Home > Box Office > CAPTAIN MARVEL SUPERA I 4 MILIONI NEL WEEKEND 7-10 MARZO

CAPTAIN MARVEL SUPERA I 4 MILIONI NEL WEEKEND 7-10 MARZO

Grande esordio per Captain Marvel, che permette al botteghino di respirare. Sempre bene Green Book, secondo, mentre è terzo Non sposate le mie figlie 2...

E’ stato un weekend positivo, anche se è tutto dovuto a un unico titolo fortissimo, che non è stato molto supportato dagli altri esordi. Ma visto che era da inizio febbraio che non avevamo il segno ‘+’, meglio guardare il bicchiere mezzo pieno. Infatti, l’incasso complessivo è stato di 9.450.100 euro, mentre nel weekend 8-11 marzo 2018 era stato di 8.637.405 euro, con un +9,4%. Lo scorso anno, era sempre primo La forma dell’acqua con 1.463.161 euro, mentre in questo fine settimana ha superato i 4 milioni (per la precisione, 4.073.914 euro, di cui 1.272.111 di domenica) Captain Marvel, con una ottima media di 5.270 in 773 copie, portando il suo totale, comprensivo anche dei dati di mercoledì, a 4.856.252 euro. Nel primo weekend di sfruttamento, Black Panther aveva ottenuto 2.388.308 euro (di cui 870.530 euro di domenica) e un totale alla fine della sua corsa di quasi 7,2 milioni; Ant-Man and the Wasp 1.597.901 euro nel fine settimana (con 294.832 euro di domenica) e terminava la sua avventura a 4,7 milioni; Thor: The Dark World otteneva 3.774.244 euro (di cui 1.343.903 euro di domenica) e chiudeva il suo percorso a 8.358.606 euro; Thor: Ragnarok 3.100.428 euro (con 1.076.239 euro di domenica) e un dato finale da 8.825.084 euro.

Ancora meglio. Se consideriamo tutto il Marvel Cinematographic Universe (iniziato nel 2008 con il primo Iron Man), Captain Marvel è stato battuto nel primo weekend soltanto dai film sugli Avengers (compreso anche Captain America: Civil War) e da Iron Man 3. Un risultato fantastico quindi e che conferma che quando cerca di ampliare il pubblico ‘storico’ e puntare sulla diversità questa società ottiene risultati notevoli. Inoltre, si tratta anche del miglior primo weekend del 2019, tanto che, per trovare un dato migliore, dobbiamo ritornare all’esordio di Bohemian Rhapsody (5,4 milioni) a fine novembre.

Un altro risultato (sempre più) notevole è quello di Green Book, che ha tenuto bene (solo -34% rispetto allo scorso weekend) e ha conquistato altri 742.848 euro e una media di 2.116, per un totale di 8.397.471 euro. Nel corso di questa settimana, Green Book supererà gli 8,7 milioni ottenuti da Il discorso del re e diventerà il titolo vincitore dell’Oscar per il miglior film con il maggiore incasso dai tempi di The Departed, che aveva trionfato nel 2007 e che aveva conquistato 9,4 milioni.

Veniamo a tutti gli altri esordi, dove è impossibile trovare dei successi. Non sposate le mie figlie 2 è terzo con 607.350 euro (di cui 241.513 di domenica) e una media di 1.745 in 348 schermi. Il film originale, nel suo primo weekend, aveva conquistato 1.132.943 euro (di cui 477.679 euro di domenica), per poi chiudere la sua avventura a circa 4 milioni.

Asterix e il segreto della pozione magica è quinto con 340.104 euro e una media di 986 in 345 sale, mentre I villeggianti ha almeno una media copia discreta (2.313), grazie ai 275.229 euro in 119 copie, che valgono il nono posto.

Fuori dalla top ten gli altri debutti. Gloria Bell è dodicesimo con 202.727 euro e una media di 1.675 euro in 121 sale, mentre Cocaine – La vera storia di White Boy Rick è quattordicesimo con 174.162 euro e una media di 1.979 in 88 schermi. Il colpevole – The Guilty è diciassettesimo con 72.290 euro e una media di 1.643 in 44 copie.

E’ tredicesimo invece C’è tempo, esordio alla regia in un film di fiction di Walter Veltroni, grazie a 188.700 euro e una media di 870 in 217 copie. Siamo lontanissimi dal risultato di Quando c’era Berlinguer (che aveva conquistato circa 700.000 euro complessivi) e più in linea con i 228.512 euro di I bambini sanno, che sono i precedenti lavori di Veltroni (che però, è importante ricordarlo, erano dei documentari). Qui una parentesi è il caso di aprirla. Il film ha ricevuto consensi sperticati da alcuni dei maggiori editorialisti italiani e in generale una grande attenzione mediatica. Si dice spesso che i giornali non riescono a capire la realtà italiana perché chi ci scrive vive in una bolla. Spesso è vero, ma in questo caso, tuttavia, sembra proprio che i quotidianisti non abbiano capito (e/o non abbiano nessuna influenza) neanche il loro pubblico di riferimento.

