Home > Distribuzione > Digitale > ISP Speed Index: Vodafone supera Fastweb nella classifica della velocità di connessione

ISP Speed Index: Vodafone supera Fastweb nella classifica della velocità di connessione

Per la prima volta dopo undici rapporti mensili stilati da Netflix, Vodafone la spunta e si conferma come provider mediamente più performante.

Da sempre Netflix monitora le prestazioni dei provider internet relativamente alla fruizione delle sue trasmissioni, e così è anche nel nostro Paese, che più di molti altri soffre di una certa arretratezza nelle performance dei vari tipi di linea internet. Ora, a un anno dall’arrivo del network, per la prima volta è Vodafone a strappare il primato, superando il rivale storico Fastweb; Vodafone passa a una velocità media di 3.46 Megabit al secondo, migliorando dal 3.42 del mese scorso, mentre Fastweb registra un 3.42, perdendo il podio. A seguire, il quadro rimane pressoché invariato rispetto al passato, con a seguire Wind (3.18 Mbps), Tiscali (3.18 Mbps), EOLO (2.88 Mbps), Vodafone TeleTu (2.65 Mbps) e Linkem (2.26 Mbps).

isp-1

È importante specificare che non si tratta di una valutazione infallibile sulle prestazioni dei singoli provider, ma di una semplice comparazione sulla base dei risultati avuti durante l’utilizzo a campione dei servizi Netflix durante la fascia di Prime Time. Come riportato da Netflix stessa, difatti:
“Calcoliamo il bitrate medio in megabit al secondo (Mbps) dei contenuti di Netflix visti in streaming dagli abbonati Netflix per ciascun ISP durante il ‘prime time’. Misuriamo la velocità tramite tutti i dispositivi disponibili agli utenti. Per un numero limitato di dispositivi non possiamo calcolare i bitrate esatti e lo streaming tramite reti mobili è escluso dai nostri rilevamenti. La velocità riportata nell’Indice Netflix di velocità degli ISP non rappresenta una misura del throughput massimo o della massima capacità di un ISP”.

Si tratta, ad ogni modo, di dati interessanti, che vanno comunque (e purtroppo) a confermare l’arretratezza media dell’apparato nel nostro Paese rispetto ad altre nazioni più all’avanguardia, come la Germania.

Top