuova partnership appena annunciata dal circuito The Space Cinema, leader del mercato italiano della sala, e Universal Pictures International Italy, ramo locale della major hollywoodiana. Un accordo con cui, nello specifico, la catena cinematografica affida al nuovo partner alcune delle funzioni chiave del suo nuovo marchio dedicato alla distribuzione, The Space Movies, comprese la gestione delle uscite e la cura delle relazioni con gli esercenti.

the space cinema universal pictures international italy

Oggetto dell’intesa sono sia film sia i cosiddetti contenuti alternativi, quelli cioè addizionali rispetto alla normale programmazione cinematografica,  e le due aziende hanno specificato che la collaborazione si potrà estendere anche all’acquisto di titoli internazionali e di coproduzioni. Nella partnership rientreranno infine le attività di comunicazione e co-marketing, mentre non si escludono progetti legati all’home video e alla valorizzazione della ricca library di Universal.

L’accordo, il primo di questo tipo a livello europeo, segue una serie di iniziative che hanno già dimostrato l’impegno e l’interesse del circuito a espandersi anche oltre il settore dell’esercizio. Con il suo programma The Space Extra, assortimento di titoli speciali dedicati a cultura, musica, scienza, sport, intrattenimento e arte, la catena si è confermata da subito all’avanguardia nello sfruttare le opportunità offerte dal digitale, spingendo sulla multiprogrammazione e sui contenuti alternativi.  Un anno fa il programma aveva già realizzato nelle sale della catena 150mila spettatori, con la prospettiva di raddoppiarli entro la fine del 2013.  Lo stesso marchio aveva poi espresso l’intenzione di lanciarsi in via diretta nella diffusione sul mercato di questa tipologia di prodotto, sempre più centrale in un panorama cinematografico ormai completamente proiettato al digitale.

L’integrazione della filiera distributiva rappresenta un’ottima opportunità strategica per valorizzare il mercato del cinema” – ha commentato a proposito dell’intesa Giuseppe Corrado, AD di The Space Cinema –“Il presidio di una quota significativa di schermi e spettatori rappresenta la miglior garanzia per qualsiasi prodotto e la partnership con una struttura distributiva forte e già operante il miglior modo per integrare valori, non duplicare costi e conseguire i migliori risultati. Universal ha dimostrato di credere da subito nel progetto proponendoci la partnership che oggi abbiamo siglato con soddisfazione anche dei nostri azionisti”.

Questa invece la dichiarazione di Richard Borg, AD di Universal Pictures e da sempre sostenitore dell’importanza della mutliprogrammazione e dei contenuti alternativi:

“Nell’ambito di un settore dell’entertainment in profonda e costante evoluzione, una partnership con un importante protagonista come The Space è la risposta più indicata e dinamica che potevamo dare. Il mio augurio è che questo tipo di accordo sia la miglior garanzia per una crescita di tutto il mercato e di tutti gli operatori del nostro settore”.

Davide Dellacasa

Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.

http://dd.screenweek.it
Top