Blogger di cinema

Variety trova un acquirente: è il competitor Deadline.

Una piccola rivoluzione è in corso nell’editoria USA dedicata al cinema e all’industria hollywoodiana. Lo storico magazine Variety ha infatti trovato un compratore, ma non uno qualsiasi: si tratta della Penske Media Corporation, già proprietaria di uno dei maggiori concorrenti della rivista, cioè l’organo d’informazione online Deadline Hollywood. Uno dei più attivi e aggiornati blog tematici dedicati all’entertainment ha dunque acquisito il cartaceo forse più prestigioso del settore, in un’operazione che ha sensibilmente scosso la fetta di editoria specializzata a cui fanno capo le due testate.

Leggi tutto

Il ruolo dei blog nell’informazione di attualità

Ho trovato grazie al TagliaBlog questa presentazione che esplora il ruolo dei blog nell’informazione d’attualità.

Contiene dati e considerazioni molto interessanti in generale, che sono ovviamente applicabili per estensione all’informazione cinematografica, caratterizzata non più solo da una decina di siti veri e propri, ma anche da oltre un centinaio (ce ne sono di più ovviamente, ma questo è il numero di quelli che considero costantemente attivi) di blog dedicati al cinema in generale.

Cronache da San Francisco: Pixar, 3D, Wondercon, Tron e iPad Mania

ScreenWeek.it @ Pixar

Certo dei giorni più intensi per la mia visita a San Francisco erano difficili da trovare. Intanto ieri sono stato in visita alla Pixar, dove ho visto Toy Story 3 e Day & Night, introdotto a sorpresa da John Lasseter e devo ammettere che è stata la ciliegina sulla torta di una giornata mitica vederlo entrare a sorpresa in sala reso immediatamente riconoscibile da una delle sue mitiche camice.

Durante la giornata ho avuto modo di incontrare sia il regista e il produttore esecutivo di Day & Night, che molte delle figure coinvolte nella realizzazione di Toy Story 3, a cominciare dal regista Lee Unkrich, e l’occasione è stata ghiotta anche per sentirsi raccontare delle cose molto interessanti su come viene visto il 3D alla Pixar ed è evidente che quando te lo raccontano loro di persona il tutto è molto più interessante, con qualche annotazione da fare sulla “montatura orribile” che abbiamo vissuto in Italia.

Restando sempre in area 3D è uscito ieri qui negli USA Clash of the Titans e mi sono quindi precipitato a vederlo, spero presto di riuscire a scriverne in relazione alle tante polemiche che ha sollevato la sua conversione in 3D di cui ho parlato ampiamente anche qui su Cineguru.

Oggi, tanto per avere una giornata tranquilla, apre il WonderCon e questa sera ci sarà una conferenza stampa della Encom che si preannuncia molto accesa.

In tutto questo bisogna anche mettersi in fila all’Apple Store, perché domani è il grande giorno, l’iPad sta arrivando, e la febbre è sempre più alta, ha contagiato anche Letterman.

Blogger di cinema, ancora sconosciuti

L’appuntamento fisso di questo blog cui tenevo in modo particolare era quello dedicato a conoscere meglio i blogger di cinema del nostro paese. Preso da mille impegni ho trascurato un po’ questa iniziativa e, come per le cold news, cercherò di riprendere il ritmo nelle prossime settimane.

Nel frattempo vi ricordo i due soli blog di cui sono riuscito a parlare: The Director’s Cup e SplitScreen. Qui, invece, c’era il post di presentazione dell’iniziativa.

Nuove previsioni sul Box Office su ScreenWEEK.it

Da questo weekend di avvio stagione 2009-2010 ha avviato la sua collaborazione con ScreenWEEK.it un nuovo blogger appassionato ed esperto di Box Office, che ci ha dato già ottima prova con le stime sul Box Office del weekend d’esordio di Ice Age 3, un primo commento sui dati del venerdì, l’analisi dei risultati USA e il commento sul risultato definitivo del lunedì.

Visti i numeri pensiamo sia una collaborazione che nasce sotto i migliori auspici!

Dimenticavo, i post li trovate tutti nell’apposita categoria Box Office.

.gallery { margin: auto; } .gallery-item { float: left; margin-top: 10px; text-align: center; width: 33%; } .gallery img { border: 2px solid #cfcfcf; } .gallery-caption { margin-left: 0; }

Blogger, questi sconosciuti 2: SplitScreen

Blogger, questi sconosciuti è una serie di post in cui “presento” i blogger di cinema che hanno gentilmente speso un po’ del loro tempo per rispondere ad una serie di domande sul loro blog e sul rapporto tra cinema e internet.

