Home > Distribuzione > Chi riuscirà a comprare Hulu tra Google, Yahoo ed Amazon? [UPDATE]

Chi riuscirà a comprare Hulu tra Google, Yahoo ed Amazon? [UPDATE]

Prosegue ormai da diverso tempo e con grandi colpi di scena il tentativo di vendere Hulu, il noto servizio di video on-demand tra i più conosciuti ed utilizzati negli Stati Uniti. La quota delle proprietà è divisa in alcune parti tra Disney/ABC (27%), Comcast/NBC (32%) e News Corp./FOX (31%) spalleggiati dal fondo di venture capital...

Prosegue ormai da diverso tempo e con grandi colpi di scena il tentativo di vendere Hulu, il noto servizio di video on-demand tra i più conosciuti ed utilizzati negli Stati Uniti.

La quota delle proprietà è divisa in alcune parti tra Disney/ABC (27%), Comcast/NBC (32%) e News Corp./FOX (31%) spalleggiati dal fondo di venture capital Providence Equity Partners (che ha il 10% delle quote). Gli aspiranti acquirenti sono diversi ed in testa troviamo Google e Yahoo.

La cessione di Hulu al miglior offerente sta appassionando non poco i media specializzati e gli interessati del settore. Ecco alcune tra le ultime novità che sono state svelate sulla trattativa.
Bloomberg ha svelato ad esempio alcuni dettagli sulla tavolo del negoziati: chi acquisterà Hulu avrà garantito per 5 anni l’accesso agli show delle library Disney, Comcast e News Corp.. Di questi 5 anni di licenza assicurata, i primi due anni saranno addirittura in esclusiva sebbene NBC, ABC e FOX manterranno la facoltà di riproporre i propri spettacoli sui loro siti ufficiali. Sarebbe presente inoltre un’ulteriore clausola accessoria che da la possibilità alle major di continuare a vendere i diritti di streaming anche ai servizi TV Everywhere, vale a dire i VOD su qualsiasi dispositivo collegato a Internet in qualsiasi località, normalmente riservati agli abbonati delle pay TV via cavo e via satellite.

A sorpresa Microsoft ha ufficializzato di essersi tirata fuori dall’asta, nonostante l’acquisizione di Hulu avrebbe potuto rappresentare un punto importante nel processo di evoluzione della piattaforma Xbox Live diventando anche distributore di contenuti TV, oltre al consolidato rapporto che ha con Netflix per quanto riguarda l’ambito cinematografico.

Ciò che può aver allontanato Microsoft si è rivelato un motivo per accelerare il processo, almeno per Yahoo. La società sembra essere disposta a pagare 2 milardi di dollari per il videoportale. Le condizioni che vi ho riportato qui sopra sarebbero indispensabili secondo il consiglio di amministrazione di Yahoo, che considera un periodo di 5 anni il tempo minimo indispensabile per costruire un rapporto con i propri consumatori ed imporre il brand come leader di distributore di contenuti on-line. Inoltre l’acquisizione riporterebbe in luce una società le cui azioni sono calate particolarmente negli ultimi anni.

Ma le trattative sono in salita visto che gli ostacoli più grossi si chiamato Google e Amazon. Secondo alcuni rumor le due società avrebbero fatto offerte ben più sostanziose.

Google rimane sempre il cavallo su cui puntare vista la liquidità di cui dispone e la grande utilità che potrebbe avere l’ingresso di Hulu all’interno della società. A sfavore di Google però c’è un fattore da non sottovalutare: l’Anti-Trust USA, che ha diverse indagini in corso su Google e che continua a vedere YouTube come un nemico da combattere.

Amazon dispone di fondi altrettanto solidi e rimane ancora in corsa, ma la società più importante al mondo di e-commerce ha già avviato una sua attività di streaming a pagamento, per questo Hulu Plus rischia di essere ridondante, e allo stesso tempo non ha mai mostrato particolare interesse verso lo streaming gratuito supportato dalla pubblicità, che è invece la base di Hulu Originale.

Nei prossimi giorni ci saranno sicuramente nuovi aggiornamenti sulla compravendita più chiacchierata dell’estate.

[UPDATE] 22 luglio, ore 18.40: sembra che sia spuntata un altro candidato nella lotta per la conquista di Hulu, e si tratta di un vero e porprio colosso. Sto parlando di Apple e un incontro preliminare fra la società di Steve Jobs e Hulu sembra essere già avvenuto.

Secondo Bloomberg il prezzo dell’operazione potrebbe ammontare a 1,4 miliardi di euro: una cifra totalmente alla portata del patrimonio di Apple.

Fonte: Bloomberg, Nextv

Top