You are here
Home > Cinema > Cineworld riapre le sale in USA e UK e stringe un accordo con Warner

Cineworld riapre le sale in USA e UK e stringe un accordo con Warner

Lo scorso ottobre, dopo l’ennesimo rinvio di No Time to Die, la catena Cineworld, la seconda più grande al mondo dopo AMC Theatres, decise di chiudere 536 cinema della sussidiaria Regal negli Stati Uniti e 127 cinema Cineworld e Picturehouse nel Regno Unito. All’epoca, il CEO Mooky Greidinger aveva spiegato che la compagnia avrebbe atteso una chiara “programmazione” da parte degli studios. “Non possiamo basarci su un solo film”, ovvero Wonder Woman 1984, uscito nel Regno Unito e in USA intorno a Natale.

Oggi che i casi di Covid stanno scendendo sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, e i cinema di Los Angeles e New York City hanno finalmente riaperto (e quelli di Los Angeles sono destinati a tornare presto al 50% della capienza), Cineworld ha annunciato l’intenzione di riaprire i cinema Regal negli Stati Uniti. La riapertura delle prime sale avverrà il 2 aprile con Godzilla vs. Kong (che debutterà il 31 marzo nelle sale e su HBO Max). Il 16 aprile ci sarà un’apertura più ampia, in tempo per Mortal Kombat (anch’esso previsto su HBO Max oltre che al cinema). Ma non è tutto.

L’accordo con Warner Bros.

Cineworld e Warner Bros. hanno stretto un accordo che prevede che la catena programmi tutti i film Warner del 2021 nelle sale Regal (quindi in USA). A partire dal 2022, i film Warner avranno una finestra esclusiva di 45 giorni nelle sale Regal. Nel Regno Unito, invece, le sale Cineworld avranno una finestra esclusiva di 31 giorni per i titoli Warner prima del PVOD, che verrà estesa a 45 giorni in caso del superamento di un determinato box office. Cineworld programma di riaprire in Gran Bretagna a maggio.

“Un grande momento”

Mooky Greidinger ha definito questo “un grande momento per noi – il mercato americano rappresenta il 75% del nostro business – e presto sarà seguito da tutti i nostri mercati. Crediamo fortemente nell’esperienza cinematografica, che solamente un anno fa (2019) ha generato 43 miliardi di dollari nel mondo”. E ha aggiunto: “Siamo molto felici di questo accordo con Warner Bros. Questo accordo dimostra l’impegno dello studio verso gli esercenti e vediamo l’accordo come un’importante pietra miliare nel nostro rapporto secolare con Warner Bros.”.

Fonte: Deadline

Top