3D

USA: Fitch prevede una contrazione nelle presenze cinema del 2013 e nuove sfide per il mercato

Nonostante la quantità di blockbuster in arrivo sugli schermi nella prossima stagione (vi rimandiamo a ScreenWEEK per la top 10 dei titoli più attesi stilata da Fandango, società americana leader nella vendita di biglietti online), il 2013 del box office USA potrebbe non eguagliare i risultati dell’anno precedente. A prevederlo è l’agenzia di rating Fitch, secondo cui ci sarà da aspettarsi un declino, seppure definito “modesto”, nel numero complessivo di biglietti staccati, oltre a una serie di altre criticità che dovranno essere affrontate dal mercato.

Leggi tutto

Il 3D cresce su tutte le piattaforme, e si espanderà nell’home video con Netflix e Lionsgate

La terza dimensione potrebbe espandersi ulteriormente nell’home video statunitense grazie a una serie di iniziative, annunciate in questi giorni in concomitanza con il CES 2013. La prima riguarda Netflix: il noto portale di subscription video on demand ha infatti reso noto di aver inserito per la prima volta in catalogo una serie di titoli da vedere con i tipici occhialetti.

Leggi tutto

Piranha 3DD: quando l’uscita è su Facebook. E a tre dimensioni.

Se la distribuzione online in contemporanea alla sala (così detta day-and-date) sembra un’opzione sempre più considerata dal cinema indipendente, potrebbero cominciare a beneficiarne anche altri particolari tipi di prodotto, come i nuovi B-Movies di genere, perfino in 3D. A testare per prima questo nuovo terreno è stata la Dimension Films della compagnia dei fratelli Weinstein, che lo scorso weekend ha lanciato nello stesso momento il suo Piranha 3DD su una pluralità di canali: non solo nei cinema statunitensi (meno di 100 sale), ma anche sulla pay-tv attraverso una collaborazione con Starz, e su diverse piattaforme web, tra cui Facebook.

Leggi tutto

Cannes in 3D?

La terza dimensione, lanciata con prepotenza da Avatar, sembrava perfetta per aggiungere profondità non solo alle immagini cinematografiche, ma soprattutto al box office. E se gli incassi continuano a beneficiare della stereoscopia, la spinta ricevuta all’inizio sembra aver perso un po’ di potenza propulsiva, mentre nuove frontiere potrebbero aprirsi per un impiego (solo parzialmente) inaspettato del 3D, quello d’autore. Sembra confermarlo anche il 65° Festival di Cannes, che a questa nuova modalità di visione riserva molto spazio: dal Dracula di Dario Argento a Madagascar 3, passando per i tanti titoli che si avvalgono del formato all’interno del Marché, il mercato del cinema della kermesse.

Leggi tutto

The Avengers: record assoluto negli USA con 200 milioni il primo weekend.

The Avengers aveva già ottenuto un risultato clamoroso al botteghino italiano, dove in soli cinque giorni di programmazione era già riuscito a balzare in testa alla classifica di aprile, come rivelato dai dati Cinetel, contribuendo a risollevare anche il trend del primo, fiacco, quadrimestre 2012. A livello internazionale il risultato era stato anche notevole, ma alla fine le cifre del debutto negli Stati Uniti sono state oltre ogni aspettativa. Oggi la Disney ha infatti comunicato che The Avengers ha superato i 200 milioni di dollari in un solo weekend, diventando il maggior incasso d’esordio di tutti i tempi negli USA.

 

Leggi tutto

La Cina sosterrà le coproduzioni con Chinawood.

Dopo Bollywood, è il momento di Chinawood. Non è un gioco di parole: la Seven Stars Entertainment di Bruno Wu, insieme all’amministrazione locale di una delle province della regione del Tientsin, ha annunciato la creazione di un grande studio cinematografico dedicato alle coproduzioni tra Oriente e Occidente. Si chiamerà Chinawood Global Services Base e si estenderà su un’area di 800 mila metri quadri, con l’obiettivo dichiarato di diventare un “hub” per il settore dei media e dell’intrattenimento, non lontano dalla città di Pechino.

