Home > Distribuzione > Netflix: parte a settembre l’esclusiva sui film Disney

Netflix: parte a settembre l’esclusiva sui film Disney

Netflix avanza nella lotta alla pay-tv tradizionale: in vigore da settembre negli USA l'accordo firmato tre anni fa che le permetterà di avere le nuove uscite della major nella stessa finestra dei servizi via satellite o via cavo come HBO.

Sancita da un accordo siglato tre anni fa, sarà operativa a partire da settembre l’alleanza tra il ramo cinema di Disney e il leader USA dello SVOD (subscription video on demand), Netflix. Dal prossimo autunno tutti i film della major e dei suoi vari brand, come Pixar, Marvel e LucasFilm, approderanno sul servizio di streaming in esclusiva già nella finestra pay-tv, dunque in contemporanea alle principali tv via cavo e senza concorrenza per quanto riguarda invece gli OTT, cioè gli operatori over-the-top che offrono film e serial tramite la rete.

L’intesa riguarda ovviamente gli Stati Uniti e solo i titoli distribuiti sul grande schermo a partire dal 2016, per cui non vi rientrerà il campione di incassi Star Wars: Il Risveglio della Forza, ma comprenderà in compenso titoli come Zootropolis e Captain America: Civil War, in cima al  box office mondiale di quest’anno.

L’annuncio, che ricorda sostanzialmente ad abbonati esistenti e potenziali il prossimo arricchimento del catalogo, non è tra i più rivoluzionari. Si tratta però di un passaggio importante per capire quanto le piattaforme di video on demand online abbiano davvero il potenziale per sradicare i vecchi modelli della pay-tv. In un mercato in cui il contenuto continua ad essere “re”, la disponibilità delle major a offrire tempestivamente  il loro prodotto in SVOD è infatti un dato fondamentale per il successo di realtà come Netflix. Che ora punta all’estero per convincere i mercati del proprio potenziale di crescita, ma sul fronte interno, gli USA, comincia ad affrontare già i primi rallentamenti e le critiche riguardo all’assortimento della library al di là degli apprezzati Originals, come ha sottolineato commentando la notizia il popolare sito di tecnologia TechCrunch. Ricordiamo infatti che normalmente i servizi ad abbonamento online devono attendere circa due anni per avere a disposizione i titoli usciti sul grande schermo, mentre la finestra pay-tv, quella di HBO per intenderci, inizia a 9 mesi dalla loro release, dunque con grande vantaggio competitivo per la compagnia di streaming guidata da Reed Hastings.

Top