Home > Cinema > L'European Film Market 2015 guarda all'Asia

L'European Film Market 2015 guarda all'Asia

Il 2015 è ormai iniziato e la Berlinare comincia a preparare il terreno per la prossima edizione dell’European Film Market che si svolgerà dal 5 al 13 bebbraio in concomitanza con il 65° Festival di Berlino. L’edizione 2014 dell’EFM ha visto circa 8.500 partecipanti provenienti da 99 paesi, con 487 società accreditate da 55 Paesi...

Il 2015 è ormai iniziato e la Berlinare comincia a preparare il terreno per la prossima edizione dell’European Film Market che si svolgerà dal 5 al 13 bebbraio in concomitanza con il 65° Festival di Berlino. L’edizione 2014 dell’EFM ha visto circa 8.500 partecipanti provenienti da 99 paesi, con 487 società accreditate da 55 Paesi e 1.497 buyer provenienti da 63 paesi. 784 i film iscritti (574 le anteprime di mercato) per un totale 1.108 proiezioni. Un’edizione in linea con il 2013 per una manifestazione che ha risentito nelle ultime edizioni in modo particolare della crisi economica internazionale. Per l’edizione 2015 sono già completamente prenotati gli spazi espositivi situati nellle location del Martin-Gropius-Bau e del Marriott Hotel  e il mercato ha in programma nuove iniziativecome un focus sull’Asia e lo sviluppo del programma relativo ai documentari (Meet the Docs). «Con il nostro programma, vogliamo espandere l’EFM in un nuovo campo di business, sviluppando le sinergie tra il Festival e il mercato e sostenendo la posizione dell’EFM come uno dei mercati cinematografici più importanti al mondo» ha dichiarato il nuovo direttore Matthijs Wouter Knol, che ha sostituito Beki Probst, direttrice dal 1988 al 2014 e oggi presidente e consulting advisor del mercato stesso.

berlinalepalastIn particolare l’EFM cercherà di guardare maggiormente all’Asia partendo dalla partnership con l’associazione Bridging the Dragon, fondata nel 2014 da regista e produttore italiano Cristiano Bortone per promuovere la cooperazione tra produttori cinesi e europei. Lo scopo principale dell’associazione è quello di creare un network di produttori selezionati europei e di colleghi cinesi per cercare di sviluppare insieme contenuti che possano interessare entrambi i mercati. Inoltre uno dei tre EFM Industry Debates, sarà focalizzato sull’Asia e in particolare sul successo crescente delle piattaforme di distribuzione online nel mercato cinese. Ma la prossima edizione del mercato berlinese si aprirà in particolare anche alle serie tv, con una nuovo spazio, denominata “Drama Series Days”  (dal 9 al 10 febbraio) interamente dedicato alle serie di alta qualità. Tra le novità nche l’apertura di due nuovi punti d’incontro: l’EFM Buyers’ Lounge (aperto tutti i giorni) e l’EFM Producers Hub (aperto il 5 febbraio), entrambi presso il Martin-Gropius-Bau. Infine Meet the Docs, che si svolgerà per il settimo anno, sarà ampliata; previsti vari panel sul documentario, eventi e punti d’incontro.

Top