Netflix

Netflix: tutti i possibili partner cinesi

È bastata la voce di una possibile partnership tra Netflix e l’emittente cinese Wasu per far impennare in Borsa le azioni del colosso dello streaming e portarlo per la prima volta sopra la soglia dei 600 dollari per quota. Questo senza che nessuna delle due parti in causa abbia confermato la presenza di trattative in corso e nonostante il perdurare delle speculazioni su tutta la gamma di soggetti che potrebbero affiancare il servizio di SVOD (subscription video on demand) nel caso decidesse di aggredire il mercato della Repubblica Popolare.

cina tv

Leggi tutto

Netflix goes global: oltre l’Italia, anche la Cina

Netflix è di parola: ha detto di voler completare l’espansione mondiale entro il 2016 e si sta muovendo esplicitamente in questo senso. L’apertura in Italia è perciò certa, rimane solo da comprenderne la data esatta, tra i rumors che parlano di ottobre e quelli che si tengono più vaghi con un “entro Natale”, e le specifiche del servizio, oltre alla partnership quasi certa con Telecom Italia. Nonostante le dimensioni modeste del mercato del video on demand e il ritardo nella diffusione della banda larga, il nostro non è nemmeno il Paese più ostico in cui far debuttare un’offerta di streaming ad abbonamento. L’incognita principale riguardo al roll-out globale di Netflix è infatti la Cina, per i problemi di censura e burocrazia che la rendono un osso duro da addentare anche per il colosso americano dello SVOD (subscription video on demand). Secondo indiscrezioni dell’ultima ora, tuttavia, la compagnia guidata da Reed Hastings sarebbe già in contrattazioni con la media company locale Wasu, sostenuta anche dal magnate cinese Jack Ma, fondatore del potente gruppo Alibaba

China-Netflix

Leggi tutto

Netflix al tempio del cinema europeo: Sarandos ospite del Marché di Cannes 68

L’ingresso di Netflix nel mercato francese non è stato proprio semplicissimo: ha richiesto un lungo periodo di consultazioni con le autorità statali per ammorbidire alcuni aspetti della regolamentazione nazionale in materia di audiovisivo (una su tutte, la questione delle finestre per la distribuzione del prodotto cinematografico) e la ricerca di partner forti come la telco Orange per  affrontare la forte competizione degli operatori locali, in particolare Canal Plus. A più di un semestre dalla seconda espansione europea, però, la compagnia di streaming ad abbonamento è pronta per partecipare in veste più che autorevole alla manifestazioni francese di maggior rilievo nell’ambito della settima arte, cioè il 68° i.

ted sarandos

Leggi tutto

Netflix sbarca in Italia a ottobre?

Ancora nulla di ufficiale ma i rumors sullo sbarco nel nostro paese di Netflix, il servizio di SVOD attivo ormai in 50 territori, si fanno sempre più insistenti. E pare probabile che l’approdo della società in Italia possa avvenire in autunno, presumibilmente nel mese di ottobre. Lo riporta Variety citando alcune fonti raccolte in occasione di INCONTRI #5 il convegno organizzato dalla BLS Sudtirol Alto -Adige e svoltosi dal 22 al 24 aprile. All’incontro anno partecipato oltre 50 esponenti del settore cinematografico e televisivo ed è stato focalizzato sull’evoluzione delle produzioni nell’era del digitale e sull’attrattività delle coproduzioni europee.

netflix online

Leggi tutto

Il 2015 di Netflix parte bene: +4,9 milioni di nuovi utenti nel primo trimestre

Il 2015 non poteva iniziare meglio per Netflix, almeno dal punto di vista della crescita degli abbonati. Il servizio di video on demand ha infatti totalizzato nel primo trimestre dell’anno 4,9 milioni di abbonati nel mondo, un risultato record. Di questi 2,28 milioni nuovi utenti derivano dagli Stati Uniti mentre a livello internazionale si sono registrati 2,6 milioni di nuovi abbonati. Alla dine del trimestre la società può contare quindi complessivamente su quasi 62,3 milioni di utenti. Un risultato al di sopra delle stesse aspettative della piattaforma che a gennaio aveva stimato 4 milioni di nuovi clienti per i lperiodo considerato (1,8 milioni negli StatiUniti e 2,25 milioni nel resto del mondo).

netflix-watch-now

Leggi tutto

100 milioni di utenti SVOD entro il 2015?

