Home > Cinema > MIA – Mercato Internazionale Audiovisivo: Highlights della seconda giornata e programma della terza

MIA – Mercato Internazionale Audiovisivo: Highlights della seconda giornata e programma della terza

Il Mercato Internazionale dell'Audiovisivo entra nel vvo: vediamo insieme gli appuntamenti della terza giornata e gli highlights per la seconda.

Il secondo giorno di MIA si è aperto con la spettacolare presentazione al Planetario di The Italian Journey: A Showcase of Italian TV excellence, un viaggio di scoperta, che conferma la bellezza del paesaggio italiano e capace di illustrare la grande Arte delle maestranze italiane. Ma ad attirare produttori dell’audiovisivo stranieri in Italia non c’è solamente la “ Grande Bellezza” ma anche e soprattutto sempre nuovi incentivi fiscali. Difatti, come dichiara Nicola Borrelli, Direttore generale Cinema del Mibact: “Siamo alla vigilia di una nuova legge che aumenta del 60% le risorse che lo stato investe nel cinema e nell’audiovisivo; E’ un sistema che vuole aiutare gli investimenti nel cinema e nell’audiovisivo e vuole aiutare la collaborazione tra l’Italia e il resto del mondo. La parte principale di questa legge sono i crediti di imposta, introdotti sei anni fa e che riguardano le produzioni internazionali. Il meccanismo è nel recupero di una parte di quello che è stato investito: si spende e viene ripresa una percentuale, che nelle produzioni internazionali arriva al 25%.”

mia2-c

A magnificare le possibilità italiane in merito alle location interviene anche Stefania Ippoliti, Presidente delle Italian Film Commissions e Responsabile Area Cinema della Mediateca Toscana: “In Italia ci sono 3180 castelli e 240 siti archeologici. L’Italia è facile da usare come location cinematografica, non solo perché è bella, ma anche perché ci sono le professionalità e l’accoglienza. In ogni regione c’è una Film Commission attiva con persone giovani, motivate e preparate, che conoscono bene il territorio. In Italia le produzioni straniere troveranno una sorta di hub per il cinema. A rendere famosa l’Italia nel mondo dell’audiovisivo sono stati soprattutto i grandi artigiani artisti che partecipano alla creazione di un film o di una serie TV apportando quell’eccellenza e quel livello di qualità ineguagliabili nel mondo. Hollywood infatti ha sempre guardato all’eleganza italiana, tanto da coinvolgere i nostri più grandi costumisti nelle sue mega produzioni.”

Nicola Sganga di Makinarium, la factory che rappresenta oggi la nuova frontiera italiana degli effetti speciali, ha spiegato: Tale of tales di Matteo Garrone è il film grazie al quale è nata la nostra società. Per questo film si è creato un incontro tra due tipi di lavorazioni: quella degli effetti visivi e quella degli effetti speciali. Alla base di questo successo realizzativo c’è un grande lavoro di pre-produzione.”

mia-2b

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha presentato l’edizione 2016 del bando Lazio Cinema International con cui vengono stanziati 10 milioni di euro del Por Fesr 2014-2020 per le imprese del settore cinematografico e dell’audiovisivo. Obiettivo del nuovo bando è quello di sostenere la capacità del sistema produttivo del territorio di lavorare nelle grandi coproduzioni internazionali, cinematografiche e audiovisive, valorizzando il “girato” nel Lazio e favorendo il coinvolgimento delle imprese della filiera, promuovendo la crescita strutturale del settore e l’immagine del Lazio.

Sono contento di dire – ha detto Zingaretti – che abbiamo aggiunto un altro tassello alla politica di sostegno dell’audiovisivo per creare un modello di sviluppo che sostenga la cultura.Il Bando della Regione Lazio è un’idea di politica economica e industriale per una regione come questa che possiede una grande ricchezza nel settore dell’audiovisivo: attori, produttori, registi, ma anche paesaggi. La politica deve essere capace di trasformare questa ricchezza in benessere per tutti. Il Lazio è oggi la seconda regione europea dopo la regione di Berlino – Brandenburgo con il suo sostegno all’audiovisivo di oltre 25 miioni di euro. “

Sovena, di Roma Lazio Film Commission, ha aggiunto quindi: “Il secondo bando arriva dopo gli ottimi risultati avuti con la prima edizione. Le domande che vengono inoltrate sono sempre più numerose e provengono sempre di più da paesi stranieri. La nostra speranza è quindi che si siano creati i presupposti giusti per venire a girare nella regione Lazio.”

mia-2a

Il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha presentato ai players nazionali e internazionali il Disegno di Legge Cinema: “Sarà una legge ampia del settore come si aspettava da quarant’anni, che punta a sostenere, aiutare e incentivare l’industria cinematografica e l’audiovisivo. C’è finalmente un fondo certo di 400 milioni che può anche essere incrementato, perché ha come riferimento le entrate fiscali. Tra le molte novità c’è spazio per le scuole, per chi apre e ristruttura sale storiche, ma soprattutto entra l’automatismo per l’accesso delle produzioni ai tax credit e finisce la discrezionalità delle commissioni.”

