You are here
Home > Cinema > Caso Fox-Time Warner: questione di streaming

Caso Fox-Time Warner: questione di streaming

Secondo Bloomberg un quarto degli 80 miliardi offerti da Murdoch per l’acquisizione del colosso Time-Warner sarebbe da attribuire solo alla volontà d assumere il controllo di HBO e della sue destinazione on demand, HBO Go.

Quanto valgono Game of Thrones, Boardwalk Empire, True Detective e le altre serie tv di successo del noto network americano HBO? Secondo Wall Street ben 20 miliardi di dollari: dopo la notizia della tentata scalata di Rupert Murdoch a Time Warner, fonti vicine a questo mercato hanno rivelato il vero obiettivo del leader di 21st Century Fox, cioè il canale televisivo  premium controllato dal colosso mediatico. Degli 80 miliardi offerti per l’acquisizione del gruppo, secondo Bloomberg un quarto sarebbero da ricondurre solo a HBO, alla sua programmazione conosciuta in tutto il mondo e, non da ultimo, al suo servizio di streaming HBO Go, tra i principali player statunitensi del video on demand.

HBO-GO

Come abbiamo avuto modo di sottolineare più volte, a differenza di Netflix, leader del noleggio online di film e serial ad abbonamento, la destinazione web di HBO continua saldamente nella propria politica di consentire la visione online solo ai clienti della tv via cavo, nonostante gli altissimi livelli di pirateria comportati dalla scelta di non scorporare il business dello streaming.  Come vantaggio competitivo, d’altro canto, HBO Go può contare sulla piena disponibilità dei diritti sia sui prodotti current che su titoli storici come I Soprano o Sex and the City, oltre a vantare accordi di distribuzione per film Warner, Universal e anche Fox.

L’annos coro l’intera rete televisiva ha registrato guadagni per 1,9 miliardi di dollari e un fatturato complessivo di quasi 5 miliardi.  Nel caso il tentativo di Murdoch andasse a segno, 21st Century Fox dovrebbe andare incontro all’antitrust cedendo la storica CNN per un valore stimato in 10 miliardi di dollari.

La mossa sarebbe per altro in linea con l’espansione nello streaming delle reti Fox come FX, la cui app per l’online FXNow diventerà presto l’unica destinazione per la messa “in onda” dei Simpson. Anche in questo caso si tratta di servizi dedicati unicamente agli abbonati alla tv tradizionali, per quanto Sky, pure facente capo a Murdoch, abbia una solida tradizione nell’on demand ad abbonamento aperto a tutti gli utenti del web, soprattutto in Inghilterra con BSkyB ma anche in Italia con Sky Online.

Per ora Time Warner ha declinato l’offerta d’acquisto da 80 miliardi di dollari, ma secondo alcuni osservatori 21st Century Fox starebbe lavorando a una proposta più appetibile per il management della media company.

 

Fonte: Bloomberg

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top