Netflix

Sempre più film per Netflix, accordo con i fratelli Duplass, re del cinema indie

Netflix continua nella politica di assicurasi contenuti esclusivi a livello cinematografico per la propria piattaforma di SVOD attraverso accordi diretti con star e produttori. Dopo l’accordo con Adam Sandler annunciato a ottobre, grazie al quale la società di è aggiudicata l’esclusiva di 4 film prodotti dalla casa dell’attore (la Happy Madison Productions), Netflix ha raggiunto un’intesa anche con i fratelli Mark e Jay Duplass. I due, registi e produttori affermati e richiestissimi nel mondo del cinema indipendente americano, realizzaranno quattro film che saranno distribuiti da Netflix a breve distanza dal passaggio nelle sale cinematografiche.

netflix

Leggi tutto

Netflix, “La pirateria uno dei nostri maggiori competitor”

«La pirateria continua a essere uno dei nostri maggiori competitor». Lo afferma Netflix in una lettera indirizzata ai propri azionisti illustrando i risultati raggiunti nel corso del 2014. La società di SVOD, presente ormai in 50 paesi per un totale di oltre 57 milioni di abbonati non teme tanto i concorrenti legali , come HBO, ma quelli illegali, come Popcorn Time. Quest’ultimo ha infatti reso accessibile e più fruibile l’offerta di film pirata grazie alla sua semplice App dalla grafica accattivante e dall’utilizzo intuitivo.

Schermata 2015-01-22 alle 12.52.40

Leggi tutto

Netflix a quota 57,4 milioni di utenti nel 2014. E adesso arriva The Interview

Netflix ha reso noti i risultati fiscali relativi all’ultimo trimestre del 2014: a livello di sottoscrizioni la società ha quadagnato soltato nell’ultimo trimestre 4,33  nuovi utenti (1,9 milioni negli Stati Uniti e 2,43 internazionalmente), 13 milioni in tutto il 2014 arrivando a un totale, nel mondo, di 57,4 milioni di utenti. E le aspettative per il 2016 sono ancora di crescita prevedendo di raggiungere quota 61,4 milioni complessivi (con 4,05 nuovi utenti solo nel primo trimestre del 2015). Con un’annotazione: mentre negli Stati Uniti Netflix si sta stabilizzando e la crescita di nuovi clienti sta decelerndo, l’espansione in nuovi territori guida l’incremento delle sottoscrizioni. Anche i numeri finanziari mostrano tutti il segno “+”: nel trimestre in questione la società ha raggiunto un fatturato di 1,484 miliardi di dollari (con ricavi netti pari a 83 milioni), +26% rispetto al trimestre corrispondente del 2013 con un fatturato di 1,175 miliardi per ricavi pari a 48 milioni.

netflix online

Leggi tutto

Le serie di Amazon e Netflix spopolano ai Globe, avanza il cord cutting

Tv on demand un anno dopo: se alla passata edizione dei Golden Globe avevano tenuto banco le cinque nomination e il premio consegnato a Netflix, leader internazionale dello streaming ad abbonamento, per la sua serie originale House of Cards, la serata di ieri ha visto aumentare di gran lunga il protagonismo degli operatori OTT e dei loro prodotti destinati alla messa in onda online.

transparent-620x420

Leggi tutto

Netflix continuerà a non rendere noti i propri dati di ascolto

Decisa presa di posizione da parte di Ted Sarandos, chief content officer di Netflix che ha confermato che il servizio di VOD online continuerà a non rendere pubblici i propri dati d’ascolto. «Non esiste nessuna reale ragione di business per noi per diffondere questi numeri» ha risposto ai giornalisti in occasione del press tour annuale della Television Critics Association. Il manager ha anche parlato del “caso The Interview (la cui distribuzione online ha fruttato a Sony 31 milioni di dollari finora): «Sebbene sia un incredibile caso particolare, è stato un grande esempio di quello che potrebbe accadere con un film ad alto budget se venissero offerte al pubblico opzioni distributive.. si potrebbero creare molte entrate. Di fatto quello che si è verificato con The Interview è stato un fatto che ha aperto gli occhi all’industria».

netflix online

Leggi tutto

Smart tv: arriva il bollino “Raccomandata da Netflix”

I produttori di elettronica di consumo sono ormai da tempo tra i migliori alleati dei servizi OTT che incentivano la fruizione dei prodotti audiovisivi sui dispositivi connessi di ultima generazione: da quelli mobili fino alle tv con collegamento integrato al web. Come annunciato al CES 2015, il popolare Consumer Electronics Show in corso a Las Vegas, a rendere ancora più evidente questa alleanza sta per arrivare addirittura un “bollino” afferente a uno dei principali player internazionali del video on demand come Netflix. Da quest’anno il leader dello streaming ad abbonamento lancerà infatti un suo programma, volto a premiare col marchio “Netflix Recommended TV” gli apparecchi che offrono la migliore esperienza di visione connessa.