In questa giornata, all’interno dei Talks di MIA DOC, si è parlato anche del ruolo dei programmi di arte e cultura nei canali televisivi. A proposito dell’Hub lanciato lo scorso anno da Sky Art, che vede la collaborazione tra Italia, Germania e Inghilterra, il Direttore di Sky Arte Roberto Pisoni ha dichiarato: “La difficolta più grande sta nel trovare il giusto equilibrio tra i tre paesi. In Italia abbiamo bisogno di programmi e documentari che abbiano un forte impatto emotivo, mentre Inghilterra e Germania prediligono un approccio più didattico. Abbiamo avuto un grande successo in Inghilterra con Master of Photograhy, talent show condotto da Isabella Rossellini, nel quale i concorrenti vengono giudicati da un inglese, un tedesco e un italiano, come nelle più celebri barzellette. Il format del programma è quello del talent show, ma la struttura è quella dei canali d’arte.” Sugli investimenti e sulle produzioni di Sky Arte, Pisoni ha le idee chiare: “ Dobbiamo coinvolgere autori, produttori e registi. Per ora abbiamo collaborato solo con aziende italiane perché i costi di produzione in Italia sono più bassi, ma per il nostro secondo anno vogliamo coinvolgere altri paesi, come l’Inghilterra. Non c’è un protocollo particolare per proporre un progetto, anche i produttori indipendenti possono proporsi ma di solito è ai festival che avvengono gli incontri più interessanti. Il budget minimo è 50,000 euro, quello massimo dipende dal progetto.”

Programma MIA di sabato 22 ottobre

ore 10.30 – Hotel Boscolo Exedra (Piazza della Repubblica,47) – Sala Michelangelo
La commissione europea e l’industria dell’audiovisivo
Un incontro che continua un dialogo iniziato a Venezia dai professionisti dell’audiovisivo. Un confronto tra i players italiani e internazionali sui temi più attuali dell’industria, tra i quali gli effetti del Digital Single Market e le riforme del Copyright.
Intervengono: Roberto Viola (Direttore Generale DG Connect Commissione Europea), Silvia Costa (Presidente Commissione Educazione e Cultura – Parlamento Europeo).

ore 12.00 –Planetario (Via Giuseppe Romita,8) – MIA DOC
La cultura nella televisione pubblica: La Bella e la Bestia?
La cultura è ancora “programmazione di nicchia” per un pubblico ristretto? Attirare spettatori con un palinsesto culturale spesso è una sfida. Qual è il ruolo che le emittenti pubbliche giocano o dovrebbero giocare quando si tratta dei documentari culturali? Un’intensa discussione con i broadcaster da Canada, Stati Uniti, Francia, Germania ed Italia.
Intervengono: Rudy Buttignol (CEO and President, Knowledge Channel – Canada), Nick Fraser (Yaddo), Liz Cheng (General manager of WORLD, WGBH – USA)
Madeleine Avramoussis (Commissioning Editor Documania, ARTE – France – Germany), Georges Amar (Executive producer Special Reports and documentaries Société Radio Canada – Canada). Sessione prodotta da Christian Popp (YUZU Productions) e Gioia Avvantaggiato (GA&A), moderata da Nick Fraser.

ore 15.00 – Hotel Boscolo Exedra (Piazza della Repubblica,47) – Sala Michelangelo – MIA CINEMA
Tutto cioè che hai sempre desiderato sapere sulla distribuzione ma non hai mai osato chiedere – Prevendite e Coproduzioni
Un incontro per approfondire il ruolo essenziale dei distributori cinematografici locali come finanziatori, grazie a pre-vendite e co-produzioni, che si affianca al ruolo già noto di curatori e promotori a livello nazionale. Una realtà sempre più importante che vede molte compagnie essere attive sia nella produzione che nella distribuzione. Quali i rischi finanziari? Le riforme promosse dalla Commissione Europea possono aiutare la filiera di produzione e la promozione di film indipendenti? Intervengono: Ed Guiney (Elements Pictures, produttore), Andrea Occhipinti (Lucky Red, distributore e produttore), Roberto Olla (Direttore esecutivo Eurimages), John Von Thaden (Magnolia Pictures & Magnet Releasing, distributore), Michael Weber (Sales Agent, The Match Factory)

ore 16.00 – Terme di Diocleziano (Piazza della Repubblica) – Sala Conferenze
Case Studies sulla TV italiana – Montalbano e Rainbow
I più eclatanti casi di successo della fiction e dell’animazione italiana
Intervengono: Nicola Serra (Palomar), Loredana Vaccari (Rainbow)

ore 17.00 – Hotel Boscolo Exedra (Piazza della Repubblica,47) – Sala Michelangelo – MIA CINEMA
Remake it!
Il panel vuole sollevare l’attenzione sul crescente mercato dei remake: la vendita dei diritti di storie che hanno avuto successo in madrepatria e che hanno il potenziale per avere successo con il pubblico mondiale. Si confrontano professionisti del settore italiani e internazionali scambiandosi esperienze e discutendo gli aspetti legali, commerciali e creativi dei remake.
Intervengono: Alejandro Cacetta (Produttore e Presidente INCAA), Robert Darwell (Avvocato settore intrattenimento, Sheppard Mullin Richter), Thierry Desmichelle (Distributore, SND Group M6), Lorenzo Gangarossa (produttore, Wildside), Alessandro Usai (produttore, Colorado). Modera: Guido Rud (Sales Agent, Filmsharks Int’l)

ore 17.30– Planetario (Via Giuseppe Romita,8) – MIA TV
Masterclass con Tim Kring e Gina Gardini
Lo Showrunner è una figura chiave nei successi della moderna televisione americana: un produttore creativo capace di occuparsi sia dell’aspetto economico e industriale che del lato artistico. Parlano dell’importanza e dell’abilità di questi professionisti nel dialogare con vari livelli della filiera di produzione due vere autorità: Tim Kring, regista, autore e produttore americano, showrunner e creatore di serie quali Heroes, Touch e Crossing Jordan, e Gina Gardini, che ha prodotto serie di successo quali Romanzo Criminale e Gomorra.
Interviene: Tim Kring (Imperative Entertainment), Gina Gardini (Cattleya). Modera: Stephen McPherson (Wonder Monkey TV)

Top