You are here
Home > Box Office > Box Office USA > La sirenetta: 125M negli Stati Uniti in quattro giorni

La sirenetta: 125M negli Stati Uniti in quattro giorni

Ottima partenza per il remake live action Disney, che sfrutterà benissimo il Memorial Day. Calo importante invece per Fast X…

Ci si aspettavano buoni risultati da La sirenetta, ma forse hanno anche superato le aspettative. In effetti, il film è partito subito fortissimo negli Stati Uniti (e in Canada), con 38 milioni di dollari di venerdì (compreso l’ottimo risultato delle anteprime di giovedì, 10,3M). Per il weekend, si prevedono 105M, che dovrebbero diventare 125M con i dati del lunedì, Memorial Day.

A proposito di Memorial Day, se le stime verranno confermate (e, di solito, alla fine i dati sono anche migliori del previsto), saremo di fronte al quarto miglior risultato per questo fine settimana lungo, dietro a Top Gun: Maverick (160,5M), Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo (153M) e Indiana Jones e il Regno del teschio di cristallo (152M). Inoltre, La sirenetta farebbe meglio anche di Aladdin, che nello stesso periodo del 2019 otteneva 116,8M. Per quanto riguarda gli esordi del 2023, La sirenetta è dietro solo a Super Mario Bros. – Il film (146,3M) e Guardiani della galassia – Vol. 3 (118,4M), mentre se la gioca (vedremo i dati definitivi per capire chi ha ‘vinto’) con Ant-Man and the Wasp: Quantumania (106,1M).

Insomma, sembra proprio che tutte le polemiche relative alla scelta della protagonista non abbiano assolutamente influito sull’incasso. E che anzi, come spesso succede con i blockbuster hollywoodiani (ma anche con le serie Netflix di Shonda Rhimes), una maggiore diversità tra i volti che vediamo sullo schermo permette al pubblico (tutto, non solo quello bianco-occidentale) di identificarsi di più e ai film/serie di funzionare meglio.

Dietro, calo importante e forte per Fast X, che di venerdì perde il 79%, ottenendo 6 milioni, e che dovrebbe conquistarne 21,8M (-67%) nei tre giorni e 27,2M nei quattro, per un totale di 112,1M. Già di per sé è una flessione forte, ma ancora di più se consideriamo che la partenza non era stata enorme, cosa che avrebbe reso più giustificato un calo notevole nel secondo fine settimana.

Si comporta molto meglio Guardiani della galassia – Vol. 3, che conquista 5,4M di venerdì e 20,6M nel weekend (in entrambi i casi, perde il 36%), mentre nei quattro giorni dovrebbe arrivare a 26,6M. Questo significherà per la pellicola superare la soglia dei 300M, per la precisione 306M. Anche migliore la tenuta di Super Mario Bros. – Il film, che conquista 1,65M di venerdì (-29%) e 6,2M (-35%) nel fine settimana, arrivando così a un (sempre più stupefacente) totale di 560,8M.

Non sfondano proprio gli altri esordi in ‘controprogrammazione’. The Machine si piazza al quinto posto con 2,4M di venerdì, 6,3M nel weekend e 7,8M aggiungendo anche il Memorial Day. Fa peggio About My Father con Robert De Niro, che si deve accontentare di 1,3M al debutto, 3,8M nel fine settimana e 4,7M nei quattro giorni.

Su livelli anche più bassi Kandahar (che però chiaramente è partito con l’intenzione di fare una finestra molto breve nei cinema e con un investimento promozionale limitato), con 550.000 dollari di venerdì e 1,64M/2M nei 3/4 giorni. Non funziona proprio la nuova commedia di A24 You Hurt my Feelings con Julia Louis-Dreyfus (Seinfeld, Veep – Vicepresidente incompetente), che si dovrà accontentare di 1,1M nei quattro giorni, dopo un debutto venerdì da 300.000$.

Fonte: Deadline

Robert Bernocchi
E' stato Head of productions a Onemore Pictures e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.
Top