Home > News > IN BREVE 02/04/14 – Universal trasferisce a L.A. la distribuzione internazionale; Amazon pronta a lanciarsi nelle tv connesse

IN BREVE 02/04/14 – Universal trasferisce a L.A. la distribuzione internazionale; Amazon pronta a lanciarsi nelle tv connesse

Le ultime news su cinema, business, innovazione e tecnologia. In evidenza oggi: la distribuzione theatrical per i mercati internazionali di Universal Pictures si trasferisce da Londra a Los Angeles; si attende per oggi la presentazione ufficiale dell'ancora misterioso set-top box con cui Amazon intende lanciarsi nel mercato delle tv connesse a Internet.

Le ultime news su cinema, business, innovazione e tecnologia. In evidenza oggi: la distribuzione theatrical per i mercati internazionali di Universal Pictures si trasferisce da Londra a Los Angeles; si attende per oggi la presentazione ufficiale dell’ancora misterioso set-top box con cui Amazon intende lanciarsi nel mercato delle tv connesse a Internet.

New_Universal_For_Black_Background_Logo_410

MERCATO INTERNAZIONALE

Universal Pictures trasferisce a Los Angeles il proprio ramo dedicato alla distribuzione theatrical internazionale. David Kosse, a lungo alla guida della divisione international, non seguirà l’accentramento e continuerà a guidare le operazioni della major da Londra, in attesa che venga nominato un successore. La mossa, secondo lo studio, consentirà un miglior coordinamento tra il marketing e la distribuzione, che avranno entrambi sede negli headquarter di Universal City. (The Los Angeles Times)

L’Osservatorio Europeo dell’Audiovisivo ha un nuovo presidente: si tratta di Johannes Studinger, già alla guida di UNI MEI, sezione dedicata ai media dell’unione sindacale UNI Global Union. Compito del chairman sarà guidare l’ente, che fa capo al Consiglio d’Europa, nel suo programma triennale, ancora in corso di definizione presso gli organi di governo dello stesso. (Digital TV Europe)

 

GIORNATE PROFESSIONALI Al via del 9 aprile gli accrediti alla quarta edizione di alla quarta edizione di Ciné, le Giornate Estive di Cinema che si terranno a Riccione dal 30 giugno al 3 luglio. Tariffe scontate fino al 50% registrandosi online, direttamente presso il sito della manifestazione.  (Il Giornale dello Spettacolo)

 

MEDIA

Si attende per oggi la presentazione al pubblico del set-top di Amazon, su cui il colosso dell’eCommerce continua a mantenere il riserbo. Tra le probabili caratteristiche del device, che servirà a connettere gli apparecchi televisivi in Rete, ci si aspetta un sistema operativo Amazon Common OS (versione di Android già usata per i Kindle Fire) e l’integrazione con il servizio VOD di Amzon,  Prime Instant video. Tra le ragioni che, secondo gli esperti, spingono la compagnia a promuovere un suo dispositivo per le tv connesse, c’è la possibilità di spingere in modo più aggressivo la propria offerta rispetto a quanto già non facciano le app presenti su tutti i principali set-top box e sulle smart-tv attualmente sul mercato. (GigaOm)

 

STREAMING VIDEO 

YouTube organizzata in palinsesti come una tv tradizionale. Questo è il servizio offerto da Pluto.tv, un curatore video che attinge i video diffusi online e li inserisce in canali tematici e in programmi da 30 minuti fruibili in modo del tutto simile al piccolo schermo. C’è anche un canale “HappY”, per ascoltare h24 l’omonima canzone di Pharell Williams presente nella soundtrack di Cattivissimo Me 2. (Digitaltrends)

 

SOCIAL

L’intrusione a sorpresa nelle foto altrui, o photobombing, con G+ si appresta a diventare una moda collettiva. Il social network di Google ha infatti lanciato un’app chiamata per l’appunto photobomb,  che consentirà a chiunque di veder comparire nelle proprie istantanee i volti noti dello spettacolo in pose assurde, pur non partecipando ad alcun evento mondano. Il primo personaggio a prestare, letteralmente, la faccia all’applicazione +David Hasselhoff, meglio conosciuto come Mitch di Baywatch, pronto a spuntare nelle foto ricordo di tutti gli utenti di G+. (Google Italia Blog)

 

TECH

Le app dominano il tempo passato su mobile: a confermarlo è una ricerca presentata da Flurry, che monitora 450 mila applicazioni installate su 1,3 miliardi di dispositivi in tutto il mondo. Stando all’analisi, a marzo 2014 gli utenti mobile avrebbero speso 2 ore e 42 minuti al giorno sui propri device, l’86% delle quali, cioè 2 ore e 19 minuti, solo sulle app. Una percentuale in decisa crescita rispetto a un anno fa, dove questa “fetta” era dell’80%, a favore di una maggiore fruizione del mobile web. Games e social rimangono le destinazioni preferite raggiunte attraverso suddette applicazioni, in misura rispettivamente del 32 e del 28%. (TechCrunch)

Top