You are here
Home > Cinema > Bob Iger: ancora presto secondo il CEO Disney per valutare il peso dell’offerta online nell’HE

Bob Iger: ancora presto secondo il CEO Disney per valutare il peso dell’offerta online nell’HE

Positivo il sostegno del digitale al settore, ma per Iger non si può ancora parlare del reale impatto del video on demand sull’intrattenimento domestico.

Il 2013 è stato senza dubbio un anno da ricordare per The Walt Disney Company. Nell’ultimo trimestre la compagnia ha battuto le attese del mercato, riportando profitti per 12,3 miliardi di dollari soprattutto grazie alla sua divisione cinematografica, sostenuta dal successo internazionale di Frozen e di Thor. La presentazione dei risultati finanziari della major, però, è stata anche l’occasione per il CEO Bob Iger di affrontare il tema dell’home entertainment e in particolare di come il comparto digitale stia agendo sul settore. Ad essere chiamato in causa è stato, in particolare, quell’incremento dell’1% registrato dal mercato nel 2013 principalmente grazie al buon andamento dell’EST (electronic sell-through, cioè la vendita di film e serie tv in formato digitale online): un trend che secondo Iger va valutato  positivamente, ma senza sovrastimarne l’incidenza attuale sulla filiera audiovisiva.

iger conferma walt disney co

“Abbiamo puntato sul digitale perché fa bene ai nostri brand ritagliarsi nuove destinazioni sulle piattaforme online”, ha spiegato il CEO di Walt Disney, sottolineando tuttavia come il declino del 13% registrato lo scorso anno da DVD e Blu-ray non sia stato completamente compensato dalla crescita, pur notevole del comparto digitale. L’EST in particolare ha conosciuto un’espansione di oltre il 50%, ma la sua base di partenza rimane troppo ristretta per competere con i ricavi del fisico.

In poche parole: “È ancora presto per valutare quale sarà l’influenza del digitale”, ma ciò non impedirà a Disney di investire su film e su saghe cinematografiche con “maggiori possibilità di perfromare bene sul mercato dell’home entertainment rispetto a titoli non sostenuti dai nostri brand o dai nostri franchise, in particolare se destinati alle famiglie”.

A tal proposito grandi sono le aspettative rispetto a Star Wars: Episode VII, in uscita nel 2015, che secondo Iger diventerà il titolo di maggior successo di sempre nella storia della mjor.

Per quanto riguarda il settore Entertainment di Disney, nell’ultimo trimestre la divisione è cresciuto di ben il 75%, soprattutto grazie ai risultati theatrical, mentre l’intrattenimento domestico ha ottenuto buoni risultati con la riduzione del numero di titoli distribuiti e con il conseguente taglio dei costi di marketing. Gli introiti del comparto sono stati inoltre sorretti in parte dalla crescita del ramo internazionale TV/SVOD (subscription video on demand), mentre risultano per ora in calo i ricavi dell’on demand ad abbonamento sul mercato USA. Su questo fronte, tuttavia, si aspetta con grande interesse la partenza dell’accordo con il leader americano dello streaming on demand, Netflix, prevista per il 2016.

 

Fonte: Home Media Magazine

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top