Schermata 2015-01-07 alle 17.52.04

Leggi tutto

Amazon Prime, al via lo streaming in 4K

Negli Stati Uniti Amazon tha iniziato la distribuzione in streaming, ai propri clienti del servizio Prime Instant Video, di contenuti in Ultra HD. Il nuovo servizio è diponibile senza costi aggiuntivi. I film, i programmi e le serie televisive in 4K sono compatibili con le Smart Tv Ultra HD. Tra i primi titoli disponibili nel nuovo formato La tigre e il dragone, Funny Girl, Hitch e Philadelphia e molte le serie tv, da Transparent a Alpha House. «Vogliamo dare la migliore esperienza d’intrattenimento e offrire film e programmi tv in Ultra HD innalza l’asticella della qualità e dell’innovazione, due fattori che i nostri clienti si aspettano da Amazon» ha dichiarato Michael Paull, Vice President, Amazon Digital Video. «Siamo molto felici che L’Ultra HD sia solo l’ultimo dei vantaggi dei clienti di Amazon Prime, offrendo l’oro l’opportunità di avere istantaneo accesso a grandi film e spettaoli tv in una risoluzione di prima qualità e senza costi aggiuntivi».

Amazon Prime Instant video on demand

Leggi tutto

Al via ad aprile il servizio VOD di HBO. E intanto Netflix lancia Marco Polo

Il servizio di video on demand online di HBO, sganciato dall’abbonamento alla pay tv, potrebbe essere lanciato gìà ad aprile del 2015. La mossa, che porterebbe l’emittente americana a pagamento, che fa capo al gruppo Time Warner, in stretta concorrenza con Netflix nel mercato della distribuzione digitale online, avverrebbe quindi, secondo quanto riportato da Fortune, in concomitanza con il lancio, il 6 aprile, della nuova stagione della popolare serie tv Il Trono di spade. Inoltre sembra che HBO abbia rinunciato a sviluppare il nuovo servizio internamente (tale progetto si chiamava Maui ed è stato formalmente cancellato) affidandosi invece alla società MLB Advanced Media, leader nell’offrire servizi di streaming online. Ancora non è chiaro quali effetti questo avrà su HBO Go, il servizio esistente di streaming attivo per i sottoscrittori via cavo che comunque sarà mantenuto.

got

Leggi tutto

La NATO su Netflix: un castello di carte

In un articolo su Pro.Boxoffice.Com  a firma di Patrick Corcoran, Vice President & Chief Communications Officer della NATO, l’associazione americana degli esercenti cinematografici si esprime in merito a Netflix e a alle uscite simultanee rispetto alla sala cinematografica. L’articolo  – intitolato Netflix and the Myth of Innovation: Simultaneous Release Is a House of Cards (Netflix e il mito dell’innovazione: le uscite simultanee sono un “castello di carte”, in riferimento al titolo della serie tv House of Cards) – prende il via dalla decisione di Netflix, operatore leader nelle distribuzione streaming, di distribuire day and date il  sequel de la tigre e il dragone, sia VOD che sugli schermi IMAX. Decisione contestata fortemente dal mondo dell’esercizio, mentre il responsabile dei contenuti di Netflix Ted Sarandos continua a parlare di “vecchi modelli di distribuzione”.

netflix online

Leggi tutto

I consumatori citano Netflix in Francia

Ancora tensione in Francia per Netflix, l’operatore di SVOD (subscription video on demand), sbarcato a settembre Oltralpe. Qualche settimana fa c’erano state polemiche riguardo al rispetto delle finestre theatrical per alcuni film.Oggi la principale associazione dei consumatori francesi, la CLCV, ha citato in giudizio presso la Corte di Parigi la società per clausole dannose e illegali. La CLCV precisa di aver accolto molto positivamente l’ingresso in Francia dell’operatore in quanto Netflix ha contribuito ad aumentare la concorrenza e a introdurre un modello innovativo nell’offerta televisiva. Tuttavia l’associazione ha evidenziato alcune derive nel contratto proposto da Netflix riguardo al rispetto dei diritti dei consumatori e in contrasto con la legge francese.

Netflix-France

Leggi tutto