You are here
Home > Cinema > Digitale > 365 giorni: Adesso, un fenomeno su Netflix

365 giorni: Adesso, un fenomeno su Netflix

Il film polacco ottiene numeri fantastici nel mondo, così come Ozark e Palpito. Ottimo esordio da protagonista assoluto per Raoul Bova su Don Matteo…

Rai – Auditel
Ottimi ascolti per la fiction Rai questa settimana. Intanto, lunedì 2 maggio, Nero a Metà 3, ha ottenuto 4.623.000 spettatori e il 23,4%, dopo che la settimana prima aveva portato a casa 4.357.000 spettatori e il 20,2%.

Decisamente strepitosi i dati di Don Matteo 13, che giovedì 28 aprile, ha conquistato 6.486.000 spettatori e ben il 31,1%, in quella che è stata la prima puntata con Raoul Bova protagonista assoluto. L’ultimo episodio con protagonista Terence Hill aveva invece interessato 6.093.000 spettatori e il 28,8%,

Fonte dati Auditel di Rai/Mediaset/La7/Sky: Davidemaggio.it

Netflix
Una delle cose che si è ripetuta in queste settimane, è che il calo di abbonati di Netflix dipenderebbe dalla bassa qualità dei suoi prodotti. A smentire nettamente questa ipotesi, arrivano le classifiche settimanali della piattaforma e in particolare un dato, quello dell’esordiente 365 giorni: Adesso. C’era molta curiosità su questo prodotto – visto il successo del precedente (di cui non sappiamo i numeri esatti, ma è evidente che è stato un fenomeno notevole durante la pandemia) – e le attese non sono rimaste deluse. Infatti, questo titolo ha dominato la top ten dei film in lingua inglese (si può discutere se sia la collocazione migliore, ma lasciamo perdere) grazie a 77,9 milioni di ore viste, un risultato che lo colloca al sesto posto assoluto delle migliori prime settimane di un film in lingua inglese (dietro a titoli con grandi star hollywoodiane come Red Notice, Don’t Look Up, The Adam Project e The Unforgivable, oltre che il fenomeno giovanile The Kissing Booth 3). Se lo considerassimo un film in lingua non inglese (cosa forse più corretta, visto che è una produzione polacca), sarebbe di gran lunga il miglior esordio di sempre (al momento, il primato è di Blood Red Sky con 35,9M) e già adesso al sesto posto assoluto della top ten di tutti i tempi, in cui già dalla prossima settimana sarebbe in testa (Blood Red Sky è in vetta con 110,5M dopo 28 giorni). Insomma, anche questo sequel è un fenomeno straordinario (tanto da aver riportato in classifica il film originale, quarto con 10M). Insomma, ancora convinti che gli abbonati Netflix vogliano la qualità? E passiamo alle nostre somme delle quattro categorie delle top 10 Netflix:

Totale ore Top Ten Film (Inglese): 158.130.000 (85.380.000)
Totale ore Top Ten Film (Non inglese): 44.360.000 (34.860.000)
Totale ore Top Ten Film (Inglese e non inglese): 202.490.000 (120.240.000)

Totale ore Top Ten Tv (Inglese): 269.970.000 (286.500.000)
Totale ore Top Ten Tv (Non inglese): 207.930.000 (219.170.000)
Totale ore Top Ten Tv (Inglese e non inglese): 477.900.000 (505.670.000)

Totale ore Top Ten Tv e Film (Inglese e non inglese): 680.390.000 (625.910.000)

Per terminare il discorso dei film in lingua inglese (in notevole aumento grazie a 365 giorni: Adesso), da notare come il podio sia occupato interamente da esordi, visto che al secondo posto ci sono L’assedio di Silverton (con 20,2M di ore) e il documentario I segreti di Marilyn Monroe: i nastri inediti con 15,3M. Entra in classifica (aiutato dalle uscite nelle sale del secondo capitolo) il primo Sonic, nono con 4,9M.

Tra i film in lingua non inglese, buona notizia per quanto riguarda La svolta, che si piazza al quarto posto con altri 3M, quando una settimana fa otteneva la stessa posizione e un dato leggermente inferiore (2,8M). In testa, primeggiano l’indiano Gangubai Kathiawadi con 13,8M e Un amore di mamma con 10,6M.

E passiamo alle serie, incominciando con quelle in lingua inglese. Qui assistiamo al trionfo di Ozark, le cui ultime puntate fanno segnare ben 78,4M. In crescita (come è normale che sia) la seconda settimana della quinta stagione di Selling Sunset, che ottiene altri 34,3M dopo i 28,3M dell’esordio. Chiude il podio Anatomy of a Scandal, che si porta a casa altri 30,1M. Da notare che la seconda stagione di Bridgerton, grazie ai 29,7M di questa settimana (quarta posizione) diventa il prodotto Netflix più visto quest’anno con 702,9M, superando i dati di Café con aroma de mujer (690M).

Per quanto riguarda le serie in lingua non inglese, si conferma a livelli molto alti la serie colombiana Palpito, che conquista altri 85,2M, dopo aver già esordito in vetta la scorsa settimana con 68M. Passa dalla quinta alla seconda posizione Fidati di me, con un dato di 25,1M, mentre si conferma ancora con un’ottima tenitura il coreano Business Proposal, terzo con 19,5M. E’ quarto Elite, che conquista altri 14,8M. Sicuramente, siamo ancora su livelli molto alti, visto che con 163,1M è tra le prime cinque serie in lingua non inglese dell’anno, ma siamo lontani dagli oltre 250M delle precedenti due stagioni.

Infine, le top ten italiane. Interessante come al terzo posto esordisca un titolo di catalogo come Moschettieri del re, mentre La svolta è nono. Da notare invece come da noi Ozark sia solo sesto (ma è un prodotto che funziona straordinariamente bene negli Stati Uniti, un po’ meno nel resto del mondo).

Fonte dati Netflix: Top 10 Netflix

Nielsen
Ovviamente, nelle classifiche Nielsen del periodo 28 marzo – 3 aprile figura in testa Bridgerton, che con i suoi 16 episodi e due stagioni conquista 3,202 miliardi di minuti e non ha problemi a dominare la concorrenza, dopo aver debuttato con 2,547 miliardi di minuti.

Ma al secondo posto, ormai con una tenitura sconvolgente, abbiamo Encanto, in grado di conquistare altri 744 milioni di minuti (25 milioni meglio della scorsa settimana!) e di battere anche la concorrenza interna di Red (sono peraltro i due prodotti Disney+, all’interno di una top ten che per il resto è fatta solo di titoli Netflix), quinto con 650 milioni di minuti (era 977M sette giorni fa).

Da notare come al terzo posto ci sia The Last Kingdom con 714 milioni di minuti e al quarto un titolo ricco di episodi (ben 355) come NCIS, che conquista 653M.

Fonte: Nielsen

Robert Bernocchi
E' stato Head of productions a Onemore Pictures e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.
Top