You are here
Home > Box Office > Box Office Italia > Russia, niente quota per i film stranieri

Russia, niente quota per i film stranieri

La Russia ha deciso di non contingentare il numero di film stranieri distribuiti sul proprio territorio. «L’industria cinematografica Russa ha dimostrato di essere competitiva anche senza quote minime per i film locali» ha dichiarato il ministro della cultura sovietico Vladimir Medinsky in una conferenza stampa, riferendosi piuttosto all’idea di ipotizzare una quota di mercato minima…

La Russia ha deciso di non contingentare il numero di film stranieri distribuiti sul proprio territorio. «L’industria cinematografica Russa ha dimostrato di essere competitiva anche senza quote minime per i film locali» ha dichiarato il ministro della cultura sovietico Vladimir Medinsky in una conferenza stampa, riferendosi piuttosto all’idea di ipotizzare una quota di mercato minima per i film locali che a quella di restringere il numero della uscite straniere. Aggiungendo che in un momento di difficoltà economica come quello attuale ogni restrizione del prodotto straniero avrebbe conseguenze pesanti sull’esercizio.

Schermata 2014-10-23 alle 11.47.28

Nel 2014 la quota di mercato dei film locali al box office è stata in Russia del 18,9% (appena superiore al 18,2% registratonel 2013). Per tentare di innalzare questa quota, per preservare il prodotto locale e per favorirlo rispetto a quello americano la Russia ha già  posto in atto comunque misure severe. Tra queste, all’inizio dell’anno, il Ministero della Cultura ha annunciato che avrebbe stabilito le date d’uscita di ogni film sul territorio russo, in modo da assicurare priorità alla produzione nazionale e a non farla competere con i film Hollywoodiani. In seguito a questa decisione Disney ha spostato di propria iniziativa al 23 aprile la release di Avengers: Age of Ultron,  per evitare un intervento ministeriale dal momento che il film, inizialmente previsto per il 30 aprile avrebbe coinciso con l’uscita di A Zori Zdes Tikhiye (The Dawns Here are Quiet) di Renat Davletyarov.

Top