Home > Distribuzione > Digitale > Al via il 29 aprile il Festival del Cinema Italiano di Tokyo

Al via il 29 aprile il Festival del Cinema Italiano di Tokyo

Aprirà i battenti il 29 aprile per chiudersi il 5 maggio il Festival del Cinema Italiano di Tokyo, giunto ormai alla quindicesima edizione. La manifestazione, organizzata come ogni anno da Istituto Luce Cinecittà  in partnership con l’Asahi Shimbun, colosso editoriale giapponese, e con l’Ambasciata Italiana e l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, si propone come...

Aprirà i battenti il 29 aprile per chiudersi il 5 maggio il Festival del Cinema Italiano di Tokyo, giunto ormai alla quindicesima edizione. La manifestazione, organizzata come ogni anno da Istituto Luce Cinecittà  in partnership con l’Asahi Shimbun, colosso editoriale giapponese, e con l’Ambasciata Italiana e l’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, si propone come una importante vetrina sul nostro cinema in quello che attualmente è il terzo mercato cinematografico mondiale, dopo Stati Uniti e Cina. La selezione di quest’anno prevede 16 titoli, a partire dalle “Proiezioni speciali” dedicate a Carlo Mazzacurati per arrivare a film che hanno già una distribuzione giapponese come Le meraviglie di Alice Rohrwacher (Twin Co.) e Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek (Zazie Films). È inoltre in fase di contrattualizzazione la vendita da parte di Rai Com di Torneranno i prati di Ermanno Olmi.

Schermata 2015-04-24 alle 10.58.54
Accompagnerà i film a Tokyo una nutrita delegazione artistica: Isabella Ragonese per il film di inaugurazione Il giovane favoloso e per La sedia della felicità, Riccardo Milani e Paola Cortellesi per il loro Scusate se esisto, Lamberto Sanfelice e la protagonista Sara Serraiocco per Cloro, Francesco Munzi, reduce dal successo di critica per l’uscita americana di Anime nere, Giulio Manfredonia e Maria Rosaria Russo per La nostra terra, Ferzan Ozpetek per Allacciate le cinture, Edoardo Winspeare e Celeste Casciaro per In grazia di Dio, Alessandro Sperduti, coprotagonista di Torneranno i prati, Jacopo Olmi Antinori per I nostri ragazzi. Sarà presente inoltre anche una delegazione di world sales italiani, composta da rappresentanti di Fandango, Intramovies e Rai Com. Oltre ai due già citati, altri titoli sono stati comprati da distributori giapponesi nell’ultimo anno, determinando un record di vendite per questo territorio: tra gli altri, Viaggio sola (Alcine Terran),  Stop the pounding heart (Alphaville), Still life (Bitters End), Fathers and Daughters (Gaga), La mafia uccide solo d’estate (Only Hearts), Che strano chiamarsi Federico! (Pandora), Viva la libertà (Respect), Il sale della terra (Transformer). Già prevenduto anche il nuovo film di Nanni Moretti, Mia madre, a Kino Films. Tutte le proiezioni avranno luogo presso la Yurakutcho Asahi Hall di Ginza e come ogni anno una selezione dei titoli del festival sarà presentata ad Osaka nel weekend successivo al Festival (9 e 10 maggio). Di seguito tutti i titoli selezionati:

SELEZIONE UFFICIALE
La sedia della felicità  di Carlo Mazzacurati
Il capitale umano  di Paolo Virzì
Smetto quando voglio  di Sydney Sibilia
In grazia di dio  di Edoardo Winspeare
I  nostri ragazzi  di Ivano De Matteo
Anime nere  di Francesco Munzi
Il giovane favoloso  di Mario Martone
La nostra terra  di Giulio Manfredonia
Torneranno i prati  di Ermanno Olmi
Scusate se esisto!  di Riccardo Milani
Cloro  di Lamberto Sanfelice
 
SPECIAL PROGRAM
Le meraviglie di Alice Rohrwacher
Allacciate le cinture  di Ferzan Ozpetek
Last summer  di Leonardo Guerra Seràgnoli
La passione  di Carlo Mazzacurati
9×10 NOVANTA di AA.VV.

Osaka (9/10 maggio)
La sedia della felicità  di Carlo Mazzacurati
Il capitale umano  di Paolo Virzì
Smetto quando voglio  di Sydney Sibilia
Le meraviglie  di Alice Rohrwacher
Il giovane favoloso  di Mario Martone
La nostra terra  di Giulio Manfredonia
Scusate se esisto!  di Riccardo Milani

Top