Home > Distribuzione > Digitale > Netflix, acquisizioni del 1° trimestre 2017 sulla cresta dell’onda

Netflix, acquisizioni del 1° trimestre 2017 sulla cresta dell’onda

Tra le produzioni originali, le co-produzioni locali nei singoli territori (compresa la serie italiana Suburra) e l'attivissimo team acquisizione, Netflix nel 1° trimestre ha visto arricchire la sua futura offerta di prodotto 2017.

media TOP

Negli anni passati, nel quartier generale di Los Gatos, in California, hanno studiato fin nei minimi particolari lo sbarco di Netflix sui vari territori esteri e le strategie di “aggancio” degli utenti: il 2017 probabilmente era l’anno preposto (in Europa in particolare) per il vero “salto di qualità”. Dopo che nel triennio 2012/2014 hanno creato i presupposti per la costruzione e l’affermazione del brand nel nostro continente (l’Italia è stata purtroppo l’ultimo territorio, nel 2015), questo sembra essere l’anno in cui attuare la seconda parte del piano industriale: il consolidamento ed il raggiungimento della massa critica di abbonati in grado di garantire gli utili sul lungo periodo.

Per far questo la strategia di Netflix è chiara: inondare di contenuti esclusivi gli abbonati, così da mantenere alta la sua brand awareness ed incrementare gli abbonati allargando dalla nicchia alla massa (con, tra l’altro, campagne marketing veramente superbe per idee creative e strategie).

In realtà, secondo alcuni studi effettuati su Netflix nel nostro continente, nel primo triennio non si sono raggiunti i risultati sperati. L’unico Paese in cui sono state superate le previsioni sarebbe la Gran Bretagna: il dato preciso non è fornito, ma alcuni analisti indicavano come siano stati 5 milioni, gli abbonati nel 2015. Secondo queste analisi il problema sarebbe idiomatico e relativo alla eventuale mancata localizzazione di certi titoli del catalogo, problema ovviamente inesistente in UK, Paese con stessa lingua e soprattutto stesse radici culturali degli USA. Netflix sta ponendo rimedio a questo con una vasta campagna di co-produzioni locali, ma con linguaggi audiovisivi e storie validi su tutti i territori, spendibili quindi in tutti i paesi in cui è presente (vedi il nostro crime Suburra in arrivo a breve).

L’azienda dichiara di avere 46 milioni di abbonati attivi in Usa e 44 milioni nel resto del mondo. Per l’Italia ci sarebbero stime che danno come obiettivo entro il 2023 l’arrivo a 6 milioni di abbonati: tantissimi, più di quelli che oggi in pay tv ha Sky con la concorrenza unica di Mediaset premium. Occorre considerare però che solo nel 3° trimestre 2016 ci sono stati a livello mondiale +7 milioni di abbonati (5,12 milioni fuori dagli Stati Uniti, a fronte di una stima che ne dava 3,75).

Nel 2017 la società californiana ha previsto un budget globale per produzioni originali, co-produzioni localizzate per i vari territori ed acquisizioni di 6 miliardi di dollari (a fronte nel 2016 di 8,3 miliardi di ricavi, un investimento imponente ed aggressivo sul mercato!). Per intenderci, il concorrente Amazon , a livello globale, ne ha previsti poco più della metà, ed un broadcaster come la BBC ne ha previsti 2 miliardi.


(Dark, tra le novità più interessanti presentate per il 2017)

E dopo tutti questi numeri, passiamo al prodotto: vediamo cosa sia entrato nella library Netflix del 2017, tra i contenuti già previsti e le acquisizioni di film già prodotti, visti ai mercati del primo trimestre 2017:

