Home > Cinema > UltraViolet: la nuvola conquista l’integrazione con Amazon. Gli abbonati a quota 750 mila.

UltraViolet: la nuvola conquista l’integrazione con Amazon. Gli abbonati a quota 750 mila.

Lo store online diventa partner delle major e delle imprese dell'hi-tech che sostengono il nuovo sistema di archiviazione online, già attivo negli USA e nel Regno Unito in 750 mila famiglie.

Che influenza ha avuto finora UltraViolet sul mercato dell’home video? Per quanto il nuovo servizio cloud, sviluppato dal consorzio di 75 imprese del settore dei media e dell’intrattenimento DECEDigital Entertainment Content Ecosystem, abbia appena superato i primi tre mesi di vista, è possibile cominciare a tirare alcune somme, partendo prima di tutto dal numero dei nuovi iscritti alla nuvola. Stando alle cifre diffuse in un comunicato stampa dai suoi realizzatori, sarebbero infatti più di 750 mila i nuclei familiari raggiunti oggi da UltraViolet, e questo come risultato dei 19 titoli resi finora disponibili dalle major per il nuovo sistema cloud.

Attiva negli Stati Uniti da metà ottobre e nel Regno Unito appena da fine dicembre, la nuvola è infatti sostenuta da diversi Studios hollywoodiani, capeggiati da Warner Bros, Sony e Universal, che offrendo agli acquirenti di Blu-ray e DVD la possibilità di crearsi anche la propria library digitale fruibile su diversi dispositivi connessi in Rete, sperano di rilanciare il sofferente mercato dell’home video e il concetto della proprietà dei contenuti che si fruiscono online. Finora, il metodo utilizzato è stato quello di un codice venduto insieme alle copie fisiche o digitali dei film, e attivabile attraverso un account sul social network di Warner dedicato a film e cinefilia, Flixster, o direttamente dagli appositi siti UltraViolet di Universal e Sony. Il sistema però sembra destinato a espandersi, non solo dal punto di vista dei contenuti ma anche da quello dell’accessibilità, grazie alle nuove partnership annunciate nel corso dell’ultimo Consumer Electronic Show di Las Vegas.

Le major dell’intrattenimento prevedono di moltiplicare i film e le serie tv da fruire attraverso il proprio archivio in Rete: si parla di centinaia di titoli tra nuove uscite e cataloghi, senza contare l’aggiunta di una nuova major come Paramount, che dal 24 gennaio farà il proprio ingresso nella nuvola in occasione dell’uscita in home video dell’horror di grande successo Paranormal Activity 3. Altri contenuti attesi per il nuovo anno sono inoltre Moneyball – L’arte di vincere, J. Edgar, Happy Feet 2, Tower Heist e Hop, mentre nel Regno Unito arriveranno Crazy Stupid Love, Midnight in Paris e L’incredibile storia di Winter il delfino.

Aumentano inoltre le metodologie di accesso alla library: sembra che sia in studio l’integrazione con Facebook, mentre Samsung ha già annunciato che i suoi lettori Blu-ray consentiranno d’ora in poi la visione in streaming dei film e delle serie tv archiviate su UltraViolet tramite una nuova app per Flixster attesa entro l’anno insieme a un nuovo sistema denominato “Disc to Digital”. Sviluppato insieme a Rovi, tale servizio permetterà ai possessori di Blu-ray e DVD delle major partecipanti alla cloud di convertire il contenuto delle copie fisiche già in loro possesso in file digitali da aggiungere al proprio catalogo UltraViolet.

Il consorzio DECE ha anche fatto sapere di voler stabilire un Common File Format per facilitarne l’utilizzo da più apparecchi, ma la novità di maggior rilievo è costituita senza dubbio dall’entrata in gioco di Amazon, uno dei pochi grandi player finora rimasti fuori dalla cloud insieme a Apple e Disney. In molti erano convinti che il popolare store online avrebbe opposto una concorrenza senza esclusione di colpi in modo da lanciare un proprio sistema di archiviazione online, da spingere soprattutto attraverso i tablet Kindle Fire. Durante il CES è arrivata però la smentita e, come riporta Bloomberg, il vice presidente esecutivo della compagnia ha invece rivelato come Amazon stia lavorando con una casa cinematografica ancora non meglio specificata per sostenere l’offerta di film e serie tv attraverso la nube di UltraViolet.

Si tratta di una conquista importante per il consorzio, cui finora è mancato proprio un partner capace di lanciare il servizio nel campo delle vendite al dettaglio. E potrebbe essere ancor più di buon auspicio considerando come nel 2012 sia prevista anche un’espansione della nuvola, che entro l’anno arriverà a toccherà il Canada e, stando al DECE, anche nuove aree non ancora precisate.

 

Fonte: MarketWatch, Bloomberg, Variety

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top