Home > Infografiche > Quanto dura un film in sala?

Quanto dura un film in sala?

E’ opinione comune che i film al cinema ottengano i loro incassi in pochissimo tempo. Ma è vero? E quali sono le cifre precise?

media TOP

Una delle cose che si sente dire più spesso, è che i film ormai rimangono in sala poco e quindi realizzano il loro incasso molto rapidamente. Per una volta, non si tratta di una leggenda metropolitana, visto che il fenomeno è indiscutibile, come peraltro avevamo già analizzato un anno fa in questo articolo.

Ma come si sta evolvendo la situazione? Il fenomeno è in aumento o in diminuzione? Iniziamo vedendo come hanno realizzato i loro incassi i 20 maggiori film del 2017 (nell’elenco, ci sarebbe dovuto essere anche l’incasso del 2017 di Oceania, ma essendo il film uscito nel 2016, ho preferito passare al 21esimo incasso dell’anno) e a che punto erano dopo una/due/tre settimane (qui la versione interattiva dell’infografica):

Per capire i cambiamenti rispetto agli anni scorsi, questa infografica è l’ideale (qui la versione interattiva):

Alcune cose sono molto evidenti. La principale è la percentuale di quanto incassano questi film nella prima settimana, passata dal 46,4% del 2016 al 48,4% del 2017. Se poi consideriamo che nel 2014 era al 43,5%, è chiaro che c’è una tendenza molto evidente e incontestabile, che, di questo passo, potrebbe portare nel 2018 ad avere la metà (e oltre) degli spettatori che vedono questi film già nella prima settimana.

Va detto però che, un po’ in controtendenza, è aumentata anche la percentuale di chi vede questi titoli dopo la terza settimana di sfruttamento, passata dall’11.9% del 2016 al 12,9% del 2017. Qui potremmo fare anche altre congetture, per esempio il fatto che questi titoli vengano difesi sempre meglio come numero di sale anche dopo tre settimane e per questo riescano ad aumentare le loro percentuali. Di sicuro, diminuiscono le percentuali in seconda e terza settimana (d’altro canto, da qualche parte bisogna pur bilanciare gli altri aumenti).

E’ anche interessante un altro aspetto. Se consideriamo solo i primi dieci titoli presi in considerazione, la loro media nella prima settimana è di uno sfolgorante 49,9%, mentre nel 2016 prendendo in esame lo stesso numero di film in testa (sempre 10) la percentuale era ‘solo’ del 45%. Insomma, per i titoli fortissimi, quelli che danno vita ai dieci maggiori incassi, il desiderio del pubblico di vederli subito è ancora più alto (cosa, peraltro, decisamente logica).

Tra i titoli con le percentuali più evidenti in prima settimana, è vero che Mister felicità (63,1%) e Guardiani della galassia – Vol. 2 (62,7%) sono ai primi due posti, ma dipende anche dalle loro date di uscita (rispettivamente, primo gennaio e 25 aprile), che hanno portato ad avere nella prima settimana tanti giorni festivi. A questo punto, il dato più forte è quello di Cinquanta sfumature di nero, che ha il 62,5% e che dimostra ancora una volta di essere un titolo straordinariamente frontloaded.

Al contrario, i titoli che hanno avuto una tenitura strepitosa, sono stati Assassinio sull’Orient Express (solo 31,8% in prima settimana) e La La Land (32,7%). Il primo ha beneficiato anche delle feste natalizie (tanto da aver fatto il 31,4% dei suoi incassi dopo la terza settimana, record in questo senso), il secondo della corsa all’Oscar.

Agli antipodi, due titoli come il già menzionato Cinquanta sfumature di nero e It. Il primo ha ottenuto solo il 3,5% dei suoi incassi dopo la terza settimana, il secondo è risultato praticamente ‘non visto’ dopo quel periodo, visto che ha ottenuto il 2,1% dopo la terza settimana. D’altronde, si conferma che erano dei titoli attesissimi e che si voleva vedere subito.

Sicuramente, come già fatto notare in passato, qualcuno potrebbe utilizzare questi dati per sostenere che i film devono diminuire la loro finestra theatrical, visto che tanto non arrivano neanche al secondo mese di sfruttamento in sala con numeri importanti. Ma non facciamoci ingannare: non sarebbe una buona idea, in un momento complicato per il cinema in sala…

Robert Bernocchi
Robert Bernocchi
Story editor & Data Analyst at Pepito Produzioni e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 242.405 spammer.

Top