Questo è il secondo blog(ger) della serie: SplitScreen, nella puntata precedente abbiamo parlato di The Director’s Cup.

Se hai un blog di cinema e vuoi partecipare leggi questo post.

splitthblue1vz.jpg.jpeg

URL del blog:

http://www.splitscreenblog.com/

URL del feed:

http://feeds.feedburner.com/blogspot/YpMy

Chi sei: il tuo nome, o il tuo nick, e qualcosa di te?

Mi chiamo Matteo – il mio nickname è Angier – e sono uno studente universitario con una passione smodata per il cinema. Amo il cinema sia come forma espressiva (è la migliore e più stupefacente fabbrica di sogni che l’uomo sia stato in grado di creare fino ad oggi) sia come rito sociale. Poche cose mi emozionano e riempiono di energia come entrare in una sala cinematografica e gustarmi i minuti che precedono l’inizio del film, assaporando quel senso d’attesa, cercando di fare previsioni e ascoltando i commenti degli spettatori intorno a me. Per questo cerco di mettere la stessa passione nel blog, parlando con semplicità e immediatezza dei film che mi piacciono e dei generi che preferisco.

Quando è nato il tuo blog?

E’ nato negli ultimi giorni di agosto del 2008.

Scrivi da solo/a oppure è un blog a più mani?

Gestisco il blog assieme al collega Borden. Il nostro è un duopolio a tutti gli effetti. Chi capita sul blog noterà che il concept e la grafica richiamano molto il tema del dualismo, del doppio, oltre a rivolgere un omaggio al capolavoro di Chris Nolan “The Prestige”. In futuro, continueremo a giocare con questi temi, variando di volta in volta la grafica e costruendo per gli utenti più curiosi dei veri e proprio enigmi e misteri da scoprire passo passo.

Scrivi solo recensioni o commenti o anche news?

Io e Borden scriviamo sia news sia recensioni, ma sono queste ultime a costituire la vera anima del blog. Grazie alle recensioni riusciamo a comunicare al pubblico i nostri punti di vista, che spesso divergono anche in modo eclatante. In ogni caso, siamo attenti alle notizie che riguardano i nostri registi di riferimento, e tutte le volte che qualcosa ci colpisce la sottoponiamo al giudizio dei nostri lettori. Inoltre, ci capita di realizzare anche rubriche particolari, ad esempio per fare il punto sugli esordi cinematografici di registi famosi.

I film li vedi alle anteprime per la stampa, se si, da quanto tempo, oppure li vai a vedere al cinema pagando il biglietto?

Spesso e volentieri pago il biglietto, anche perché alle anteprime io e Borden non siamo stati ancora invitati (forse non siamo abbastanza famosi ;-) . In ogni caso, andare al cinema è un piacere al quale non rinuncerei per nessuna ragione al mondo.

Quanti lettori ha avuto il tuo blog nell’ultimo mese?

Oltre 10.000 visitatori unici, e abbiamo ottime prospettive di aumento per il futuro.

Scrivi sul tuo blog per passione o per mestiere? Scrivi anche per altri siti di cinema e/o riviste tradizionali?

Naturalmente per passione, poi è ovvio che ognuno di noi sogna che la propria passione e il proprio mestiere diventino una cosa sola. Attualmente non scrivo per altri siti di cinema, ma non escludo di poter partecipare a progetti interessanti, specialmente sul web.

Il tuo pensiero sulla pirateria?

Fermo restando che la pirateria è un reato penale e dunque ci sono ottimi motivi per evitarlo (in primis la strizza di essere beccati) devo premettere che sono un vero e proprio feticista del supporto dvd, perciò non riesco a concepire l’idea di scaricare un film, visto che nella maggior parte dei casi la qualità è infima. Spesso poi, chi scarica un film uscito da poco al cinema, si ritrova a guardare una registrazione effettuata con una videocamerina direttamente in sala, perciò il risultato è un audio osceno e una qualità visiva indecente. Penso che mai come adesso sia un buon momento per acquistare dvd: con l’arrivo del blu-ray, i prezzi di questo supporto sono calati in modo davvero massiccio e nei grandi negozi di elettronica non è raro vedere lussuose edizioni speciali da 2dvd attorno ai 10 euro (per i dvd singoli si scende anche a 7-8 euro). Una situazione che mi sembra più delicata è invece quella in cui la gente scarica un dvd oramai introvabile e fuori catalogo: proprio per impedirne il download, penso che le case di distribuzione che ne posseggono i diritti dovrebbero attivarsi al più presto e ristampare delle copie, perché un vero cinefilo preferirà sempre la copia originale a quella piratata. Ma per arginare la pirateria, è necessario che i prezzi dei dvd scendano sempre di più e che si aprano nelle città sempre più biblioteche multimediali dove è possibile prendere in prestito gratuitamente film. Anche creare reti di “dvd-crossing” nelle quali gruppi di appassionati si scambiano dvd potrebbe essere una buona idea. Comunque bisogna mettersi in testa che il cinema è cultura, e la cultura dovrebbe diventare sempre più un bene gratuito e disponibile a tutti, senza naturalmente ledere i diritti di chi ha creato queste opere.

