SVOD

Nielsen: l’audience non è solo quella delle “vecchie tv”, ma loro non se ne sono accorte

Tutti ne parlano, ma chi è che lo usa? Lo SVOD, subscription video on demand, è ormai sulla bocca di ogni analisi riguardante i nuovi modelli di offerta e consumo audiovisivo, specie da quando anche le emittenti televisive, italiane e non, si sono convinte a rivolgersi all’online per non perdere il treno dello streaming. Stando alle ultime rilevazioni di Nielsen, questo protagonismo non è ingiustificato: il 40% delle case americane avrebbe infatti accesso a un servizio di video on demand, e la fetta sarebbe anche cresciuta da gennaio a novembre-dicembre 2014, con un aumento piuttosto significativo di circa 5 punti percentuali.

nielsen total audience

Leggi tutto

Il 2015 di Netflix parte bene: +4,9 milioni di nuovi utenti nel primo trimestre

Il 2015 non poteva iniziare meglio per Netflix, almeno dal punto di vista della crescita degli abbonati. Il servizio di video on demand ha infatti totalizzato nel primo trimestre dell’anno 4,9 milioni di abbonati nel mondo, un risultato record. Di questi 2,28 milioni nuovi utenti derivano dagli Stati Uniti mentre a livello internazionale si sono registrati 2,6 milioni di nuovi abbonati. Alla dine del trimestre la società può contare quindi complessivamente su quasi 62,3 milioni di utenti. Un risultato al di sopra delle stesse aspettative della piattaforma che a gennaio aveva stimato 4 milioni di nuovi clienti per i lperiodo considerato (1,8 milioni negli StatiUniti e 2,25 milioni nel resto del mondo).

netflix-watch-now

Leggi tutto

100 milioni di utenti SVOD entro il 2015?

Una ricerca pubblicata da ABI Research/Ovum prevede che i servizi di subscription video on demand raggiungeranno i 100 milioni di utenti nel mondo entro il 2015. Secondo lo studio i principali servizi video vedranno una crescita dei ricavi del 26% nel 2015. Ma questa crescita potrebbe trasformarsi in un’opportunità anche per le Pay-Tv e per i netwok tradizionali, almeno quelli che si sono attrezzati per fornire ai loro clienti sevizi online separati, a più basso costo, con l’intento di attrarre nuovi clienti.

Schermata 2015-04-15 alle 10.01.19

Leggi tutto

Lionsgate e Comic-Con di San Diego in partnership per un servizio SVOD

Lo studio americano Lionsgate ha annunciato una partnership con il  Comic-Con International di San Diego per lanciare entro quest’anno in servizio di subscription video-on-demand. Il nuovo servizio includerà contenuti creati esclusivamente per gli utenti sottoscrittori, oltre a film e serie tv di Lionsgate e di altri studios che possano interessare la fan base del Comic-Con, oltre a materiale esclusivo d’archivio che riguarda i 45 anni della storia dell’evento. Inoltre Lionsgate e Comic-Con lavoreranno a stretto contatto per rendere il Comic-Con International Independent Film Festival (CCI-IFF) un evento online attivo 365 giorni all’anno.

comic-con-2014-programma

Leggi tutto

Il mercato del SVOD in UK sorpasserà il miliardo di sterline nel 2019

Dati molto promettenti quelli che riguardano il mercato del Subscription Video On Demand in Gran Bretagna, secondo una ricerca svolta dalla società Mintel. Lo studio evidenza infatti che il mercato del VOD ad abbonamento supererà il miliardo di sterline entro il 2019. Una crescita esponenziale se si considera che, sempre secondo la ricerca, nel 2009 il valore del settore era pari a soli 28 milioni di sterline, passato a 437 milioni nel 2014 (+56% rispetto ai 281milioni del 2013). Entro il 2019 si stima che le entrate dai servizi di SVOD raggiungeranno 1,1 miliardi (pari a 1,6 miliardi di euro) e il mercato SVOD conterà per il 38% sull’intero mercato dell’home video.

