You are here
Home > Box Office > Box Office Italia > UN BOTTEGHINO A PEZZI – INCASSI BOX OFFICE DEL 31 MARZO 2017

UN BOTTEGHINO A PEZZI – INCASSI BOX OFFICE DEL 31 MARZO 2017

Brutto record negativo per il box office italiano, che da otto mesi consecutivi è in calo. La bella e la bestia vicino ai 16 milioni totali…

Iniziamo da un primato di cui avremmo fatto volentieri a meno. Con i dati di ieri, è ufficiale: anche marzo 2017 (56,6 milioni incassati) ha fatto peggio di marzo 2016 (58,9M). Sono otto mesi consecutivi che c’è una flessione rispetto all’analogo mese dell’anno prima. Insomma, ogni mese ha portato a un calo (agosto 2016 rispetto ad agosto 2015, settembre 2016 rispetto a settembre 2015, e così via). Per capire l’anomalia della situazione, basti dire che negli ultimi 10 anni, al botteghino italiano non sono mai capitati otto mesi consecutivi in calo (era successo al massimo che fossero sette, da gennaio a luglio 2008, rispetto agli analoghi mesi del 2007).

E’ difficile non collegare questa tendenza negativa con il mercoledì a due euro (che è nato a settembre 2016, quindi il calo di agosto non è ovviamente imputabile alla promozione). D’altronde, basti pensare che le prime due settimane di marzo (quelle più colpite dal mercoledì a 2 euro) avevano fatto segnare un -11,5% rispetto all’analogo periodo del 2016. Poi è arrivato La bella e la bestia, che grazie ai suoi quasi 16 milioni incassati in 16 giorni, avrebbe probabilmente risollevato da solo (cosa sicuramente non positiva, perché non si può puntare solo su un unico titolo, ma meglio di niente) il botteghino, se non fosse stato che l’anno scorso la Pasquetta cadeva di marzo (e quindi, marzo 2017 non ha avuto un lunedì così forte come l’analogo mese del 2016). Interessante notare che, come a novembre scorso, anche il mese di marzo ha visto vendere più biglietti (+1,8%) rispetto a un anno prima, ma (vista la giornata di promozione a 2 euro) gli incassi totali sono in calo. A febbraio (se consideriamo il confronto su 28 giorni, togliendo il 29 bisestile dell’anno scorso) i biglietti venduti erano sostanzialmente uguali, ma gli incassi 5 milioni in meno. Insomma, bene ma non benissimo.

A proposito del “film che tiene a galla le sale italiane quasi da solo”, ieri era ovviamente ancora primo con 332.444 euro, che lo portano alla soglia dei 16 milioni totali. Senza ripetere per l’ennesima volta gli stessi concetti, diciamo che continua nel suo andamento, mantenendo dei risultati assoluti superiori a quelli di Cenerentola e Maleficent, ma inferiori a quelli di Inside Out e Minions.

E’ invece interessante il dato di Ghost in the Shell, che ieri ha raccolto 154.886 euro, con un miglioramento non enorme rispetto al giovedì di esordio (+22%), a dimostrazione che quel giorno erano andati tanti appassionati. Oggi sarà fondamentale vedere se il film riuscirà a catturare una fetta importante di pubblico giovane e generalista, che magari conosce poco o nulla l’anime originale.

Con i dati di ieri (terzo con 58.372 euro), Life: non oltrepassare il limite ha superato il milione totale, ma certo non si può definire un dato esaltante. Dietro, tra i film italiani crescita importante per Classe Z (quinto con 48.086, ha raddoppiato i dati di giovedì e oggi dovrebbe conquistare i suoi incassi migliori), mentre aumenta del 32% Il permesso – 48 ore fuori e del 39% La verità, vi spiego, sull’amore. Nessuno di questi però ha assicurati i 2.000 euro di media copia nel weekend, un traguardo che anzi si preannuncia difficile.

Detto che Elle continua a comportarsi bene (settimo con 37.315 euro ieri), è da notare come Il diritto di contare sia risalito al nono posto, con la terza migliore media copia della giornata.

1 – LA BELLA E LA BESTIA: 332.444 euro (54.082 spettatori) 666 sale/499 media – Tot. 15.945.922

2 – GHOST IN THE SHELL: 154.886 euro (23.211 spettatori) 408/380 – Tot. 281.519* (2GG)

3 – LIFE: NON OLTREPASSARE IL LIMITE: 58.372 euro (9.560 spettatori) 270/216 – Tot. 1.008.629

4 – IL PERMESSO – 48 ORE FUORI: 54.050 euro (8.830 spettatori) 237/228 – Tot. 95.117* (2GG)

5 – CLASSE Z: 48.086 euro (7.508 spettatori) 262/184 – Tot. 71.958* (2GG)

6 – LA VERITA’, VI SPIEGO, SULL’AMORE: 38.115 euro (4.463 spettatori) 247/154 – Tot. 65.439* (2GG)

7 – ELLE: 37.315 euro (6.429 spettatori) 159/235 – Tot. 549.453

8 – NON E’ UN PAESE PER GIOVANI: 32.527 euro (5.791 spettatori) 288/113 – Tot. 714.663

9 – IL DIRITTO DI CONTARE: 29.212 euro (5.222 spettatori) 96/304 – Tot. 2.229.755* (2GG)

10 – JOHN WICK: CAPITOLO 2: 24.486 euro (3.888 spettatori) 94/260 – Tot. 1.623.298

11 – LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO: 19.853 euro (3.710 spettatori) 66/301 – Tot. 30.301* (2GG)

15 – IL VIAGGIO: 10.398 euro (1.914 spettatori) 48/217 – Tot. 15.972* (2GG)

16 – 17 ANNI (E COME USCIRNE VIVI): 6.398 euro (939 spettatori) 51/125 – Tot. 9.604* (2GG)

Venerdì 31 marzo: 980.557 euro (1.107.727 spettatori)

Venerdì 24 marzo: 1.549.523 euro (-36,7%) (239.782 spettatori)

Venerdì 1 aprile 2016: 1.107.727 euro (-11,4%) (#1 BATMAN V SUPERMAN: DAWN OF JUSTICE: 304.678 euro)

Per maggiori approfondimenti visitate la sezione Box Office di ScreenWEEK.it

Fonte dei dati: Cinetel

Volete rimanere sempre aggiornati con le migliori notizie sul business di cinema, intrattenimento e tecnologia? Scaricate la nuovissima app di Cineguru.biz, rinnovata nella user experience e nel design, disponibile gratuitamente sia per dispositivi iOS e Android

Robert Bernocchi
E' stato Head of productions a Onemore Pictures e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.
Top