You are here
Home > Cinema > Digitale > Sandra Bullock e Blanca in vetta

Sandra Bullock e Blanca in vetta

Tra i vincitori della settimana, la serie Rai e il film di Netflix The Unforgivable. Non convincono invece Tutta colpa di Freud e la finale di X-Factor…

Dati Auditel – Rai
La quarta puntata di Blanca, trasmessa lunedì 13 dicembre, è andata molto bene, grazie a 5.431.000 spettatori e il 24.9%, in salita rispetto ai 5.235.000 spettatori e il 24.2% della terza.

Un Professore giovedì 9 dicembre ha ottenuto 4.430.000 spettatori e il 21.2%, in leggera diminuzione rispetto a sette giorni fa, quando aveva conquistato 4.653.000 spettatori e il 22.2%.

Decisamente su livelli più bassi (almeno per la fiction di Rai1), il dato di Sabato, Domenica e Lunedì, andato in onda martedì 14 dicembre per 3.019.000 spettatori e il 15,4%. Ricordiamo che l’anno scorso la precedente trasposizione di un’opera di De Filippo, Natale in Casa Cupiello, sempre con regista Edoardo De Angelis e protagonista Sergio Castellitto, aveva ottenuto su Rai Uno un risultato molto più lusinghiero, con 5.636.000 spettatori e il 23,9%.

In salita invece gli ascolti su Rai Due di Mare Fuori mercoledì 8 dicembre, grazie a 1.313.000 spettatori e il 6.2% di share, rispetto ai 1.198.000 spettatori (5.7%) della settimana precedente.

Dati Auditel – Mediaset
La scorsa settimana parlavo dell’esordio di Tutta Colpa di Freud e mi chiedevo come valutarlo, considerando che si tratta di un secondo passaggio dopo il debutto su Amazon prime Video. Gli ascolti della seconda serata, avvenuta martedì 8 dicembre, indirizzano il giudizio su ‘negativo’, visto che ha raccolto 1.795.000 spettatori e il 9.3% di share, rispetto ai 2.592.000 spettatori e lo 12.6% del debutto. Ripropongo allora la domanda di una settimana fa: per chi ha scoperto la serie su Canale 5 e ha comunque Amazon Prime (dove sono disponibili tutte le puntate), non verrà la tentazione di continuare a vederla su Prime, abbandonando Canale 5?

Dati Auditel – Sky
Anche i dati della finale di X-Factor confermano il momento di difficoltà di questo programma. Infatti su Sky Uno ci sono stati 612.000 spettatori (3%), che diventano 1.301.000 spettatori e il 6,2% complessivo se consideriamo anche Sky+1 e il passaggio free su Tv8. E’ meno della metà della finale del 2018, che aveva conquistato un totale pay e free di 2.824.484 spettatori (13%, in quel caso era trasmessa anche da Cielo). Decisamente meglio anche il 2020, con un 8% complessivo tra Sky Uno e Tv8, mentre non molto distanti i risultati della finale 2019 (6,6% totale). Insomma, sicuramente ci sarà da riflettere e la prossima edizione (l’ultima dell’accordo attualmente in vigore tra Sky e Fremantle e Syco Entertainment) sarà fondamentale per capire se (e come) andare avanti anche dal 2023 in poi…

Fonte dati Auditel di Rai/Mediaset/Sky: Davidemaggio.it

Netflix
Anche oggi, vorrei iniziare con la metrica che ho adottato dalla scorsa settimana: calcolare il totale delle ore viste da tutti i titoli presenti nelle top ten delle 4 categorie globali (tv e film, inglese e non inglese) per valutare le differenze tra i prodotti in inglese e non inglese e calcolare così il ‘peso’ di entrambi. Per la settimana dal 6 al 12 dicembre ecco i risultati (tra parentesi, quelli della settimana precedente):

Totale ore Top Ten Film (Inglese): 192.530.000 (169.840.000)
Totale ore Top Ten Film (Non inglese): 73.400.000 (79.740.000)
Totale ore Top Ten Film (Inglese e non inglese): 265.930.000 (249.580.000)

Totale ore Top Ten Tv (Inglese): 181.130.000 (217.490.000)
Totale ore Top Ten Tv (Non inglese): 305.700.000 (379.480.000)
Totale ore Top Ten Tv (Inglese e non inglese): 486.830.000 (596.970.000)

Se sui film la situazione è sostanzialmente stabile (con un aumento di poco più del 6%), c’è un calo più evidente nella serialità (circa il 18% in meno). E’ evidente insomma che – per le serie – non ci sono stati debutti fortissimi, come conferma anche il fatto che in testa nelle due categorie sono rimasti i vincitori della settimana precedente. Ma vediamo i dati in dettaglio.

Il risultato più interessante di questi sette giorni è quello di The Unforgivable, miglior film inglese con 85,8 milioni di ore, che punta quindi a entrare nella top ten all time, anche se non sarà facile. D’altronde, Sandra Bullock, protagonista di questa pellicola, con Bird Box fino al mese scorso deteneva il primato per il film in inglese su Netflix con 282 milioni di ore. A scalzarla è stato Red Notice, che risale in seconda posizione con altre 18 milioni di ore. Interessante invece la terza piazza, occupata dal cartone Back to the Outback. Cala al quarto posto The Power of the Dog, in testa la scorsa settimana, con altre 13,2 milioni di ore, mentre è nono Bruised, con altre 8,9 milioni di ore.

