You are here
Home > Cinema > Stati Uniti: in 21mila schermi per il consorzio di distribuzione digitale DCDC

Stati Uniti: in 21mila schermi per il consorzio di distribuzione digitale DCDC

Nuovi circuiti di sale cinematografiche americane sono entrate nel Digital Cinema Distribution Coalition, il consorzio creato nel 2013 dalle catne cinematografiche AMC Theatres, Cinemark Theatres, Regal Entertainment Group e dalle major Universal Pictures e Warner Bros. per assicurare all’industria la distribuzione digitale dei film attraverso un network comprendente satelliti di ultima generazione e tecnologie di…

Nuovi circuiti di sale cinematografiche americane sono entrate nel Digital Cinema Distribution Coalition, il consorzio creato nel 2013 dalle catne cinematografiche AMC Theatres, Cinemark Theatres, Regal Entertainment Group e dalle major Universal Pictures e Warner Bros. per assicurare all’industria la distribuzione digitale dei film attraverso un network comprendente satelliti di ultima generazione e tecnologie di distribuzione terrestre. Il sistema di sistribuzione satellitare, in particolare, permette i fornitori di contenuti di spedire film o altri titpi di contenuti snza l’ausilio di supporti fisici e hard drive. A far parte del consorzio entrano così Carmike Cinemas e Marcus Theaters, rispettivalente la quarta e la quinta catena di sale del paese, insieme ai Wehrenberg Theaters.

satellite

Complessivamente gli schermi serviti da DCDC arrivano così a 21mila per oltre 1.800 cinema in tutto il Nord America: Carmike conta infatti 2.917 schermi per 278 cinema in 41 stati, Marcus 85 schermi in 55 cinema in sette stati e Wehrenberg 218 schermi per 16 cinema. Un bel salto se si pensa che nel 2013, all’atto della nascita il consorzio contava su 7.000 schermi per un totale di 1.200 cinema. Tra i fornitori di contenuti, oltre alle major citate, anche Walt Disney Pictures, Sony Pictures, 20th Century Fox, Paramount Pictures, Lionsgate, Focus Features, Open Road e Freestyle Releasing. «Questi grandi operatori – ha dichiatato il CEO della società Randy Blotky – così come i nostri molti fornitori di contenuti di primo livello, sono attratti dalla nostra piattaforma digitale all’avanguardia, efficiente ed economica e dal nostro modello di business unico che fornisce una gamma di prezzi equa e uniforme per tutti i nostri clienti».

Top