PRODOTTI ANNUNCIATI 

DARK  Un dramma soprannaturale, prodotto in Germania;
SUBURRA  La serie, tratta dall’omonimo film, sarà un prequel, ovviamente prodotta in Italia da Cattleya e RAI Fiction;
LAS CHICAS DEL CABLE  Serie in costume ambientata tra le due guerre mondiali, produzione Spagna;
TROY  Le vicende della guerra di Troia, scritta dallo stesso autore di The night manager e diretta dal regista di Black Mirror, produzione BBC per l’UK;
BLACK EARTH RISING  Thriller su un processo per crimini di guerra, produzione ancora BBC per l’UK;
THE SPY  La vera storia di Eli Cohen, una spia che operava in Siria negli anni sessanta, co-produzione con Canal plus per la Francia. Firmata dallo stesso autore di Homeland, l’israeliano Gideon Raff;
STAR TREK: DISCOVERY  Collaborazione tra Netflix e CBS;
GIRLBOSS  Charlize Theron nei panni di una manager, tratto da una famosa autobiografia di Sophia Amoruso;
MUTE  Thriller Sci-fi ambientato a Berlino nel 2055;
TREDICI  Un thriller a target teen prodotto da Selena Gomez;
GLOW Una serie sul mondo del wrestling femminile, stessi produttori di Orange in the new black;
WAR MACHINE Film satirico con protagonista Brad Pitt;
MIDHUNTER  Dall’acclamato regista David Fincher, un crime sulla caccia ad un serial killer;
OKJA  Diretto dallo stesso regista di Snowpiercer, con Tilda Swinton e Jake Gyllenhaal;
BRIGHT Altro prodotto sul filone soprannaturale caro ai più giovani, protagonista Will Smith;
JACK WHITEHALL: TRAVELS WITH MY FATHER   Una serie comica ambientata in Asia;

Tra le conferme, già annunciate in programmazione:
CHELSEA – 2° Stagione  (originale Netflix)
LOVESICK – 3° stagione (sitcom britannica)
MARSEILLE – 2° stagione (serie francese con Gérard Depardieu)
BETTER CALL SAUL – 3° stagione (spin-off di Breaking Bad)

ACQUISIZIONI AL SUNDANCE 2017

MUDBOUND  Grossa acquisizione dal Sundance (12,5 milioni di dollari), adattamento del romanzo Fiori nel fango di Hillary Jordan, narra la storia di una famiglia trasferitasi in Missisippi nel 1939;
THE DISCOVERY   Un sci-fi con Rooney Mara e Robert Redford;
I DON’T FEEL AT HOME IN THIS WORLD ANYMORE  Vincitore del Gran premio della Giuria al Sundance;
TO THE BONE  Prodotto tra gli altri dalla AMBI di Andrea Iervolino, dramma sull’anoressia con Lily Collins e Keanu Reeves;
ICARUS  Vincitore come miglior documentario US;
JOSHUA: TEENAGER VS. SUPERPOWER  Miglior documentario World cinema audience award;
DEIDRA & LANEY ROB A TRAIN  Prodotto da Netflix;
NOBODY SPEAK  Un documentario sul processo tra la star del wrestling Hulk Hogan e l’azienda Gawker Media;
THE MARS GENERATION  Produzione originale Netflix: un gruppo di giovani astronauti che aspirano a sbarcare su Marte;
BERLIN SYNDROME  Produzione Australiana;
CASTING JONBENÉT Documentario su un caso di omicidio di una bambina nel 1990 in Colorado;
BURNING SANDS  
FUN MOM DINNER
CHASING CORAL
THE INCREDIBLE JESSICA JAMES

ACQUISIZIONI ALL’EFM 2017 DI BERLINO

CARGO  Zombie movie con Martin Freeman (Fargo, Sherlock…);
BELGICA  Vincitore al Sundance come Miglior film drammatico, Netflix ha chiuso l’accordo in esclusiva per i diritti VOD in Benelux, Germania, Austria, Svizzera, Francia ed Ex Jugoslavia;

Le sorprese non sono di certo finite, sia per i prodotti internazionali che locali. Sicuramente anche a Cannes 2017 il team acquisizioni Netflix sarà tra i più richiesti negli appuntamenti.

Volete rimanere sempre aggiornati con le migliori notizie sul business di cinema, intrattenimento e tecnologia? Scaricate la nuovissima app di Cineguru.biz, rinnovata nella user experience e nel design, disponibile gratuitamente sia per dispositivi iOS e Android

Guest post di Stefano Fiano:

fiano

Per passione e per lavoro mi occupo di Marketing e Comunicazione nel mondo dell’entertainment.
Dopo un’esperienza alla direzione della Renault Italia, sono approdato al marketing per l’industria cinematografica, prima come Media manager e Web marketing manager, poi da Product manager curando tutti gli aspetti delle campagne di lancio di un film.
(Notorious Pictures, Moviemax Media Group, RAI Cinema e tante altre aziende)

Stefano Fiano
Stefano Fiano
Per passione e per lavoro mi occupo di Marketing e Comunicazione nel mondo dell’entertainment. Dopo un’esperienza alla direzione della Renault Italia, sono approdato al marketing per l’industria cinematografica, prima come Media manager e Web marketing manager, poi da Product manager curando tutti gli aspetti delle campagne di lancio di un film. (Notorious Pictures, Moviemax Media Group, RAI Cinema e tante altre aziende)
Top