Che ne pensi della polemica blogger vs critica?

Innanzitutto è importante che la questione non degeneri in una zuffa da cortile. Da quando Ciak ha pubblicato un articolo sull’emergere di una nuova ondata di blogger di cinema che minacciano di rimpiazzare i critici tradizionali (almeno, questo è quello che sta succedendo in America), ho letto molte reazioni scomposte da parte dei critici, che mi pare si sentano un po’ come gli aristocratici di Francia alla vigilia della Rivoluzione Francese. Secondo me, la faccenda va inquadrata in un’altra prospettiva: i blogger non sono nati per fare la guerra ai critici tradizionali. Sono semplicemente appassionati di cinema ai quali internet ha permesso di esprimere la loro opinione in modo immediato, democratico e gratuito. Se poi il pubblico – specialmente quello giovane – si è orientato sempre più verso i blogger, in parte la responsabilità è anche dei critici che negli anni hanno adottato un tono sempre più difficile e cattedratico, alienandosi una buona fetta di lettori. In particolare, un fenomeno sul quale non ci si è soffermati abbastanza è quello degli spoiler: moltissimi critici hanno la pessima abitudine di raccontare nelle loro recensioni interi pezzi di film, svelando importanti colpi di scena e spesso anche il finale. Il risultato è che molti lettori si sentono traditi dai critici e decidono di migrare verso il mondo dei blogger, i quali nella maggior parte dei casi si guardano bene dallo “spoilerare” a tutto spiano sui film che recensiscono.

Altri blog di cinema che segui?

Tra i blog americani che seguo ci sono Geeks of Doom, Joblo.com e Nikki Finke’s Deadline Hollywood Daily. Tra i blog italiani seguo Superbad, Memorie di un giovane cinefilo, Cineblog, The Director’s Cup e Cine Tv On The Web (quest’ultimo si occupa anche di televisione).


Se hai un blog di cinema e vuoi partecipare leggi questo post. Fino ad ora hanno partecipato a Blogger di cinema:

1) The Director’s Cup

Blogger, questi sconosciuti 1: The Director's Cup

Blogger, questi sconosciuti è una serie di post in cui “presento” i blogger di cinema che hanno gentilmente speso un po’ del loro tempo per rispondere ad una serie di domande sul loro blog e sul rapporto tra cinema e internet.

Questo è il primo blog(ger) della serie: The Director’s Cup.

Immagine 3.png

URL del blog:

http://www.directorscup.it

URL del feed:

http://feeds2.feedburner.com/TheDirectorsCup

Chi sei: il tuo nome, o il tuo nick, e qualcosa di te?

Paolo ‘Feadin’ Ruggeri, altresì (poco) noto ai tempi del mattino dei blog come October. Ingegnere elettronico, innamorato del web e chiaramente del cinema.

Quando è nato il tuo blog?

The Director’s Cup è nato nell’aprile 2005, da October News, a sua volta spin-off del blog personale October Drops (ottobre 2002).

Scrivi da solo/a oppure è un blog a più mani?

Principalmente scrivo io le news, le recensioni sono affidate a validi collaboratori.

Scrivi solo recensioni o commenti o anche news?

Come recita la tagline del blog, ‘Cinema news all’ora di colazione’, The Director’s Cup è orientato principalmente alle news; recensioni e commenti sono comunque presenti.

I film li vedi alle anteprime per la stampa, se si, da quanto tempo, oppure li vai a vedere al cinema pagando il biglietto?

Personalmente pago il biglietto, essendo dislocato fuori dal circolo delle città virtuose. I recensori ufficiali romani e milanesi partecipano anche alle anteprime.

Quanti lettori ha avuto il tuo blog nell’ultimo mese?

Pochi, troppo pochi :)

Scrivi sul tuo blog per passione o per mestiere? Scrivi anche per altri siti di cinema e/o riviste tradizionali?

Purtroppo, solo per passione. Il tempo libero mi permette a malapena di occuparmi del mio sito.

Il tuo pensiero sulla pirateria?

