You are here
Home > Cinema > Sorrento 2013, Marco D’Andrea: Universal Pictures tra il successo di Hunger Games, il kolossal Noah e Transformers

Sorrento 2013, Marco D’Andrea: Universal Pictures tra il successo di Hunger Games, il kolossal Noah e Transformers

La major, Biglietto d’Oro quest’anno come seconda distribuzione per numero di spettatori, è pronta a ripartire nonostante lo stop per lutto imposto temporaneamente a Fast & Furious, con altri grandi franchise quali Transformers, con il ritorno delle Tartarughe Ninja, di Spongebob e i prossimi capitoli della saga Hunger Games.

Reduce dal grande successo di Hunger Games: La Ragazza di Fuoco, seconda distribuzione italiana per biglietti venduti, Universal Pictures è pronta a cominciare una nuova annata, non solo all’insegna dell’attesa per gli ultimi due capitoli del franchise ormai divenuto di culto, ma anche di un’offerta che unisce kolossal, action, humor spesso molto scorretto, romanticismo e tanti altri ingredienti. Seguitissimo sui social network e con un incasso di oltre 4 milioni di euro nel primo weekend di programmazione, il secondo Hunger Games sarà seguito da due nuovi capitoli in uscita rispettivamente il 20 novembre 2014 e il 19 novembre 2015, entrambi con un giorno d’anticipo rispetto agli USA per rispettare la regola delle prime il giovedì. Tra i grandi appuntamenti del nuovo anno si annoverano però altre saghe di successo come Transformers, la comicità irriverente di Seth MacFarlane, l’idolo dei più piccoli Spongebob. Abbiamo chiesto di parlarcene a Marco D’Andrea, Direttore Commerciale di Universal Pictures Italia.

hunger-games

 

Ovviamente questa stagione per la major si caratterizza anche per il temporaneo stop imposto alla produzione del prossimo film di Fast & Furious a seguito dell’improvvisa e tragica scomparsa dell’attore Paul Walker. “Per noi era un punto fermo, ma abbiamo comunque un listino importante nel numero e nella qualità”, ci spiega D’Andrea, passando poi a sottolineare alcuni dei punti focali nell’offerta Universal, che si occupa in Italia anche dei titoli Paramount e della physical distribution per la Filmauro di Aurelio De Laurentiis. Noah, la storia di Noé rivisitata dal regista Darren Aronofsky e interpretata da Russell Crowe, uscirà nel periodo pasquale e rappresenta uno dei film di punta della prima parte dell’anno, insieme alla nuova commedia di  Carlo Verdone Sotto una buona stella, interpretata dallo stesso regista e da  Paola Cortellesi, nelle sale a febbraio. Si pensa inoltre già a Natale 2014 con il cartoon Spongebob: “Per noi è stato una piccola sorpresa – ci rivela D’Andrea – è arrivato da pochissimo e abbiamo deciso di farlo uscire in quel periodo perché riteniamo che il personaggio nel tempo sia cresciuto moltissimo. Una decina di anni fa abbiamo distribuito il primo film dedicato a Spongebob con risultati modesti, quando ancora era un cartone poco conosciuto. Ora invece è assolutamente popolare e per questo pensiamo che nel periodo natalizio possa avere un forte incasso”.

Altro titolo in primo piano è poi Transformers: Age of Extinction: “Paramount sarà molto forte quest’anno. Il quarto capitolo di questo franchise uscirà in piena estate e ci aspettiamo un risultato pari a quello dei precedenti. Poi avremo il film delle Tartarughe Ninja prodotto da Michael Bay, in cui crediamo molto, e punterei anche su Hercules: The Thracian Wars con The Rock, soprattutto per il suo posizionamento in agosto, dove non troverà competizione”.

Questi dunque i cardini dell’offerta Universal, cui si aggiungerà ovviamente anche il film di Natale 2014 di Filmauro e una “potenziale sorpresa” come l’irriverente commedia Neighbors, incentrata sulla lotta senza quartiere tra un tranquillo padre di famiglia,  Seth Rogen e la confraternita universitaria che gli si trasferisce vicino casa, guidata da uno scatenato Zac Efron.

Quello che si sta per concludere per noi è stato un anno davvero importante – sottolinea D’Andrea – Non solo a Sorrento abbiamo ritirato il biglietto d’oro come seconda distribuzione per numero di presenze realizzate, ma per noi rappresentava anche quello che chiamerei un anno 0, il primo senza i titoli Marvel e DreamWorks. Nonostante questo saliamo sul podio, e l’obiettivo è di consolidare tale posizione continuando ad affermarci come leader del mercato”.

Senza dimenticare poi l’opportunità rappresentata dalla saga di Hunger Games: “Il primo episodio in Italia non ha avuto un gran risultato perché probabilmente non era ancora molto maturo. Con il secondo invece stiamo ottenendo un riscontro straordinario anche grazie al lavoro del Direttore Marketing, Massimo Proietti, e della sua squadra, che ha saputo cogliere l’essenza del film e tirarla fuori con tutta la sua forza. Chiuderemo probabilmente col triplo degli incassi rispetto al primo capitolo e a differenza di altri sequel, credo che il terzo e il quarto film di Hunger Games faranno crescere ulteriormente tale risultato. Sono convinto abbiano un potenziale ancora inespresso che con un buon lavoro riusciremo a  sfruttare al meglio”.

Da notare anche il costante impegno della major sulla questione stagionalità: “Ci siamo sempre stati l’estate, abbiamo cominciato dal 2001 con Mission: Impossible e continueremo a esserci. Quello su cui tutte le distribuzioni dovrebbero porre maggiore attenzione è invece la collocazione delle uscite in quel periodo, cioè tra la metà di giugno e la metà di agosto. Il prodotto non deve assolutamente mancare, ma troppi film non fanno bene a nessuno: è importante utilizzare i mesi estivi, che devono essere vivi, ma con più cognizione di causa”.

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top