smart-tv1

Leggi tutto

HBO (e GoT) sbarca su Sling TV, rigorosamente in streaming, anche on demand

Con l’arrivo della primavera si avvicina anche uno degli appuntamenti televisivi più attesi dell’anno a livello mondiale, Game of Thrones. E questa volta i fan americani della serie avranno di che gioire, specialmente se non possiedono un abbonamento alla tv via cavo e sono già passati ai generalmente meno costosi servizi “over the top”, quelli cioè che offrono contenuti direttamente online bypassando i canali di distribuzione tradizionale. Quest’anno, infatti, non si attende solo l’epocale debutto di un servizio di video on demand targato HBO e aperto anche a chi non possiede un abbonamento alla pay-tv, requisito finora essenziale per accedere allo streaming della nota emittente. Non contenta della partnership già stretta con Apple Tv, la rete ha annunciato che la sua programmazione sarà disponibile anche su Sling Tv, “diramazione” internet di un’altra importante realtà statunitense come il broadcaster satellitare Dish Network.

Game of Thrones nuova stagione 12 aprile

Leggi tutto

USA: il 40% delle famiglie ha un abbonamento SVOD [INFOGRAPHIC]

La crescita dei servizi di video on demand ormai costituisce a malapena una notizia, ma stavolta le cifre che provengono da Nielsen, leader USA nella misurazione dell’audience televisiva, sono di quelle significative. Stando alle ultime rilevazioni condotte sulle famiglie americane, il numero delle case con un abbonamento al video on demand ha raggiunto il 40,3% del totale, superando così la quota di chi, al contrario, pur avendo una connessione a banda larga non possiede alcuna sottoscrizione a servizi di questo tipo (35,2%). Sembra inoltre ancora molto ampio il margine di espansione degli OTT, nella misura in cui quasi un quarto delle case ancora non gode di Internet super veloce.

SVOD-closer-look-wirepost

 

Leggi tutto

Arriva HBO Now, il servizio SVOD legato a Apple Tv

Era nell’aria e in qualche modo era già stato annunciato: HBO debutterà ad aprire con il suo nuovo servizio di SVOD sganciato dall’abbonamento alla pay tv. Ora il lancio ad aprile, negli Stati Uniti, è confermato: il servizio si chiamerà HBO Now e offrirà streaming di contenuti video (serie tv e tutti i contenuti della rete)  al costo di un abbonamento mensile di 14,99 dollari (primi 30 giorni gratuiti per i clienti che si iscriveranno nel primo mese del lancio).

HBO-Now

Leggi tutto

Telecom, parte ad aprile la partnership con Sky. Trattative con Netflix

Partirà ad aprile la partnership di Telecom Italia con Sky nella pay-tv. L’accordo, siglato lo scorso anno, prevedeva di veicolare i contenuti della pay tv sulle proprie infrastrutture di rete di nuova generazione, bypassandola necessità di dover installare una parabola. Lo ha annunciato l’amministratore delegato  di Telecom Italia, Marco Patuano, nel corso della presentazione a Londra  del piano industriale per il triennio 2015-2017. E intanto, ha dichiarato sempre Patuano, Telecon è in trattative con Netflix. Dopo mesi di voci mai cinfermate  è la prima volta che Telecom ammette ufficialmnete le trattavite con la piattaforma di SVOD americana, che ormai è attiva in 50 paesi.

telecom italia

Leggi tutto

Netflix a Cuba (con o senza banda)

Il leader americano del video on demand ad abbonamento (SVOD) ha seriamente intenzione di portare a termine la propria espansione globale entro il 2016 e, a scanso di dubbi, dopo l’annuncio della prossima apertura in Giappone ieri è arrivato quello decisamente meno scontato di uno “sbarco” a Cuba. per quanto Netflix vanti una lunga e consolidata presenza in America Latina, la mossa sembra avere poco di strategico considerando che al territorio mancano tutte le caratteristiche finora dichiarate fondamentali per l’inclusione all’interno delle aree coperte dal servizio, cioè un’ampia disponibilità di banda, l’abitudine ai pagamenti online e, in via preferenziale, un’industria audiovisiva forte.

1297660689459_ORIGINAL
Leggi tutto