You are here
Home > Cinema > Radiohead: il video diretto da P.T. Anderson nei cinema USA in 35 mm

Radiohead: il video diretto da P.T. Anderson nei cinema USA in 35 mm

Solo per il pubblico statunitense la rock band di Thom Yorke continua ad agire controcorrente e manda ai cinema una copia in pellicola del video diretto dal regista di Magnolia e Il Petroliere.

Più che contenuti alternativi parliamo di un contenuto molto speciale e di un tributo all’ormai quasi abbandonata pellicola. Il gruppo rock Radiohead e il regista pluricandidato all’Oscar Paul Thomas Anderson hanno mandato a un numero selezionato di cinema americani una copia del video girato da quest’ultimo per la band, da proiettare in sala a mo’ di  opening feature e per di più in 35 mm. Pratica in passato diffusa per cartoon e cinegiornali, ora tornerà in  vita sul grande schermo di importanti strutture californiane come l’Egyptian di Hollywood, l’Aero di Santa Monica e il New Beverly Cinema di Quentin Tarantino. Il video è quello girato per la canzone Daydreaming e diffuso online venerdì scorso, disponibile sul canale YouTube della band.

Sicuramente una pratica insolita, che coniuga la nota attenzione del gruppo per la fattura dei video musicali alla propensione del frontman, Thom Yorke, per i canali anticonformisti di promozione. Nel 2014 mentre gli U2 “invadevano” i device Apple con il loro album – con tutte le proteste seguite all’inclusione  automatica, seppur gratuita, di  musica non richiesta nelle library di iTunes – Yorke rendeva disponibile il suo lavoro da solista,  Tomorrow’s Modern Boxes, al prezzo più che popolare di 6 dollari su una piattaforma assolutamente non convenzionale come BitTorrent, il cui nome era ancora legato nell’immaginario collettivo alla pirateria e alla fruizione illegale. Oggi che Beyoncé lascia il suo concept album su Tidal e fa trasmettere da HBO un film composto dai video clip delle track, Yorke sceglie la pellicola e il grande schermo. Forse non proprio al passo coi tempi ma di sicuro effetto e coerenza con il background indie e alternativo dell’artista e della band. Peccato che proprio per i limiti del mezzo la visione cinematografica sarà esclusivo appannaggio del pubblico a stelle e strisce.

 

Fonte: The Wrap

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top