Distribuzione

Pulp Fiction, Chicago, Il Paziente Inglese: i classici Miramax arrivano in streaming gratis su AOL

Chi dice che l’on demand non possa diventare gratuito e supportato dalla pubblicità, come nella tv tradizionale? Questa è la direzione in cui si muove l’accordo, appena annunciato, tra lo studio cinematografico Miramax e AOL, media company di primissimo piano nel panorama web d’oltroceano. La partnership consentirà a tutti gli utenti USA di fruire, senza bisogno di sostenere alcun tipo di costo, alcuni tra i titoli più noti della major, direttamente tramite la nuova sezione “movies” all’interno del network video di AOL, finora specializzato solo nella diffusione di clip e serial.

PULP FICTION miramax AOL

Leggi tutto

Rai Cinema potrebbe cercare nuovo capitale in Borsa [Rumor]

Fermento finanziario in vista per il cinema italiano: se la settimana scorsa è stata la distribuzione indipendente Notorious Pictures ad annunciare il proprio arrivo sull’AIM, il Mercato Alternativo del Capitale, la via della quotazione sembra allettare anche uno dei player principali della settima arte come Rai Cinema. A sostenerlo è The Hollywood Reporter, secondo cui la controllata del servizio pubblico starebbe osservando con interesse l’esperienza di Notorious per valutare l’opportunità di rivolgersi alla Borsa per aumentare le proprie disponibilità.

logo_RaiCinema  Leggi tutto

Netflix pensa a un aumento dei prezzi mentre cresce la profittabilità delle operazioni internazionali

Uno o due dollari in più rispetto ai classici 7,99 è quanto potrebbero presto trovarsi a pagare i nuovi clienti di Netflix, il servizio leader nel settore americano del video on demand ad abbonamento (SVOD). L’aumento di prezzo, ha spiegato il CEO Reed Hastings in una nota agli azionisti, è da attendersi entro i prossimi tre mesi e varierà di paese in paese. Non riguarderà invece gli utenti attuali dell’operatore, cui sarà consentito di mantenere i costi sottoscritti per un “generoso periodo di tempo”. La mossa potrebbe sembrare rischiosa considerando l’emorragia di utenti causata dall’ultimo aumento di prezzi, imposto nel 2011 per aumentare la liquidità della compagnia. Il mercato però non sembra aver reagito bruscamente alla notizia, grazie alle buone performance messe a segno da Netflix anche nel primo trimestre 2014 in tutti i suoi rami di attività, in particolare in quel settore internazionale che, a detta del management, sta finalmente per raggiungere la profittabilità.

Family in living room 4 - Netflix Logo on Red Leggi tutto

Netflix batte Amazon in UK e tratta con Vodafone per una nuova partnership

Mentre si moltiplicano le indiscrezioni sui Paesi e le effettive modalità del suo massiccio lancio europeo, Netflix comincia già a imprimere il proprio marchio sul Continente battendo di diverse lunghezze il suo primo competitor nel Regno Unito, cioè Amazon. Sbarcato nel mercato inglese e irlandese a inizio 2012, secondo un nuovo studio il leader americano dello SVOD (video on demand ad abbonamento) starebbe ampliando in modo significativo il distacco da LoveFilm, servizio analogo offerto già da tempo in diversi territori europei dal colosso dell’ecommerce. I dati, per la precisione vengono dall’agenzia di digital consultancy Mediabug, e vedono la fetta di utenti web conquistata da Netflix cresciuta dal 10 al 14% negli ultimi 6 mesi. Di contro, nello stesso periodo, l’appeal del portale di Amazon (che ha anche impresso il proprio nome al servizio di streaming con un recentissimo rebranding) sarebbe sceso tanto da assicuragli le preferenze di appena il 6% degli spettatori online inglesi.

netflix-lancio europeo

Leggi tutto

Direct to Digital Award: 42 si aggiudica il riconoscimento ideato da ScreenWEEK

È stato decretato il vincitore del Direct to Digital Award 2013, premio pensato e istituito dal magazine ScreenWEEK per sensibilizzare su questa innovativa modalità di distribuzione, basata interamente sul web. Son sempre più infatti i tioli cinematografici che sfruttano le piattaforme di video on demand per raggiungere il proprio pubblico sul web, saltando il passaggio in sala, e tra quelli usciti l’anno scorso una giuria preposta ha scelto di premiare 42. Biopic sportivo diretto dal premio Oscar Brian Helgeland, il film racconta la storia del giocatore di basbell Jackie Robinson e della sua lotta contro il razzismo.

