News

Sony cancella The Interview: non uscirà in sala e nemmeno sulle altre piattaforme

Sony ha definitivamente cancellato l’uscita nei cinema americani, prevista per il 25 dicembre, di The Interview la commedia in in cui James Franco e Seth Rogen ideano un piano per assassinare Kim Jong-Un, il leader nordcoreano e causa principale dell’attacco informatico subito dalla major nelle scorse settimane e che ne ha paralizzato l’attività. E mentre il Dipartimento di Giustizia americano sta per annunciare ufficialmente l’effettiva reponsabilità del Governo Nordcoreano nella vicenda, sembra sfumata ogni possibilità che il film approdi nelle sale.

the interview

Leggi tutto

I cinema AMC con MoviePass: in sala con un abbonamento mensile (anche Premium)

AMC Theatres, la seconda catena cinematografica per dimensioni in Nord america, ha stretto un accordo con Moviepass, il servizio nato nel 2011 che prevede una formula di abbonamento mensile al cinema con la possibilità di vedere quanti spettacoli si vuole in più sale convenzionate. Per ora la partnership con Moviepass sarà testata in due città (Boston e Denver) con un abbonamento a partire dall’inizio del 2015. Gli spettatori potranno scegliere tra due opzioni: con l’opzione Moviepass Premium al prezzo di 45 dollari potranno accedere anche alle proiezioni presso i cinema IMAX e in 3D: quindi un film al giorno in ogni sala AMC in ogni formato disponibile.. Con invece l’opzione standard Moviepass (al costo di 35 dollari) sarà consentito l’accesso solo alle proiezioni in 2D (sempre un film al giorno per un mese). «Questa è la prima volta che un servizio di abbonamento premium è lanciato negli Stati Uniti e segna un passo significativo in avanti con l’offerta agli amanti del cinema di esperienze visive e sonore di primo livello nelle sale» ha spiegato Stacy Spikes, CEO and Co-Founder of MoviePass. «Crediamo che questo abbonamento Premium, insieme al nuovo sistema di prenotazione dei biglietti online, sarà interessante per la fascia di spettatori dai 18 ai 34 anni. Il nostro obiettivo è continuare a far venire la gente al cinema».

AMC

Leggi tutto

Lo Hobbit, 75 milioni di dollari stimati per il debutto in Usa

Lo Hobbit: La battaglia delle cinque armate, il capitolo finale della saga diretta da Peter Jackson e ispirata al Signore degli anelli si prepara a debuttare oggi nei cinema americani (e in contemporanea anche sugli schermi italiani).  Le stime di incasso nei primi cinque giorni del film parlano di 70-75 milioni di dollari, cifra che consentirebbe alla pellicola di conquistare agilmente la vetta della classifica del box office nordamericano. Il film sarà distribuito da Warner Bros. in oltre 3.850 cinema. Un risultato di tutto rispetto se le previsioni forssero confermate anche se leggermente inferiore ai primi due capitoli tratti da Lo Hobbit di Tolkien (usciti entrambi di venerdì e non di mercoledì).

Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate Richard Armitage foto dal film 2

Leggi tutto

Contenuti alternativi per le sale – Nexo Digital propone Skylight (3 febbraio)

Diretto da Stephen Daldry (Billy Elliot, The Hours) arriverà al cinema il 3 febbraio 2015, distibuito da Nexo Digital (nell’ambito del progetto del National Theatre al cinema) Skylight, opera teatrale dello sceneggiatore David Hare (noto per The Hours e The Reader). Interpretata da Carey Mulligan (Shame, Il Grande Gatsby), Matthew Beard (An Education) e Bill Nighy (Pride) la piece teatrale ha vinto l’Olivier Award come Miglior Testo Drammatico ed esplora la complessa e drammatica relazione tra Tom e la sua ex-amante, la maestra di scuola Kyra.

SkyLight

Leggi tutto

Sony e il “caso” The interview. I cinema liberi di non proiettare il film

Si complica la situazione per Sony dopo che la società ha subito un pesante attacco informatico da parte di un gruppo di hacker che si fa chiamare Guardians of Peace, molto probabilmente di derivazione Nord Coreana per aver realizzato il film The Interview, in cui James Franco e Seth Rogen cercano di assassinare Kim Jong-Un, il leader nordcoreano. La major ha reso noto che ha in programma di posticipare l’uscita del film (prevista negli Stati Uniti per il 25 dicembre) e ha lasciato liberi gli esercenti che hanno già prenotato il film di decidere se propiettarlo o meno, affermando che avrebbe supportato ogni loro decisione in merito. La catena Carmike Cinemas (278 cinema per 2.917 schermi ha già reso noto che non programmerà il film. Inoltre è stata cancellata l’anterprima della pellicola a New York che avrebbe dovuto tenersi presoo Landmark Sunshine Cinema, pare proprio per volontà del cinema stesso.