La pirateria cinematografica è un male, su questo non c’è dubbio. Detto questo, bisogna però far notare che andare al cinema è diventato troppo dispendioso (soprattutto se si ha famiglia) e non sempre l’esperienza della sala è piacevole (per non parlare dell’esperienza del parcheggio); secondariamente, non è vero che tutti i film meritano assolutamente di essere visti al cinema; terzo, i circuiti cinematografici per ovvi motivi economici puntano tutto sui blockbuster trascurando spesso e volentieri alcuni titoli minori, che finiscono per essere visibili in sala solo con mesi di ritardo all’interno di rassegne accessibili su abbonamento.
Il mio auspicio è che prenda piede un sistema di video-on-demand che, a prezzi ragionevoli, consenta di usufruire delle ultime uscite cinematografiche direttamente a casa, parallelamente alla distribuzione nelle sale, soprattutto per quanto riguarda quei titoli che non possono contare su una grande capillarità.

Che ne pensi della polemica blogger vs critica?

Come parte in causa, non posso che sottolineare come la differenza di contenuti tra blog (o in generale siti web) e carta stampata non la faccia il mezzo o la testata, ma le persone che scrivono. Testimonianza di ciò è anche il fatto che i siti web delle maggiori testate cartacee nazionali non si distinguono certo per autorevolezza o accuratezza dell’informazione.
Resto comunque dell’idea che non tutti i blogger possano dirsi critico: non è sufficiente riportare la trama del film e aggiungere ‘mi è piaciuto’ per dire di aver scritto una recensione, come si legge in molti blog (e anche in qualche critica stampata, per la verità). Quella non è critica, è un’opinione. A mio parere una critica deve essere argomentata, deve scavare un po’ alla ricerca di ciò che il film è o non è. Senza per questo necessariamente togliere la personalità dell’autore dallo scritto.

5 altri blog di cinema che segui?

Esclusi i presenti:
- Sipario
- Memorie di un giovane cinefilo
- Sara The Hutt
- Kinemazone
e due che valgono come uno perché non aggiornano da una vita:
- Il Cinema Secondo Me
- Cinema Notizie

Blogger di Cinema, questi sconosciuti, conosciamoli meglio!

L’idea mi è venuta scrivendo Il quinto senso e mezzo della critica e Critici (giornalisti) vs Blogger (pirati?), ovvero i due post nati a seguito degli articoli di Ciak dedicati al rapporto tra critica cinematografica ed internet.

La realtà è che i blogger che scrivono in modo più o meno stabile di cinema sono tanti, tantissimi, troppi per offrirne un quadro facendone un solo post o un unico elenco, anche se ci sono bellissime iniziative come la Cinebloggers Connection che possono aiutare a farsi un’idea di questo mondo.

Allora mi sono detto, perché non conoscerli meglio, offrendo anche al mondo degli addetti ai lavori -distributori, esercenti e associazioni- una serie di post di presentazione di questo universo che, come tutta la blogosfera, tende ad essere forse troppo autoreferenziato?

Nasce da questa domanda la serie di post Blogger, questi sconosciuti costruita attraverso un questionario che, mi auguro, si autopropaghi tra gli stessi blogger di cinema (le domande sono comunque qui sotto) che invito ad entrare in contatto con me usando i commenti per una futura pubblicazione.

L’idea non è quello di fare statistiche e/o classifiche, per questo ci sono decine di iniziative ad hoc ma, semplicemente, di conoscerci meglio!

A seguire, il primo post della serie, il blogger sconosciuto è The Director’s Cup.

Le domande

1) URL del blog:

2) URL del feed:

3) Chi sei: il tuo nome, o il tuo nick, e qualcosa di te?

4) Quando è nato il tuo blog?

5) Scrivi da solo/a oppure è un blog a più mani?

6) Scrivi solo recensioni o commenti o anche news?

7) I film li vedi alle anteprime per la stampa, se sì, da quanto tempo, oppure li vai a vedere al cinema pagando il biglietto?

otto) Quanti lettori ha avuto il tuo blog nell’ultimo mese?

9) Scrivi sul tuo blog per passione o per mestiere?

10) Il tuo pensiero sulla pirateria?

11) Che ne pensi della polemica blogger vs critica?

12) 5 altri blog di cinema che segui?

Ovviamente, visto che i blog sono autoreferenziati ;) , va bene anche la marzulliana “fatti una domanda, datti una risposta”.

PS: l’intenzione è di dedicare questa rubrica soprattutto ai blog non appartenenti ai network di nanopublishing o comunque facenti capo a iniziative più strutturate, ai quali vorrei riservare, eventualmente, degli speciali e che sono quindi, comunque, i benvenuti.