Home > Distribuzione > Fusione AT&T e Direct TV: nasce il colosso n.1 della pay-tv USA

Fusione AT&T e Direct TV: nasce il colosso n.1 della pay-tv USA

Continua l’attrazione fatale tra telco e media, altrimenti nota come convergenza: dopo quasi un anno di scrutinio, la Commissione Federale USA per le comunicazioni ha dato l’ok alla fusione tra la storica compagnia telefonica AT&T, secondo provider di connessione wireless del Paese, e la principale emittente satellitare, Dish TV. Un sodalizio che darà vita a un gigante...

Continua l’attrazione fatale tra telco e media, altrimenti nota come convergenza: dopo quasi un anno di scrutinio, la Commissione Federale USA per le comunicazioni ha dato l’ok alla fusione tra la storica compagnia telefonica AT&T, secondo provider di connessione wireless del Paese, e la principale emittente satellitare, Dish TV. Un sodalizio che darà vita a un gigante da 26 milioni di abbonati a livello nazionale e altri 19 milioni in America Latina, vale a dire il primo operatore di pay-tv degli Stati Uniti d’America, in grado di concorrere con altri colossi attivi nella fornitura congiunta di cavo, banda e contenuti culturali come Comcast (proprietaria anche di NBCUniversal).

atet

In un mercato sempre più saturo dal punto di vista dell’offerta di servizi di telefonia, nuove partnership tra TLC ed emittenti di vario tipo (cavo, satellite e video on demand) stanno fiorendo ovunque nei contesti industriali avanzati. In Italia ne sono esempio accordi come quello stretto tra Sky e Telecom per unire in un unico abbonamento e all’interno di un unico device, il modem, l’offerta delle due compagnie. Oppure ancora l’intesa stretta tra Mediaset e Vodafone per rendere disponibile parte dei programmi di Premium agli utenti dell’operatore mobile.

Il caso di AT&T è ovviamente più radicale, trattandosi di un’acquisizione da 48,5 miliardi di dollari che ha superato le preoccupazioni della Commissione Federale solo tramite l’accettazione, da parte della telco, di condizioni stringenti a garanzia della concorrenzialità di questo “matrimonio”. L’azienda, infatti, oltre a impegnarsi a mantenere una rigorosa net neutrality, cioè pari condizioni di accesso alla rete internet anche per i servizi rivali nell’offerta di video on demand, ha anche garantito che intraprenderà una politica speciale di prezzi per clienti in condizioni economiche disagiate, scuole e librerie, mantenendo per questi soggetti tutelati la possibilità di sottoscrivere un abbonamento alla sola connessione internet senza unirvi per forza un pacchetto più costoso, comprensivo di cinema, sport e serie tv.

Da notare, inoltre, come la fusione di AT&T e Dish TV non abbia sollevato gli scudi di Netflix e altri servizi concorrenti, che pure si erano fermamente opposti a un’altra ipotesi di accorpamento, quella cioè tra Comcast e Time Warner Cable, con cui la prima avrebbe accresciuto ancora di più la propria leadership nelle trasmissioni via cavo e quale provider di banda. Riguardo a questa nuova operazione i possibili concorrenti si sono invece limitati a chiedere il rispetto del principio di neutralità e apertura della rete, e in particolare l’assicurazione che non verranno stabiliti sovraccosti per mantenere la qualità dello streaming, neppure nei momenti di picco.

Per quanto di minor portata, tuttavia, anche l’unione di AT&T e Dish TV si presenta come il tassello di un nuovo quadro del mercato media e comunicazione: quadro di cui si cominciano appena ora a delineare i tratti salienti  e le potenziali criticità.

 

Fonte: CNET

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top