You are here
Home > Cinema > Digitale > Franco Zuliani (Officine Ubu) parla di Everyday Rebellion

Franco Zuliani (Officine Ubu) parla di Everyday Rebellion

Un’uscita mirata, che toccherà 12 città (le principali capozona), in sale selezionate, per Everyday Rebellion il documentario di Arash e Arman T.Riahi, in sala da oggi per Officine Ubu. «Lo distribuiremo in poche sale, anche perché si tratta di un documentario e sappiamo che in Italia non sempre è facile proporre questo genere di opere….

Un’uscita mirata, che toccherà 12 città (le principali capozona), in sale selezionate, per Everyday Rebellion il documentario di Arash e Arman T.Riahi, in sala da oggi per Officine Ubu. «Lo distribuiremo in poche sale, anche perché si tratta di un documentario e sappiamo che in Italia non sempre è facile proporre questo genere di opere. Ma contiamo che il film trovi un suo pubblico» racconta a Cineguru il direttore generale della casa di distribuzione milanese Franco Zuliani.

Everyday Rebellion - L'arte di cambiare il mondo foto dal film 3

Per promuovere il film si è insistito molto sulla campagna stampa, con interviste su riviste e quotidiani, ed è stata siglata una convenzione con Amnesty International in virtù dei quali gli spettatori o i soci di Amnesty potranno andare a vedere il film in tutti i 12 cinema a prezzo ridotto presentando la stampa della newsletter di Amnesty. «Inoltre abbiamo tenuto una presentazione del film alla Casa del Cinema di Roma  – spiega Zuliani – alla presenza dei registi e di una rappresentante delle Femen, movimento femminista che è uno di quelli raccontti nel film».

Everyday Rebellion, che ha ricevuto il premio del pubblico al Biografilm Festival di Bologna, cerca di trovare il filo rosso che unisce la varie forme di protesta contro il “sistema” che fioriscono in tutto il mondo. Protesta che si dispega in mille forme, dalle ribellioni in Egitto e nel NordAfrica all’attivismo contro l’onnipotenza della finanza di movimenti come Occupy Wall Street o come gli spagnoli Indignados, accanto all’azione di gruppi femministi come Femen, o a quella sovversiva e dissacratoria degli Yes Man e del reverendo Billy negli Stati Uniti. Una protesta che si fa disobbedienza civile e non violenta e ha un solo comune denominatore: la volontà di cambiare il mondo in cui viviamo. È proprio questo uno dei punti di forza del film, secondo Zuliani: «Vista l’inutilità di molte guerre, con conflitti che si trascinano per decenni senza arrivare a una soluzione, l’idea di queste rivoluzioni non violente è un fattore importante e lancia un messaggio molto positivo e di speranza, facendo sperare che è possibile cambiare senza l’utilizzo delle armi. Con una buona regia e una buona sceneggiatura Everyday Rebellion ricostruisce cosa è successo recentemente in Iran, Siria, ma anche negli Stati Uniti e nel mondo, raccontando questi movimenti pacificisti. Il film ci è piaciuto molto ed è piaciuto molto anche a Roberto Saviano, che ha deciso di fare un endorsment al film». Il film esce oggi, 11 settembre, in una data simbolicamente importante, in contemporanea a Germania, Svizzera e Malta. Di seguito l’elenco delle sale in cui è programmato:

ANCONA – Azzurro
BARI – Il Piccolo
BOLOGNA – Chaplin
CATANIA – King
FIRENZE – Stensen
GENOVA – City
MILANO – Apollo
NAPOLI – Delle Palme
PADOVA – Astra
PESARO – Solaris
ROMA – Quattro Fontane
TORINO – Greenwich

Top