Leggi tutto

3D, il Tar Lazio abbassa il limite a 3 anni, ma è ancora polemica.

Negli scorsi giorni è arrivata una notizia che le categorie del cinema, e in particolare gli esercenti, hanno accolto con grande entusiasmo: il Tar del Lazio ha abbassato l’età consentita per l’uso degli occhiali 3D da 6 a 3 anni. Per chi non ricordasse l’origine del divieto, facciamo un passo indietro: erano i primi mesi del 2010, in Italia aveva appena cominciato a diffondersi il fenomeno Avatar, e con esso una corsa quasi spasmodica alla terza dimensione, che in effetti ha costituito un toccasana non indifferente per risollevare il box office non solo italiano ma internazionale. In tale contesto di entusiasmo generale, da noi cominciarono a sollevarsi tuttavia anche le polemiche sui presunti danni alla salute provocati dalla visione stereoscopica.

Leggi tutto

Digitale: l’Anec “prende atto” dell’abbandono della pellicola.

Se nell’ambito televisivo l’imposizione e le modalità dello switch-off hanno suscitato più di una perplessità, anche nel settore del cinema l’avvicinarsi del passaggio obbligato al digitale è accompagnato da diverse criticità. Negli ultimi anni il successo del 3D ha fatto sì che fosse abbracciato relativamente in fretta dai grandi circuiti e dalle grandi strutture come i multiplex, ma la sfida si sta rivelando ardua in tutta Europa per i cinema monosala e per gli esercizi più piccoli, che non riescono ad affrontare l’investimento iniziale necessario per la transizione. L’appuntamento col digitale però si avvicina: come hanno messo in luce anche i dati MEDIA Salles, ormai è stato superato anche il tipping point, il punto di non ritorno che vede più della metà degli schermi europei dotati della nuova tecnologia. A giovarne, soprattutto nell’immediato, saranno i distributori, cui il digitale permette di abbattere significativamente i costi eliminando la fase della stampa su pellicola. E ora compare anche la data a partire dalla quale le sale italiane non vedranno più copie in 35 mm…

Leggi tutto

Cinetel: dati in negativo per il terzo mese di fila.

Calano a vista d’occhio le presenze nelle sale italiane: febbraio, infatti, è il terzo mese consecutivo in cui si registra un decremento significativo dei biglietti staccati. A rivelarlo sono i dati sul campione Cinetel (pari a circa il 90% del mercato) che segnalano un -19,26% per il mese appena concluso rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Di certo si tratta di una cifra meno allarmante rispetto ai 31 punti percentuali lasciati sul campo a gennaio, ma comunque superiore al -7% di dicembre. E non consola più di tanto che guardando agli incassi le perdite siano più contenute: -14%, “salvate” dal 3D di alcune pellicole in top 10 come Hugo Cabret, Com’è bello far l’amore e Viaggio nell’isola misteriosa. Le prime due, in particolare, sono le stesse che dominano la classifica mensile, subito prima di Benvenuti al Nord.

top 10 box office Italia febbraio 2012 per incasso

 

Leggi tutto

MEDIA Salles: meno presenze nel 2011 ma crescono gli schermi digitali, ora più del 50% di quelli europei.

Dopo l’Osservatorio Audiovisivo Europeo, anche MEDIA Salles rende noti i dati sull’andamento del consumo di cinema negli Stati membri ed extra UE, per un totale di 31 Paesi monitorati. I dati non sono ancora definitivi, ma anche in questo caso viene confermata una tendenza al ribasso che si concretizza in una lieve flessione delle presenze, pari allo 0,6%, per un totale di 1 miliardo e 188 milioni di spettatori a fronte del miliardo e 195 milioni dell’anno precedente. Tendenza che trova conferma anche tra i 17 Paesi della parte occidentale del continente, con 894,6 milioni di biglietti staccati, in calo dello 0,4% rispetto agli oltre 898 del 2010. Ancora più critica la situazione nei 14 territori dell’Europa centro-orientale e del Mediterraneo, dove si registra un -1,2% per un totale di 294 milioni di ingressi.

presenze_europa occidentale 2001-2011 media salles

Leggi tutto