Home > Cinema > La Cina avrà il suo supereroe, parola dei registi di Captain America

La Cina avrà il suo supereroe, parola dei registi di Captain America

Anthony e Joe Russo, già dietro la macchina da presa degli ultimi due Captain America e legati a due prossimi film degli Avengers, svelano qualche dettaglio in più su "Il Risveglio dell'Eroe", il superhero movie cinese che stanno preparando per la Cina con la regia dello storyboard artist de Il Libro della Giungla.

L’occasione è stata ovviamente la première di Captain America: Civil War a Pechino, dove  i due registi dell’ultimo blockbuster Disney hanno fatto un po’ di teasing sul nuovo superhero movie a cui stanno lavorando, e che non ha nulla a che vedere con il Marvel Cinematic Universe. Tramite la loro compagnia cinese Anthem, infatti, i fratelli Anthony e Joe Russo stanno preparando un film integralmente cinese sulla scia del successo dei cinecomic, dal titolo The Hero’s Awakening (cioè Il Risveglio dell’Eroe… vi ricorda qualcosa?). Il lungometraggio sarà realizzato in collaborazione con Beijing FangJin Visual Media Culture Communication e co-diretto dal regista cinese Feng Mushui insieme allo storyboard artist americano Anthony Leonardi, già dietro le quinte di Game Of Thrones e soprattutto di un altro successo Disney come Il Libro della Giungla. The Hero’s Awakening sarà girato in mandarino e distribuito nel solo mercato cinese, probabilmente verso ottobre.

Il budget è di “appena” 30 milioni di dollari, ma considerando la fame di cinema dimostrata dal pubblico della Repubblica Popolare, che si appresta a diventare già dall’anno prossimo il primo mercato cinematografico mondiale, non è detto che non riesca a raggiungere risultati di rilievo. Anche in virtù delle agevolazioni che la autorità locali continuano a concedere ai film nazionali, cui spettano teniture più lunghe e maggiori certezze sulla distribuzione.

Nel frattempo Captain America: Civil War, uscito in Cina lo scorso weekend con uno spettacolare debutto da oltre  96 milioni di dollari, ha superato la soglia dei 100 milioni nel Paese asiatico e i 700 milioni  a livello globale. Nota di colore: i media locali parlano già del loro Captain China.

Fonte: Deadline

Top