You are here
Home > Cinema > Le Giornate del cinema muto di Pordenone, il bilancio della 33ma edizione

Le Giornate del cinema muto di Pordenone, il bilancio della 33ma edizione

Si è chiusa l’11 ottobre la 33ª edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, storica manifestazione, presieduta da Livio Jacob e diretta da David Robinson, dedicata al cinema pre sonoro. «La lettura dei dati relativi alle presenze al festival evidenzia, al di là delle difficoltà congiunturali del momento economico, un pareggio nel numero degli…

Si è chiusa l’11 ottobre la 33ª edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, storica manifestazione, presieduta da Livio Jacob e diretta da David Robinson, dedicata al cinema pre sonoro. «La lettura dei dati relativi alle presenze al festival evidenzia, al di là delle difficoltà congiunturali del momento economico, un pareggio nel numero degli accrediti rispetto agli anni scorsi con un lieve calo delle presenze italiane compensate da un aumento di quelle della Germania e degli Stati Uniti, non a caso i paesi che meno risentono della crisi» si legge nella nota rilasciata dal Festival a chiusura della manifestazione che ha registrato in totale poco meno di 1.000 accreditati con una buona tenuta degli ospiti del Giappone.

2014_GCMposter

Per quanto riguarda lo sbigliettamento (che va ad aggiungersi agli accrediti) l’evento inaugurale ha visto un aumento d’incasso rispetto all’edizione 2013. Nella giornata di domenica spiccano le performance di A colpi di note e l’incasso serale di Ben Hur. Ottimo il responso anche di mercoledì con l’evento Nibelunghi, più di 5 ore di proiezione, e di giovedì con Dr. Jekyll and Mr. Hyde (oltre 200 i biglietti venduti). Eccezionale per la giornata e l’orario, venerdì a mezzogiorno, il dato della versione sonora tedesca della Corazzata Potemkin: oltre 200 biglietti venduti. Grazie alla collaborazione di 36 archivi internazionali, sono stati 150 i titoli presentati nel corso di un’intensa settimana di proiezioni dal mattino a tarda sera, la maggior parte con accompagnamenti dal vivo. Quanto alla presenza delle Giornate sui social network, in particolare su Facebook, il dato più eclatante è stato l’aumento esponenziale – in prossimità dell’edizione – del numero dei “like” sulla pagina ufficiale del festival, che hanno superato quota 10mila. Le Giornate hanno anche un canale dedicato su YouTube, dove ogni giorno sono state caricate interviste esclusive agli organizzatori e agli studiosi e musicisti presenti. Per la prossima edizione (3-10 ottobre 2015), le Giornate hanno in serbo, fra le altre cose, un secondo capitolo dedicato al Technicolor, una rassegna sugli “uomini forti” del cinema muto e una sul western, mentre l’evento speciale con l’orchestra sarà quasi sicuramente Le joueur d’échecs di Raymond Bernard.

Top