the interview

Leggi tutto

Lo stop di Pirate Bay non ferma i pirati

Il sito di The Pirate Bay, dedito al file sharing illegale, è stato messo fuori combattimento dall’operazione di sequestro dei server da parte della Polizia Svedese, operazione avvenuta il 9 dicembre scorso. Ma quanto la debacle del dominio più celebre di download illecito, nato nel 2003, ha effettivamente influito sull’andamento della pirateria online? E quanto ne ha fermato la crescita? Secondo i dati forniti da Excipio, società internazionale specializzata nel monitorare l’andamento della pirateria online, l’8 dicembre un totale di 101.5 milioni di indirizzi internet erano coinvolti in azioni di download illecito (non solo di film, ma anche di show televisivi, musica, videogame, ecc).

the-pirate-bay

Leggi tutto

Coproduzioni: le scadenze per i contributi ai progetti con Germania e Francia

Saranno a febbraio due scadenze importanti che riguardano la richiesta di finanziamenti al Mibact per progetti di film realizzati in coproduzione con Germania e Francia. Entro il 2 febbraio 2015 è possibile inviare al ministrero le richieste di contributo per lo sviluppo di progetti di coproduzione tra Italia e Germania. Il contributo è stabilito dall’accordo firmato il 22 ottobre a Roma dal direttore generale per il Cinema (Mibact), Nicola Borrelli, e dal direttore del Filmförderungsanstalt (FFA), Peter Dinges, per sostenere il co-sviluppo di progetti che prevedano la realizzazione di lungometraggi di alta qualità, in grado di attrarre pubblico nei rispettivi paesi e nel resto del mondo.

logo mibact

Leggi tutto

Interstellar, oltre 100 milioni di dollari sugli schermi IMAX

Interstellar di Christopher Nolan ha raggiunto i 100 milioni di dollari d’incasso nei cinema IMAX di tutto il mondo. Il film fantascientifico, ditribuito dal 5 novembre, è la quarta pellicola a raggiungere questo risultato dopo Avatar (2010) , Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno (2012) e Gravity (2014). Il film, distribuito negli stati Uniti da Paramount e nel mondo da Warner Bros, ha concluso la su a distribuzione nei cinema IMAX in Nord America il 14 dicembre anche se continua a essere programmato in 70mm almeno fino al 19 dicembre in alcuni (circa 12) Cinema IMAX selezionati.

Interstellar Matthew McConaughey foto dal film 2

Leggi tutto

Belinale, Malick in concorso. E c’è anche Cenerentola

Il Festival di Berlino ha annunciato i primi sette titoli che saranno presentati nel programma ufficiale alla 65ma edizione della manifestazione, che si svolgerà dal 5 al 15 febbraio 2015. Se fuori concorso sarà proiettati, in anteprima internazionale, Cenerentola di Kenneth Branagh, rivisitazione Live Action prodotta da Disney, della celebre fiaba in concorso ci sarà l’atteso nuovo film di Terrence Malick Knight of Cups, presentato in anteprima mondiale e interpretato da Christian Bale, Cate Blanchett e Natalie Portman.

Cenerentola Richard Madden Lily James Foto Dal Film 01

Leggi tutto

Pride aumenta le copie, la strategia distributiva di Teodora raccontata da Cesare Petrillo

Seconda media per copia della classifica per Pride di Teodora che ha esordito questo weekend totalizzando oltre 134mila euro in 29 sale con una media di 4.634 euro (seconda, appunto, subito dopo quella del film di Aldo Giovanni e Giacomo). E dalla prossima settimana il film allargherà la propria distribuzione come spiega a Cineguru Cesare Petrillo, amministratore unico della società di distribuzione:  «La strategia distributiva che abbiamo deciso di utilizzare per questo film è la classica strategia Teodora, che non si discosta quasi per nulla da quella utilizzata negli anni scorsi per film, ad esempio come Irina Palm, ovvero uscire inizialmente con una trentina di copie (tra cui provare a entrare in qualche multiplex) soprattutto nelle grandi città, dove sappiamo c’è mercato, pubblico e richiesta per questo genere di pellicola; sono piazze che reggono l’urto della novità. Lì il dato è particolarmente buono. Nel caso di Firenze, per esempio Pride è stato in testa tutto il weekend. Spesso i distributori tendono a uscire con un numero elevato di copie per massimizzare il risultato nelle prime settimane, un po’ seguendo il modello di quello che faceva De Laurentiis ai tempi d’oro del cinepanettone. Ma se quello che si vuole ottenere è una lunga tenitura questa strategia non funziona, soprattutto per quei film come Pride, Mommy, Storie Pazzesche, ecc. che sono tutti film senza nomi e senza star. Bisogna individuare le piazze che sanno rispondere in modo adeguato e questo avviene soprattutto nelle grandi città mentre in provincia è più difficile».

Pride Ben Schnetzer George MacKay Andrew Scott foto dal film 1

Leggi tutto