You are here
Home > Cinema > Rassegna d’essai nelle sale UCI. Dinoia (FICE): “Ben vengano iniziative così, ma solo le sale d’essai garantiscono i risultati”

Rassegna d’essai nelle sale UCI. Dinoia (FICE): “Ben vengano iniziative così, ma solo le sale d’essai garantiscono i risultati”

Lunedì 27 ottobre in 42 multisale UCI Cinemas prenderà il via ESSAI. Rassegna di cinema d’autore, il nuovo appuntamento fisso settimanale del Circuito UCI pensato per tutti gli amanti dei film di qualità. Mercoledì 29 ottobre, invece, la rassegna partirà all’UCI Piacenza. L’obiettivo di UCI Cinemas è quello di consolidare il rapporto con quella parte…

Lunedì 27 ottobre in 42 multisale UCI Cinemas prenderà il via ESSAI. Rassegna di cinema d’autore, il nuovo appuntamento fisso settimanale del Circuito UCI pensato per tutti gli amanti dei film di qualità. Mercoledì 29 ottobre, invece, la rassegna partirà all’UCI Piacenza. L’obiettivo di UCI Cinemas è quello di consolidare il rapporto con quella parte della clientela appassionata di cinema d’autore e attrarre nuovi spettatori all’interno delle proprie sale, rivolgendosi a un target ben specifico. La rassegna consentirà inoltre al Circuito UCI di attivare, a livello locale, un dialogo con le realtà interessate a progetti di tipo educational e culturale che si legano ai film inseriti in cartellone. Il primo titolo ad aprire la rassegna sarà Io sto con la sposa (nella foto) di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry.

Io sto con la sposa foto dal film documentario fiction 17

«Si tratta di una semplice rassegna di film già passati nelle sale d’essai. Non cambia il mercato» commenta a Cineguru Domenico Dinoia, presidente FICE (Federazione Italiana Cinema d’Essai). «Certo ben vengano tutte le iniziative di questo tipo e va bene che anche nei multiplex si cerchi di veicolare film di qualità. Quello che noi abbiamo sempre detto e continuiamo a ripetere anche con i dati alla mano e che questi film prioritariamente hanno il loro sbocco naturale nelle sale d’essai, perché è lì che intercettano il loro pubblico. Si tratta di tentativi. Non a caso è un appuntamento settimanale con film già abbondantemente usciti. Tutti i multiplex fanno rassegne d’essai. Tutto quello che va a vantaggio del cinema di qualità va bene, ma è evidente, e lo vediamo con lo straordinario risultato de Il giovane favoloso, che sono le sale d’essai a essere il traino principale di questo tipo di prodotto. Quello che è importante è che ci sia spazio nelle sale per l’uscita dei film di qualità e questo è garantito dalle sale d’essai».

Top