You are here
Home > Cinema > Digitale > Fenomeno Gangnam Style: è sudcoreano il video più visto nella storia di YouTube

Fenomeno Gangnam Style: è sudcoreano il video più visto nella storia di YouTube

Quasi 825 milioni di visualizzazioni e la prospettiva di arrivare a un miliardo entro il 2012: la folle danza di PSY scala le classifiche e diventa il video più popolare di YouTube. Ma Gangnam Style è davvero un successo virale?

Quest’anno non sarà difficile prevedere lo “Zeitgeist” di YouTube. Il principale hub video a livello globale ha già incoronato la sua nuova star, vale a dire lo stravagante performer sudcoreano PSY e il suo scatenato Gangnam Style. Uscito a luglio 2012, il video ha scalato infatti tutte le classifiche del portale arrivando a essere il contenuto più visualizzato nella storia di YouTube, con un ammontare di contatti che attualmente si avvicina agli 825 milioni e potrebbe arrivare al miliardo entro Natale o la fine dell’anno.

 

Fonte: AllThingsD

Oltre ad avere colonizzato rapidamente lo scenario pop internazionale, il fenomeno ha catturato l’attenzione dei media anche per le modalità virali della sua diffusione, apparentemente meno legata ai canali della musica mainstream rispetto al precedente detentore del primato. Con più di 805 milioni di visualizzazioni, fino a sabato scorso il record interno del portale di Google era detenuto dal video Baby, del cantante idolo delle teenagers Justin Bieber, ormai superato anche a livello di engagement dell’audience del social network: 1,4 milioni di Like (più una sonora dose di “Non mi piace”) per Bieber, 5,3 milioni di Like per la hit di PSY.

 

Nonostante molti osservatori rimandino la spiegazione del fenomeno a questioni di mera sociologia culturale, c’è chi come Social Media Today ha studiato l’evoluzione della parabola del video, mettendo in evidenza come Gangnam Style sia stato prima spinto in patria dalla sua casa discografica, per approdare poi in un secondo momento ai canali di promozione tradizionali. Tra questi, la copertura stampa di Billboard, Time e Huffington Post, più il contratto firmato da PSY a settembre con lo stesso manager di Justin Bieber, Scooter Braun. Fondamentale, tuttavia, anche l’attività su Twitter di alcuni big della musica statunitense, che dopo l’estate hanno contribuito all’esplosione definitiva del fenomeno.

Qui un’interessante ricostruzione del percorso seguito da Gangnam Style, che ora domina una top 30 di contenuti più visti su YouTube costituita esclusivamente da video musicali, con la sola eccezione del filmato amatoriale Charlie Bit My Finger.

Fonte: Tech Crunch, Social Media Today

 

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top