Home > Produzione > BLS Alto Adige, 6 progetti finanziati (c'è anche Winspeare)

BLS Alto Adige, 6 progetti finanziati (c'è anche Winspeare)

Sono 6 i progetti cinematografici finanziati dalla BLS – Film Fund & Commission dell’Alto Adigeper un totale di 1,5 milioni di euro. I progetti finanziati (3 provenienti dall’Italia, 1 dall’Austria, 1 dalla Germania e 1  dalla Gran Bretagna) hanno partecipato al primo call del 2015 (i prossimi termini per presentare domanda di finanziamento alla BLS...

Sono 6 i progetti cinematografici finanziati dalla BLS – Film Fund & Commission dell’Alto Adigeper un totale di 1,5 milioni di euro. I progetti finanziati (3 provenienti dall’Italia, 1 dall’Austria, 1 dalla Germania e 1  dalla Gran Bretagna) hanno partecipato al primo call del 2015 (i prossimi termini per presentare domanda di finanziamento alla BLS sono fissati al 6 maggio per il secondo call e al 23 settembre per il terzo e ultimo call). I tre progetti italiani sono Three Peaks (titolo provvisorio) regia di Jan Zabeil, prodotto dalla Echo Film, un dramma completamente ambientato in Alto Adige  che verrà girato sulle Tre Cime di Lavaredo, nelle Dolomiti di Sesto e nella città dei sassi (Passo Sella). Il progetto sarà realizzato in co-produzione con la Rohfilm di Berlino e ha ricevuto dalla BLS un sostegno alla produzione di 350mila euro. Altro progetto italiano è quello della Mediaart Production che per Eva dorme (titolo provvisorio), diretto da Edoardo Winspeare, ha ricevuto invece un finanziamento alla pre-produzione di 40mila euro. La sceneggiatura, scritta da Winspeare con Alessandro Valenti e Robert Buschwenter, e tratta dall’omonimo romanzo di Francesca Melandri, è interamente ambientata in Alto Adige ed ha per protagonista Gerda, una ragazza di 16 anni, che viene mandata dalla famiglia a lavorare in un grande albergo di Merano, costretta a rimboccarsi le maniche in cucina in una situazione davvero difficile. Das Geheimnis der Bergkräuter (titolo provvisorio), di Wilma Pradetto e Veronika Kaserer, prodotto dalla Miramonte Film, è invece un documentario per la TV sul potere curativo delle erbe di montagna. Il progetto è in co-produzione con l’austriaca Wurzinger Filmproduktion e sostenuto dalla BLS con 60mila euro per la produzione. Farà da scenografia alle riprese l’Alpe di Siusi.

BLS_logo_inkl_Schutzzone_4C_STANDARD

Dal fronte internazionale, il progetto della casa austriaca KGP Kranzelbinder Gabriele Production, dal titolo provvisorio Maikäfer flieg! della regista Mirjam Unger, che ha ricevuto dalla BLS un sostegno alla produzione di 550mila euro. La storia, tratta dal romanzo omonimo della scrittrice austriaca Christine Nöstlinger, racconta la guerra e l’occupazione russa del 1945 a Vienna vista dagli occhi di Christine, una bambina di nove anni. Le riprese avranno luogo nei comuni di Cermes, Merano e Vipiteno. Tra i progetti stranieri che beneficeranno del sostegno alla produzione c’è anche Man in the Box, diretto da Arsen Anton Ostojic, dell’inglese Evergreen Productions in co-produzione con la croata Grip Film che vede nel cast (provvisorio) Martina Gedeck, Thomas Kretschmanne John Bell (Lo Hobbit). Il film, sostenuto dalla BLS con 250mila euro, verrà girato a Malga Fane, un villaggio alpino situato sopra il paese di Valles, a circa 1.739 metri. Die Einsiedler, dell’autore e regista altoatesino Ronny Trocker, chiude il quadro dei progetti finanziati a questo primo call. A produrlo la Zischlermann Filmproduktion di Berlino in co-produzione con la viennese Golden Girls Filmproduktion & Filmservices, sostenute dalla BLS con 320mila euro. Il film è interamente ambientato in Alto Adige e sarà girato in parte nella cava di marmo di Lasa. Era già stato sostenuto dalla BLS in fase di sviluppo.

Top