You are here
Home > Analisi > Anatomy of a Scandal in testa alle classifiche Netflix

Anatomy of a Scandal in testa alle classifiche Netflix

Questa settimana, ottimi dati per Anatomy of a Scandal, ma la sorpresa positiva su Netflix è la serie colombiana Palpito. Chiude ad alti livelli l’ultima puntata di Don Matteo con Terence Hill…

Rai – Auditel
Notevole ascolto per Nero a Metà, che lunedì 25 aprile ha conquistato 4.357.000 spettatori e il 20,2%, in deciso aumento rispetto alla precedente serata, quando aveva ottenuto 3.788.000 spettatori e il 18,5%.

Puntata storica invece per Don Matteo, che giovedì 20 aprile vedeva l’ultimo episodio con protagonista Terence Hill, portando a casa 6.093.000 spettatori e il 28,8%, ossia un milione in più dell’appuntamento di una settimana prima, quando aveva fatto 5.044.000 spettatori e il 24,5%.

Fonte dati Auditel di Rai/Mediaset/La7/Sky: Davidemaggio.it

Netflix
Partiamo subito dalle nostre somme delle quattro categorie delle classifiche di Netflix:

Totale ore Top Ten Film (Inglese): 85.380.000 (115.640.000)
Totale ore Top Ten Film (Non inglese): 34.860.000 (75.040.000)
Totale ore Top Ten Film (Inglese e non inglese): 120.240.000 (190.680.000)

Totale ore Top Ten Tv (Inglese): 286.500.000 (267.590.000)
Totale ore Top Ten Tv (Non inglese): 219.170.000 (180.750.000)
Totale ore Top Ten Tv (Inglese e non inglese): 505.670.000 (448.340.000)

Totale ore Top Ten Tv e Film (Inglese e non inglese): 625.910.000 (639.020.000)

La cosa che possiamo dire subito, è che i film non hanno fornito risultati straordinari questa settimana (in particolare, quelli in lingua non inglese fanno segnare un record negativo), mentre le serie hanno fatto segnare una risalita.

Iniziamo da quest’ultime allora e, in particolare, da quelle in inglese. Qui, c’è la vittoria di Anatomy of a Scandal, che arriva in vetta con 75,5M (per un totale di 115,8M considerando anche il debutto della scorsa settimana) dopo quattro settimane di dominio della seconda stagione di Bridgerton (46,1M). Quest’ultima, dopo cinque settimane, ha ottenuto 673,2M, che rappresenta quest’anno il secondo miglior risultato assoluto, dopo i 690M di Café con aroma de mujer (dato che però verrà battuto tra una settimana, a questo punto).

Molto interessante la terza posizione (e con numeri importanti, 37,4M) della serie documentaristica Conversations with a Killer: The John Wayne Gacy Tapes, che conferma l’efficacia di certi prodotti crime su Netflix. Si mantiene ad alti livelli L’ultimatum: o mi sposi o te ne vai con altri 29 milioni (per un totale dopo tre settimane di ben 131,1M), mentre è importante segnalare il debutto di una serie molto amata, Selling Sunset, arrivata alla sua quinta stagione e che conquista 28,3M. E’ sesta invece la prima stagione di Bridgerton, che ottiene altri 17,2M e che si è portata a casa ben 161,6M in queste cinque settimane in cui è sbarcata la seconda stagione.

Tra le serie in lingua non inglese, vittoria per la serie colombiana Palpito, che esordisce con una cifra fantastica, 68M, e promette di fare anche meglio la prossima settimana. Seconda posizione per Elite, che ottiene altri 29,49 milioni e che quindi dopo tre settimana è arrivato a un totale di 148,2M, tutt’altro che disprezzabile, ma chiaramente non al livello delle precedenti due stagioni (sia la terza che la quarta avevano superato i 250 milioni dopo 28 giorni).

Esordio importante per la serie turca Yakamoz S-245, che fa segnare 22 milioni di ore, mentre si conferma ad alti livelli la serie coreana Business Proposal, che alla settima settimana conquista ancora 20,3M ed è arrivata a un totale di 188,8M nel suo intero percorso.

