You are here
Home > Cinema > Digitale > YouTube fa concorrenza alla tv con Disney e 3,5 miliardi di spettatori al giorno.

YouTube fa concorrenza alla tv con Disney e 3,5 miliardi di spettatori al giorno.

Un accordo per portare in VOD alcuni dei titoli più amati dal pubblico – statunitense e mondiale – come Alice in Wonderland o i Pirati dei Caraibi. Il portale di Google continua a lanciare il guanto contro gli operatori tv, forte di un bacino di utenti che genera più di 3 miliardi di visualizzazioni giornaliere.

Dopo aver lanciato ufficialmente la sua sfida alla TV tradizionale, YouTube continua l’espansione acquisendo nuovi contenuti di grande richiamo e allargando sempre di più il proprio bacino di utenti. Questa settimana il portale video ha infatti ottenuto un doppio successo, arrivando a toccare i tre miliardi e mezzo di visualizzazioni al giorno e aggiungendo Disney alla lista dei fornitori di film da noleggiare online, che poteva già vantare Studios del calibro di Sony, Universal, Warner Bros e Lionsgate.

La prospettiva di una maggior collaborazione tra le due realtà aveva già cominciato a intravedersi  a inizio novembre, quando è stata diffusa la notizia del lancio su YouTube di un canale dedicato alle serie per famiglie e interamente curato dalla major, a partire dalla realizzazione di un cartone basato su Where’s my water, gioco per cellulari e dispotivi mobili targato Disney con protagonista l’alligatore Swampy. E se la stampa americana aveva valutato “ridotto” il valore economico di tale operazione di co-branding (nell’ordine dei 10-15 milioni di dollari) è apparsa subito chiara la portata più ampia delle conseguenze che la partnership avrebbe potuto avere nella rincorsa del portale di Google ai maggiori player del settore dell’entertainment.

Come conferma The Wrap, questo nuovo accordo sulla distribuzione online dei film Disney rappresenta infatti per YouTube un altro colpo ben assestato nei confronti dei rivali nel campo del VOD, come Netflix ma anche Hulu, nonostante quest’ultimo sito veda tra i suoi principali azionisti proprio la major guidata da Robert A. Iger. E anche il Wall Street Journal  ha messo in evidenza come, attraverso il tubo, Google stia cercando di intensificare su ogni fronte la propria offerta premium (che non riguarda solo video ma anche notizie e soprattutto musica, attraverso il nuovo store Google Music, fruibile tra l’altro attraverso gli impianti televisivi connessi in rete tramite il portale web), in modo da far tremare perfino i colossi Comcast e Time Warner. Grazie alla nuova intesa, YouTube potrà infatti offrire in noleggio via streaming al pubblico americano i titoli targati Disney, Pixar e DreamWorks, tra cui Cars 2, Alice in Wonderland o franchise di incredibile successo quale I Pirati dei Caraibi.

Contenuti che non potranno che amplificare la capacità di YouTube di attrarre un pubblico già abbastanza  ampio di per sé.  Secondo gli ultimi dati diffusi dalla compagnia in occasione del Media Forum di Monaco (Key4Biz), le visualizzazioni giornaliere del sito hanno continuato a crescere raggiungendo i 3 miliardi e mezzo,  per un totale mensile di spettatori unici che si aggira intorno agli 800 milioni.

 

Fonte: The Wrap, Wall Street Journal, Key4Biz

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top