Torniamo ai film in tenitura. Domani è un altro giorno è quarto con 455.176 euro e una media di 1.132, con un calo del 38% e un totale di 1.370.480 euro. Si conferma ancora a ottimi livelli 10 giorni senza mamma, che perde il 44% e conquista altri 314.156 euro con una media di 1.717, per un totale di 7.147.333 euro.

Supera invece il milione complessivo (1.029.875 euro) Ancora auguri per la tua morte, che ha incassato altri 286.189 euro con una media di 1.178, in calo del 49% rispetto allo scorso fine settimana. C’era una volta il principe azzurro è ottavo con la migliore tenuta della top ten (-13%) e grazie ad altri 283.464 euro, con una media di 1.107 e un totale di 739.969 euro.

Chiude la top ten Croce e delizia, decimo con 275.023 euro e una media di 873, in flessione del 51% e con un totale di 985.988 euro. Impressionante che il film vincitore dello scorso weekend, Dragon Ball Super: Broly, non sia neanche nei primi dieci in questo secondo fine settimana (a memoria, fatto mai accaduto). E’ undicesimo con 271.247 euro e una media di 782, in calo dell’84% e con un totale (comunque ottimo) di 2.310.498 euro.

Concludiamo come sempre con alcuni totali. Il corriere – The Mule è arrivato a 6.188.511 euro; The Lego Movie 2: Una nuova avventura a 1.642.334 euro; Un uomo tranquillo a 1.382.875 euro; Modalità: aereo a 1.336.810 euro; The Vanishing – Il mistero del faro a 323.416 euro; La favorita a 2.833.913 euro; Copia originale a 395.588 euro; La paranza dei bambini a 1.572.810 euro; Alita: angelo della battaglia a 2.135.475 euro; La casa di Jack a 210.754 euro; Dragon Trainer – Il mondo nascosto a 7.186.118 euro; Bohemian Rhapsody a 28.783.288 euro.

1 – CAPTAIN MARVEL: 4.073.914 euro (582.036 spettatori) 773/5.270 – Tot. 4.856.252* (5GG)

2 – GREEN BOOK: 742.848 euro (109.031 spettatori) 351/2.116 – Tot. 8.397.471

3 – NON SPOSATE LE MIE FIGLIE 2: 607.350 euro (94.270 spettatori) 348/1.745 – Tot. 607.350* (4GG)

4 – DOMANI E’ UN ALTRO GIORNO: 455.176 euro (70.618 spettatori) 402/1.132 – Tot. 1.370.480

5 – ASTERIX E IL SEGRETO DELLA POZIONE MAGICA: 340.104 euro (53.823 spettatori) 345/986 – Tot. 340.104* (4GG)

6 – 10 GIORNI SENZA MAMMA: 314.156 euro (47.773 spettatori) 183/1.717 – Tot. 7.147.333

7 – ANCORA AUGURI PER LA TUA MORTE: 286.189 euro (39.899 spettatori) 243/1.178 – Tot. 1.029.875

8 – C’ERA UNA VOLTA IL PRINCIPE AZZURRO/strong>: 283.464 euro (45.560 spettatori) 256/1.107 – Tot. 739.969

9 – I VILLEGGIANTI: 275.229 euro (42.115 spettatori) 119/2.313 – Tot. 275.229* (4GG)

10 – CROCE E DELIZIA: 275.023 euro (42.507 spettatori) 315/873 – Tot. 985.988

Per maggiori approfondimenti visitate la sezione Box Office di ScreenWEEK.it

Fonte dei dati: Cinetel

Volete rimanere sempre aggiornati con le migliori notizie sul business di cinema, intrattenimento e tecnologia? Scaricate la nuovissima app di Cineguru.biz, rinnovata nella user experience e nel design, disponibile gratuitamente sia per dispositivi iOS e Android

Robert Bernocchi
Robert Bernocchi
Story editor & Data Analyst at Pepito Produzioni e Data and Business Analyst at Cineguru.biz & BoxOffice.Ninja. In passato, responsabile marketing e acquisizioni presso Microcinema Distribuzione, marketing e acquisizioni presso MyMovies.

Lascia un commento

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 365.410 spammer.