Da segnalare nelle ultime due posizioni, due evergreen come Betty la cozza (nono con 10,4M alla sua ventesima settimana, con un totale di 191,9M) e Café con aroma de mujer (decimo con 10,3M alla diciassettesima, per un totale straordinario di 713,2M).

E passiamo ai film in inglese. Bastano 15,2M per Choose or Die per conquistare la vetta della classifica nella sua seconda settimana, dopo i 16M dell’esordio. Scivola in seconda posizione il vincitore delle ultime due settimane, The In Between, che conquista altri 13,3M. Interessante la terza posizione del documentario White Hot: The Rise & Fall of Abercrombie & Fitch con 9,9M. Seguono How It Ends con 8,2M, Yakuza Princess e The Adam Project, entrambi con 7,4M. Da notare l’uscita dalla top ten del film con Nicolas Cage A Score to Settle, che la scorsa settimana aveva esordito al terzo posto.

Per quanto riguarda le serie non in lingua inglese (dove nessuno supera la soglia dei 10M), partiamo da una buona notizia, visto che l’italiano La svolta (il titolo internazionale è The Turning Point) è quarto con 2,8M. In testa, rimangono i due titoli polacchi della scorsa settimana, ma a posizioni invertite. E’ quindi primo La bisbetica domata con 9,3M e secondo Furioza con 6,1M. Terza posizione per il coreano Yaksha: Ruthless Operations con 5M, mentre da segnalare la tenuta dello spagnolo Dalla mia finestra, che all’undicesima settimana è ancora sesto con 2,2M.

Infine, diamo uno sguardo alle top ten italiane, dove tra i film parte in testa il recente final cut di Justice League, Zack Snyder’s Justice League, mentre in terza posizione troviamo 17 again – Ritorno al liceo (un titolo del 2009!). Tra le serie, sono diventate disponibili le prime due stagioni di Young Sheldon, che si piazzano al quinto posto (la prima) e all’ottavo (la seconda).

Fonte dati Netflix: Top 10 Netflix

Nielsen
Dopo i dati di tre settimane, possiamo dire una cosa con certezza: Red non è Encanto. Non si tratta di una critica, visto che nessun film negli ultimi mesi ha ottenuto dati di ascolto minimamente paragonabili a Encanto. Nella classifica Nielsen del 21-27 marzo negli Stati Uniti, Red è scivolato al quarto posto assoluto con 977 milioni di minuti (in deciso calo rispetto a una settimana fa, quando otteneva 1,675 miliardi di minuti), mentre Encanto (che ormai da tre mesi non ci pensa proprio a uscire dalla top ten) è settimo con 719 milioni (erano 827 milioni di minuti sette giorni prima).

Dato interessante, anche se non vorrei assolutamente dedurne una regola assoluta: Encanto (che è passato nei cinema, anche se con una window molto breve, circa 30 giorni) ha fatto decisamente meglio dei tre titoli Pixar (Soul, Luca, Red), che sono stati tutti proposti in esclusiva su Disney+, bypassando completamente le sale. Non dico che debba essere considerata una lezione, ma è evidente che l’esclusività non necessariamente aumenta gli ascolti (che comunque, a scanso di equivoci, sono stati positivi in tutti i 4 casi, solo che Encanto è arrivato a vette stratosferiche).

Comunque, a vincere la settimana (meglio, a dominarla) è stato Bridgerton (ricordo che Nielsen non fa distinzioni di stagioni, quindi in questo caso il risultato è dato dagli ascolti sia della prima che della seconda stagione), grazie a 2,547 miliardi di minuti. Sul podio, altri due titoli Netflix, The Adam Project (1,199 miliardi) e Is It Cake?: Dolci impossibili (1,185 miliardi), quest’ultimo davvero una delle sorprese positive di questo periodo.

Fonte: Nielsen

Robert Bernocchi
E' stato Head of productions a Onemore Pictures e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.
Top