Home > Cinema > Impegno congiunto Italia-Francia per il diritto d'autore

Impegno congiunto Italia-Francia per il diritto d'autore

Il ministro francese della Cultura e della Comunicazione, Fleur Pellerin, ed il Ministro italiano dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini (nella foto), si sono incontrati nei giorni scorsi a Parigi. Tra gli argomenti di discussione anche la collaborazione cinematografica tra i due paesi. In particolar modo, nel momento in cui...

Il ministro francese della Cultura e della Comunicazione, Fleur Pellerin, ed il Ministro italiano dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini (nella foto), si sono incontrati nei giorni scorsi a Parigi. Tra gli argomenti di discussione anche la collaborazione cinematografica tra i due paesi. In particolar modo, nel momento in cui la comunità europea si appresta a varare il Mercato Unico Digitale, con l’intento di rimuovere le numerose barriere connesse all’utilizzo dei servizi digtali in Europa, i due Ministri hanno sottolineato il ruolo fondamentale del diritto d’autore nel sostegno alla diversità culturale, alla creazione artistica ed alla libertà d’espressione. Adottando una dichiarazione congiunta sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, si sono impegnati a sostenere congiuntamente nel dibattito europeo la loro «comune visione ambiziosa per la cultura e il diritto d’autore nel nuovo ambiente digitale».

franceschini

I due Ministri hanno anche insistito sulla «necessità di preservare la ricchezza del patrimonio culturale europeo e di assicurare la tutela della sua diversità, espressione della creatività, favorendo un accesso più largo alle opere e riconoscendo un ruolo specifico all’eccezione culturale». Recentemente l’attività della Comunità Europea in fatto di modifica del regolamento sul diritto d’autore è stata oggetto di un appello da parte di una ventina di cineasti europei (tra i quali anche Paolo Sorrentino), appello che ha espresso la propria contrarietà a stravolgere la regolamentazione riguardante il copyright, invitando la UE a moltiplicare i propri sforzi perché sia migliorata la circolazione dei film europei senza mortificare il diritto d’autore. Tra le misure proposte dai filmmaker europi l’applicazione di una tassazione dellabanda larga, ipotesi suggerita dallo stesso ministro francese Pellerin.

 

Top