In vetta tra i film in lingua non inglese c’è l’horror thailandese The Whole Truth, con 10,5 milioni, mentre cala al secondo posto I viziati (Spoiled Brats) con 9,8 milioni. Interessante il debutto di Anonymously Yours al quarto posto con 8,9 milioni, che conferma come i teen movie su Netflix possano funzionare molto bene (basti pensare a prodotti di enorme successo come la trilogia di The Kissing Booth o Tutte le volte che ho scritto ti amo)

Nella categoria tv in inglese, si mantiene in testa Lost in Space con altre 35,8 milioni di ore. Anche in questa occasione, fa da traino alla prima stagione della serie, terza con 23,2 milioni di ore, e alla seconda, quinta con 15,2 milioni. Apre invece al secondo posto Titans, grazie a 26 milioni di ore. Interessante il ritorno in top ten (in sesta posizione) di The Witcher con 14,1 milioni di ore. La ragione è semplice: visto che la nuova stagione sarà disponibile da venerdì 17 dicembre, molti hanno recuperato (o rivisto) la prima, che peraltro era già finita nella top ten all time (al terzo posto) con 541 milioni di ore. Da segnalare la tenuta in top ten di Arcane (settimo con 13,4 milioni) e ovviamente di Maid (ormai un fenomeno di durata, ottavo con 12,5 milioni nella sua undicesima settimana di sfruttamento).

E’ un record di stabilità che può essere paragonato al momento soltanto a Squid Game, che è ancora al quarto posto della tv non inglese con 18,1 milioni dopo tredici settimane. Inutile dire che, in questa classifica, è in testa l’ultima stagione de La casa di carta, con 147,9 milioni di ore. E anche in questo caso, a beneficiare di questo traino sono state la prima stagione (terza con 19,8 milioni) e la seconda (decima con 8,1 milioni). Interessante notare come Spagna e Corea occupino sette posti su dieci di questa classifica, a dimostrazione di quanto le loro produzioni risultino gradite al pubblico di Netflix.

Per finire, ricordo qualche dato significativo che si può scoprire nelle top ten italiane di film e serie (che, lo ricordiamo, non comunicano però le ore di visione ottenute). Se Unforgivable e La casa di carta sono evidentemente in testa nelle rispettive classifiche, da notare con interesse la seconda posizione tra i film di Joker, altro esempio di titolo di straordinario successo in sala che viene (ri)visto volentieri dagli abbonati di Netflix. Forse anche più interessante il settimo posto di un altro film, I segreti di Wind River. Infine, da segnalare come Strappare lungo i bordi sia ancora in top ten (al nono posto).

Fonte dati Netflix: Top 10 Netflix

And Just Like That… (Hbo Max)
Come ho già scritto in passato, gli ascolti di Hbo Max non vengono rilevati da Nielsen (che comunque comunica tutto con un mese di ritardo) e quindi, per quanto riguarda And just Like That… (il sequel di Sex and The City, senza Kim Cattrall/Samantha), ci dobbiamo accontentare di un comunicato stampa, che ovviamente esalta i risultati.

Infatti, ci viene detto che si tratta del miglior risultato per una nuova serie (Hbo o Hbo Max che sia, ovviamente possiamo aprire il dibattito se questa sia veramente una ‘nuova’ serie) nelle prime 24 ore sulla piattaforma. Inoltre, la serie è entrata nella top ten assoluta degli esordi di film e serie su HBO Max. Il dato più interessante (perché difficilmente viene segnalato in comunicati di questo tipo) è che si tratta del miglior risultato di “prima visione di uno spettatore” (ossia, quello che un nuovo abbonato vede per prima cosa dopo essersi iscritto). Va detto che non viene specificata la tipologia di metrica adottata (maggior numero di spettatori totali? O la percentuale sugli abbonati di quella settimana? O altro?). Come poi dimostrato dai debutti di tante serie Netflix, anche in questo caso ne beneficia la serie originale, con un aumento di visioni del 59% rispetto alla scorsa settimana, che vale l’undicesimo posto in piattaforma.

Inutile dire che ho sempre grandi difficoltà a valutare dati ‘comparativi’ senza avere i risultati precisi degli altri titoli (e ovviamente senza sapere quali sono questi titoli). In ogni caso, si conferma che i concorrenti Netflix non vogliono comunicare le ore viste dei loro prodotti (la motivazione temo sia facile da intuire e anche comprensibile)…

Fonte: Deadline

Ascolti americani
Qualche dato interessante di ascolti questa settimana negli Stati Uniti per quanto riguarda la televisione tradizionale. Young Sheldon ha ottenuto 6,8 milioni di NF e 0,6% di share nel target 18-49 anni, mentre Magnum P.I. ha conquistato 5,1 milioni di NF e 0,5% (miglior risultato dell’anno), S.W.A.T. 5.1 milioni e 0,5% di share, Blue Bloods 5,9 milioni e 0,5% di share. Sono tutti prodotti della CBS, che si conferma, tra i tre canali principali (ABC e NBC gli altri) decisamente quello con le serie di maggiore successo, come potete vedere qui.

Piccola riflessione su questi dati: e meno male che il pubblico vuole prodotti originali! In questo caso, abbiamo una serie prequel (di The Big Bang Theory), un reboot (Magnum P.I.), un telefilm alla dodicesima stagione (Blue Bloods) e uno alla quinta (S.W.A.T.). Aggiungo anche che quest’anno la serie più vista della ABC (qui potete vedere i risultati delle sue serie, se la CBS quest’anno è in vetta, ABC invece è in fondo) è Gray’s Anatomy (a proposito di novità… alla diciottesima stagione).
(Nota: cliccando sui vari titoli troverete tutti i risultati delle puntate dell’ultima stagione di queste serie).

Fonti dati americani: Tv Series Finale, TvLine

Robert Bernocchi
E' stato Head of productions a Onemore Pictures e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.
Top