direct to digital award Leggi tutto

Mercato cinese: focus sull’Italia al Festival di Pechino

La commedia di Matteo Oleotto, Zoran, il mio nipote scemo, in concorso con illustri concorrenti, come il maestro Wong kar-Wai, e una star nostrana quale Maria Grazia Cucinotta in giuria: parte già con molta Italia il 4° Festival del cinema di Pechino, al via oggi nella capitale cinese. Ma la presenza tricolore, oltre a essere una novità per il Beijing International Film Festival, si distingue anche per un appuntamento speciale con il nostro Paese previsto all’interno del focus “Discovering Italy”, organizzato dalla kermesse in collaborazione con l’ANICA, l’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali.

 festival del cinema di pechino Leggi tutto

Cinetel, primo trimestre 2014: incassi +12%, presenze +13% [INFOGRAFICA]

Un guadagno di 193,43  milioni di euro e 30,39 milioni di biglietti staccati: ecco il bilancio del botteghino italiano nei primi 3 mesi del 2014. Un’annata che comincia dunque in positivo rispetto allo stagione precedente, con un aumento percentuale di 12 punti percentuali per quanto riguarda gli incassi e del 13% per le presenze. A guidare il successo del box office sono ancora una volta le commedie italiane: se ne trovano ben tre nella top 10 di gennaio-marzo, con Un Boss in Salotto (WB) in testa su tutti gli altri titoli, seguito da The Wolf of Wall Street (01 Distribution) di Martin Scorsese e da Sotto una Buona Stella (Filmauro/Universal). Da notare la presenza in vetta alla classifica anche di un quarto titolo nostrano, Il Capitale Umano di Paolo Virzì, film insieme di genere e d’autore che è riuscito ad affermarsi presso il pubblico come già l’anno scorso accadde a La Migliore Offerta di Tornatore.

box office ita q1 2014

Leggi tutto

Home Entertainment: Fox con YouTube e Google Glass per il lancio di Walter Mitty

Non si sono ancora affermati come il “terzo schermo” per la fruizione domestica di film e programmi tv, al posto magari di smartphone e tablet. I Google Glass cominciano però a far breccia nel mondo di Hollywood, stavolta supportando la strategia di marketing di una major come 20th Century Fox. L’occasione è il lancio in home entertainment de I Sogni Segreti di Walter Mitty, ultimo film di Ben Stiller tutto giocato sull’idea di lanciarsi alla ventura ed esplorare il mondo. Come promuoverlo al meglio sui social media se non chiedendo a una star di YouTube di compiere, come Mitty, un viaggio nell’incontaminata natura  islandese  e di riportarlo tramite i Google Glass?

walter mitty Leggi tutto

Codacons: pronte denunce e class action contro i cinema per i trailer troppo violenti

Dopo il prezzo dei biglietti e i presunti danni causati dagli occhiali 3D, il Codacons torna a pendere di mira il grande schermo: nel mirino stavolta ci sono i trailer, giudicati spesso troppo violenti o comunque non adatti a un pubblico di minori. Stando a quanto denunciato dall’associazione consumeristica, sarebbero diversi i casi di genitori che avrebbero riscontrato comportamenti aggressivi nei figli o difficoltà a prender sonno a causa dei video promozionali mostrati nelle sale prima dell’inizio di spettacoli di genere diverso, più adatti all’infanzia.

bollinorosso

Leggi tutto

Pirateria: Game of Thrones batte il suo stesso record con la nuova stagione, riapre la questione VOD

Non gli è bastato aver mandato immediatamente in crash HBO Go, il servizio on demand dedicato agli abbonati della popolare emittente televisiva americana. La quarta stagione del seguitissimo Game of Thrones ha debuttato domenica battendo il suo stesso record, non proprio entusiasmante, in fatto di pirateria. Il primo dei nuovi episodi ha superato, in molto meno di 24 ore, i livelli di diffusione illegale in rete raggiunti dall’esordio della terza serie: secondo il monitoraggio effettuato dell’agenzia Excipio, si tratterebbe di 1,17 milioni di indirizzi unici di IP che hanno effettuato l’accesso ai torrent del serial nelle prime 15 ore dalla sua comparsa sul web.

Game-of-Thrones-quarta stagione  Leggi tutto