Home > Box Office > Warner vince la scommessa “Batman v Superman” con 500 mln in una settimana

Warner vince la scommessa “Batman v Superman” con 500 mln in una settimana

Negli USA ha segnato meno record di quelli attesi dopo le ottime anteprime, ma il nuovo cinecomic portato sugli schermi da Warner Bros, secondo diversi analisti, può considerarsi una scommessa vincente. Prima di tutto perché con 500 milioni di dollari guadagnati a livello mondiale in appena una settimana, Batman v Superman: Dawn of Justice dovrebbe avere...

Negli USA ha segnato meno record di quelli attesi dopo le ottime anteprime, ma il nuovo cinecomic portato sugli schermi da Warner Bros, secondo diversi analisti, può considerarsi una scommessa vincente. Prima di tutto perché con 500 milioni di dollari guadagnati a livello mondiale in appena una settimana, Batman v Superman: Dawn of Justice dovrebbe avere già ampiamente ripagato sia i costi di produzione (250 milioni) che di marketing (si stima una cifra introno ai 150 milioni). Il suo incasso d’esordio sul mercato internazionale (254 milioni di dollari) non è stato solo il quinto in assoluto al botteghino overseas, ma il primo per un film a genere supereroi. “La performance d’eccezione a livello internazionale è il dato che ha impressionato di più in questo primo weekend e anche quello che ricorderemo in futuro”, ha dichiarato  Jeff Goldstein, capo della distribuzione nazionale a Warner Bros. E tutto questo nonostante un  riposizionamento non scontato nel calendario delle uscite, pensato per evitare lo scontro diretto con il suo concorrente numero uno, Captian America: Civil War, ma considerato un azzardo nel periodo pasquale.

In secondo luogo, fatto tutt’altro che secondario, il titolo è riuscito a stabilire un interesse per i nuovi personaggi che andranno a comporre l’universo DC e che sono il vero obiettivo ultimo della major. Parliamo ovviamente degli alti membri della Justice League ma anche dell’imminente Suicide Squad (in uscita ad agosto), il cui trailer ha preceduto le proiezioni del cinecomic suscitando reazioni che lo studio giudica molto positive e di belle attese. L’ex-Miss Israele Gal Gadot ha infine ricevuto tutti i consensi necessari per confermarsi la perfetta Wonder Woman e creare la giusta attesa per il film a lei dedicato.

Ci sarebbero insomma tutti i requisiti per la nascita di un grande franchise sulla scia di quello Marvel, in grado di sfruttare in modo proficuo il filone d’oro ancora non esaurito degli adattamenti dagli albi a fumetti.

Fonte: The Wrap

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top