Una ricerca pubblicata da ABI Research/Ovum prevede che i servizi di subscription video on demand raggiungeranno i 100 milioni di utenti nel mondo entro il 2015. Secondo lo studio i principali servizi video vedranno una crescita dei ricavi del 26% nel 2015. Ma questa crescita potrebbe trasformarsi in un’opportunità anche per le Pay-Tv e per i netwok tradizionali, almeno quelli che si sono attrezzati per fornire ai loro clienti sevizi online separati, a più basso costo, con l’intento di attrarre nuovi clienti.

Schermata 2015-04-15 alle 10.01.19

Leggi tutto

Arriva il tasto sul telecomando per accedere a Netflix

Per gli spettatori europei sarà sempre più facile accedere ai programmi offerti in streaming dalla piattaforma Netflix. A iniziare da questo mese infatti le Smart TV, i player blu-ray e i set top-box di alcuni grandi marchi diffusi in Europa metteranno a disposizione il tasto dedicato a Netflix sul telecomando, rendendo così possibile l’accesso diretto ai contenuti offerti dal servizio.

Netflix-Button

Leggi tutto

HBO (e GoT) sbarca su Sling TV, rigorosamente in streaming, anche on demand

Con l’arrivo della primavera si avvicina anche uno degli appuntamenti televisivi più attesi dell’anno a livello mondiale, Game of Thrones. E questa volta i fan americani della serie avranno di che gioire, specialmente se non possiedono un abbonamento alla tv via cavo e sono già passati ai generalmente meno costosi servizi “over the top”, quelli cioè che offrono contenuti direttamente online bypassando i canali di distribuzione tradizionale. Quest’anno, infatti, non si attende solo l’epocale debutto di un servizio di video on demand targato HBO e aperto anche a chi non possiede un abbonamento alla pay-tv, requisito finora essenziale per accedere allo streaming della nota emittente. Non contenta della partnership già stretta con Apple Tv, la rete ha annunciato che la sua programmazione sarà disponibile anche su Sling Tv, “diramazione” internet di un’altra importante realtà statunitense come il broadcaster satellitare Dish Network.

Game of Thrones nuova stagione 12 aprile

Leggi tutto

Gli esercenti Usa contro Netflix: non programmeranno Beasts of No Nation

Non si è fatta attendere la presa di posizione di alcuni dei maggiori circuiti americani dopo l’annuncio che la piattaforma di SVOD Netflix si era aggiudicata i diritti di distribuzione di Beasts of No Nation di Cary Fukunaga, un dramma di guerra ambientato in Africa e interpretato da Idris Elba. La società avrebbe intenzione di distribuirlo sia online ai propri clienti sia nelle sale ma a tener conto della reazione degli esercenti la pellicola non potrà sperare di uscire in più di 200-250 cinema indipendenti. Le maggiori catene – tra cui Regal, AMC e Cinemark – hanno confermato la linea dura: rimangono contrarie a distribuire un film cheviene proposto contemporaneamente su altre piattaforme.

AMC

Leggi tutto

Netflix in Cina da solo? E intanto distribuisce Beast of No Nation

Mentre si prepara a sbarcare in Australia e Nuova Zelanda (la data ufficiale di lancio è il 24 marzo) Netflix sta pianificando anche di conquistare la Cina. La piattaforma di SVOD, già attiva in 50 paesi, ha infatti intenzione di arrivare presto anche nel mercato cinese, un mercato in forte crescita e il maggiore per quanto riguardo l’utilizzo di Internet con 649 milioni di utenti, il 60% dei quali utilizza dispositivi mobili quali smartphone e tablet. Ma conrariamente a quanto si pensava in un primo momento Netflix potrebbe fare questa mossa da solo, senza cioè appoggiarsi a un partner locale . Lo ha spiegato il Content Office di Netflix Ted Sarandos ai reporter cinesi, aggiungendo che la società sta valutando di esportare nel resto del mondo  contenuti prodotti in Cina.

netflix online

Leggi tutto