You are here
Home > News > Sky: numeri record per la trimestrale ma in Italia costi troppo alti

Sky: numeri record per la trimestrale ma in Italia costi troppo alti

Al terzo trimestre del suo esercizio fiscale, corrispondente al 31 marzo, il gruppo Sky ha messo a segno una crescita record, sostenuta dall’aumento del numero degli abbonamenti in diversi Paesi europei tra cui Regno Unito, Irlanda, Germania, Austria e anche Italia. Nelle due aree anglofone, in particolare, il colosso del satellite, operativo da tempo anche nell’offerta…

Al terzo trimestre del suo esercizio fiscale, corrispondente al 31 marzo, il gruppo Sky ha messo a segno una crescita record, sostenuta dall’aumento del numero degli abbonamenti in diversi Paesi europei tra cui Regno Unito, Irlanda, Germania, Austria e anche Italia. Nelle due aree anglofone, in particolare, il colosso del satellite, operativo da tempo anche nell’offerta legale online, ha conosciuto la miglior performance degli ultimi 11 anni in termini di nuovi clienti (204 mila, per un totale di quasi 12 milioni di utenti privati) che  di contenimento delle perdite. Il merito? Secondo il management è proprio di quella strategia “dual brand” che presto vedremo in atto anche da noi grazie all’intesa con Telecom, e che mira appunto ad aggredire sia il mercato della tv tradizionale sia quello delle trasmissioni via banda larga, denominate NOW TV.

20110521133915!Logo_sky

In Germania i nuovi abbonati sono stati anche di più che in UK, pari a 214 mila, mentre i 30 mila italiani rappresentano comunque l’aggiunta maggiore dal 2012. I ricavi dell’azienda, ormai “paneuropea”, sono aumentati del 5% arrivando a 8,45 miliardi di sterline, in linea con le previsioni, ma il nostro Paese è risultato l’unico in flessione a causa di una situazione definita come un “contesto operativo difficile”. Contesto segnato soprattutto da maggiori costi che hanno eroso i margini a livello locale. Nel nostro paese ci sono comunque 4,7 milioni di clienti privati, a dimostrazione di come il business non stia perdendo il suo appeal in attesa di incassare i risultati della “rivoluzione digitale” nell’offerta dell’emittente.

 

Fonte: THR, Cor.com, Broadband TV Newes

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top