Sony

Sony cancella The Interview: non uscirà in sala e nemmeno sulle altre piattaforme

Sony ha definitivamente cancellato l’uscita nei cinema americani, prevista per il 25 dicembre, di The Interview la commedia in in cui James Franco e Seth Rogen ideano un piano per assassinare Kim Jong-Un, il leader nordcoreano e causa principale dell’attacco informatico subito dalla major nelle scorse settimane e che ne ha paralizzato l’attività. E mentre il Dipartimento di Giustizia americano sta per annunciare ufficialmente l’effettiva reponsabilità del Governo Nordcoreano nella vicenda, sembra sfumata ogni possibilità che il film approdi nelle sale.

the interview

Leggi tutto

Sony e il “caso” The interview. I cinema liberi di non proiettare il film

Si complica la situazione per Sony dopo che la società ha subito un pesante attacco informatico da parte di un gruppo di hacker che si fa chiamare Guardians of Peace, molto probabilmente di derivazione Nord Coreana per aver realizzato il film The Interview, in cui James Franco e Seth Rogen cercano di assassinare Kim Jong-Un, il leader nordcoreano. La major ha reso noto che ha in programma di posticipare l’uscita del film (prevista negli Stati Uniti per il 25 dicembre) e ha lasciato liberi gli esercenti che hanno già prenotato il film di decidere se propiettarlo o meno, affermando che avrebbe supportato ogni loro decisione in merito. La catena Carmike Cinemas (278 cinema per 2.917 schermi ha già reso noto che non programmerà il film. Inoltre è stata cancellata l’anterprima della pellicola a New York che avrebbe dovuto tenersi presoo Landmark Sunshine Cinema, pare proprio per volontà del cinema stesso.

the interview

Leggi tutto

I Pirati attaccano Sony, rubati cinque film

Attacco informatico in piena regola alla Sony Pictures Entertainment. Un gruppo di hacker che si fa chiamare Guardians of Peace, lunedì è riuscito ad infiltrarsi prima nei computer di New York della Sony Pictures e poi in quelli sparsi in tutto il mondo, spingendo così la società a spegnere per precauzione quelli della sede di Los Angeles e causando di fatto il blocco di ogni attività. Ma quel che più conta in seguito all’attcco sono protamenti comparsi online, sulle piattaforme di file-sharing le copie DVD screener di cinque pellicole prodotte dallo studio: Fury ancora in programmazione nelle sale americane e gli inediti Annie e Mr. Turner (in uscita a dicembre), Still Alice (previsto per il 16 gennaio 2015) e To Write Love on Her Arms (marzo 2015).

Fury - Foto del Film

Leggi tutto

Per Sony una perdita di 2,15 miliardi di dollari

Sony Corp. ha annunciato una previsione di perdita per l’anno fiscale con termine al 31 marzo 2015 pari a 2,15 miliardi di dollari (230 miliardi di Yen). Una perdita molto più consistente di quanto atteso per il colosso giapponese (a luglio la società aveva pronosticato un rosso di 500 milioni di dollari) che ha lamentato soprattutto la flessione del settore legato alla telefonia mobile.

sony Leggi tutto

007 – Skyfall: pronto a battere il record della saga e diventare il primo Bond a superare i 600 milioni.

La scorsa settimana l’ultimo capitolo della saga di James Bond, 007 – Skyfall, ha conquistato la vetta del box office italiano con un incasso sorprendente di oltre 6 milioni di euro raccolti  in cinque giorni (QUI la classifica completa), ma a stupire è stato anche il risultato internazionale. In attesa dell’uscita USA del film, prevista per il 9 novembre, il terzo Bond interpretato da Daniel Craig ha già raccolto quasi 300 milioni di dollari in due settimane di permanenza nelle sale, il che lo mette in condizione di diventare il primo film di 007 a superare i 600 milioni di dollari al box office mondiale.

Leggi tutto

UltraViolet: la nuvola conquista l’integrazione con Amazon. Gli abbonati a quota 750 mila.

Che influenza ha avuto finora UltraViolet sul mercato dell’home video? Per quanto il nuovo servizio cloud, sviluppato dal consorzio di 75 imprese del settore dei media e dell’intrattenimento DECEDigital Entertainment Content Ecosystem, abbia appena superato i primi tre mesi di vista, è possibile cominciare a tirare alcune somme, partendo prima di tutto dal numero dei nuovi iscritti alla nuvola. Stando alle cifre diffuse in un comunicato stampa dai suoi realizzatori, sarebbero infatti più di 750 mila i nuclei familiari raggiunti oggi da UltraViolet, e questo come risultato dei 19 titoli resi finora disponibili dalle major per il nuovo sistema cloud.

Leggi tutto

RedBox: come incide la finestra imposta dalle major sul noleggio di Blu-ray e DVD

Come vi abbiamo riferito ieri, Warner Bros sembra decisa a portare avanti la strategia di ritardare l’uscita dei suoi film in noleggio tramite i distributori automatici di RedBox, che per l’affitto di Blu-ray e DVD chiedono la cifra molto contenuta di 1,20 dollari al giorno, e tramite Netflix, che per un abbonamento mensile sotto ai 10 dollari offre il servizio via posta o in VOD via streaming. Entrambe le compagnie ultimamente hanno ritoccato verso l’alto le proprie tariffe, ponendo forse le basi per ricontrattare le intese esistenti con i diversi fornitori di contenuti che, come noto, temono l’eccessiva convenienza dei loro prezzi e la ritengono in parte responsabile dell’andamento non brillante di un mercato dell’home video già indebolito dalla pirateria. Ma non tutte le major perseguono la stessa politica, e sembra che le diverse finestre imposte per la release dei film si stiano riflettendo in maniera piuttosto distinta sul successo dei vari titoli in catalogo, almeno per quanto riguarda i chioschi rossi.

Leggi tutto

VOD all’inglese: Netflix guadagna BBC, LoveFilm ribatte con Sony.

Cresce la competizione nel campo del video on demand in Gran Bretagna. Netflix continua infatti a preparare lo sbarco oltre l’Atlantico con una campagna volta ad aggiudicarsi contenuti abbondanti e di qualità,  puntando soprattutto sulle major con cataloghi appetibili quali Miramax e MGM,  e ora sul colosso per eccellenza del settore dei media britannici, cioè la BBC, nello specifico BBC Worldwide.

Leggi tutto

Sony sfida Apple con la strategia dei 4 schermi. Google perde Logitech nella corsa verso la tv.

Dopo aver dichiarato a inizio novembre una previsione di 837 milioni di euro di perdita a causa del costante calo nelle vendite dei televisori, Sony ha rilanciato con l’annuncio di un progetto di smart tv volto a far concorrenza a quello che, secondo indiscrezioni, potrebbe veder presto la luce sotto il marchio Apple.

 

Leggi tutto

Crollo Netflix: questione di prezzi o di diritti?

Com’era prevedibile, non è bastata la notizia dei progetti di espansione verso Gran Bretagna e Irlanda a salvare Netflix dalla scure degli analisti. A inizio settimana, la compagnia californiana che si occupa di video on demand via streaming e di noleggio DVD e Blu-ray per corrispondenza, ha presentato ai mercati una trimestrale in cui emergono tutti gli errori di gestione dell’ultimo periodo. I cali sono stati ingenti, sia in termini di valore finanziario che di utenza: sono 800 mila gli iscritti persi tra luglio e settembre nei soli Stati Uniti (il servizio è operativo anche in Canada e America Latina), più di 210 mila rispetto alle aspettative del board.

Leggi tutto